L\'Udeur si scioglie e confluisce nel Partito Democratico

roberto nocerino 21/03/2008 -

L\'Udeur si scioglie e confluisce all\'interno del Partito Democratico. È stato formalizzato ieri l\' \"allargamento\" del partito di Veltroni che ingloba ora anche gli ex iscritti al partito di Mastella.




Il direttivo composto dal segretario Roberto Nocerino e da Mauro Bedini, Massimo Parri, Daniela Curzi, Catia Gobbetti e Nicola Lagna ha decretato lo scioglimento dell\'Udeur i cui rappresentati entrano ora a fa parte dei vari gruppi di lavoro del Pd. Una novità che non modifica numericamente l\'assetto del governo cittadino (dato che l\'Udeur non ha rappresentanti in consiglio) ma rafforza il peso specifico del Partito Democratico in seno alla maggioranza, in crisi dopo le minacce di Rifondazione Comunista di uscire dalla coalizione.


\"Se Rifondazione uscisse dalla maggioranza commetterebbe un grosso errore perchè insieme abbiamo sottoscritto un mandato per i cittadini e chiamandosi fuori non potrebbe più continuare ad essere portavoce delle istanze dei cittadini -afferma Nocerino (nella foto), confermato nell\'incarico di coordinatore della maggioranza- in quanto a noi, l\'Udeur a Senigallia si è sciolto ed è confluito all\'interno del Pd con i vari rappresentanti che entrano a far parte dei gruppi di lavoro\".


\"Una scelta -aggiunge il segretario del Pd Fabrizio Volpini- in continuità con l\'attività svolta finora dall\'Udeur con questa maggioranza. In quanto a Rifondazione è inaccettabile che l\'agenda politica cittadina sia dettata da questo partito. Del resto gli attriti di Rc all\'interno della maggioranza sono iniziati ben prima della scelta di Veltroni di correre da solo. Basta pensare che il partito non ha votato pratiche importanti come la variante Arceviese e il bilancio\".


In quanto alla decisione dell\'Udeur senigalliese, la senatrice del Pd Silvana Amati si dice soddisfatta per la scelta compiuta. \"Siamo molto contenti per questo allargamento del Pd che avviene in un momento per noi importante come quello delle elezioni politiche -sostiene la Amati- del resto è proprio nella natura stessa del Pd aprirsi il più possibile a nuovi contributi e nuove forze\".








Questo è un articolo pubblicato il 21-03-2008 alle 01:01 sul giornale del 21 marzo 2008 - 5724 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, roberto nocerino, politica, udeur


Nocerino da F.I. all\'Udeur ed ora al PD, Bedini da AN all\'Udeur ed ora al PD. Poi dice che uno si butta a sinistra...

Commento sconsigliato, leggilo comunque

la bandiera s\' bìra \'ndó la spégn\' \'l vent. Machì da nó spira a mancìna.

Anonimo

Battute a parte capisco il senso della scelta compiuta da Roberto Nocerino e dagli altri iscritti dell\'Udeur locale, è una conseguenza della situazione nazionale di quel partito; chi localmente ha collaborato per anni ad una maggioranza politica e ci si riconosce, è giusto che non interrompa un lavoro al quale peraltro ha dedicato molto impegno ed entusiasmo -come nel caso di Nocerino- a causa di vicende esterne alla vita cittadina. D\'altronde Mastella ha infilato velocemente il collo nel cappio che gli avevano preparato (o è molto furbo -ma allo stato dell\'arte non sembra- o molto fesso).<br />
Noto solo che in altri tempi si sarebbe detto che tizio o caio cambiano partito, oggi lo si scioglie direttamente: davvero ormai le sigle non contano più nulla! Per quanto alle trasmigrazioni da una parte all\'altra non sono una novità nè uno scandalo, conosco ottime persone che da giovani militavano nell\'estrema destra e oggi hanno posti di vertice nella sinistra radicale. Oggi poi, che in un partito-contenitore ci può stare tutto e il contrario di tutto, dov\'è lo scandalo? Veltroni non è mai stato comunista (oh yeah, we can!) e Babbo Natale non esiste, lo sanno anche i bambini, ormai. <br />
Personalmente e molto modestamente non sono d\'accordo e canticchio i versi di Guccini (Canzone di notte N.2) \"scusate, non mi lego a questa schiera, morrò pecora nera\".<br />
<br />

Ho postato io il commento sopra. Normalmente firmo, ma stavolta ho dimenticato di fare il login.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Questa è una ulteriore dimostrazione di quello che il PD vuole essere e cioè un contenitore di interessi, rappresentati da una serie di figure che per un piatto di lenticchie, una assunzione in comune, qualche metro edificabile in più sono pronti a saltare da uno schieramento all\'altro.<br />
Se hai militato nel partito di Mastella puoi permetteri qualsiasi bassezza. <br />
Alla Sen. Amati vorrei ricordare che se adesso è impegnata in questa campagna elettorale deve ringraziare proprio quei soggetti che accoglie così calorosamente.<br />
Ovviamente si sente, anche lei come Volpini, sicura di poter fare a meno di tanti possibili elettori che, visto l\'andazzo, sicuramente voteranno a sinistra o,peggio ancora se ne staranno a casa.

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Ai cittadini che non si sentissero rappresentati da questi nuovi Fregoli (era un artista mago dei trasformismi, per i più giovani o smemorati)della politica, un consiglio ce l\'avrei, ma se lo dicessi credo che per la par condicio VS mi oscurerebbe...cosa che peraltro già fanno alla grande anche i big della comunicazione (non con me, chiaro, con i miei!).<br />
Io peraltro faccio fatica a capire: Bonino e Binetti insieme, quale messaggio vorrebbero mandare? E\' il falso diminutivo che le accomuna?Conosco il Gen. Del Vecchio di persona, ottimo soldato, una roccia, ma quale linea politica promuove la sua presenza in lista? Che il Pd ce l\'ha duro come Bossi?<br />
Veltroni voleva essere libero da legacci politici e personalismi: Pannella e Di Pietro infatti sono notoriamente due personaggi politicamente tranquilli, flessibili e ragionevoli.<br />
Invece Angius, che ha passato una vita nel suo vecchio partito, persona perbene e politicamente affidabile, no, lui fuori perchè il socialista \"rompe i coglioni\". Ma dai? Il topolino da fastidio all\'elefante?<br />
Veltroni e Berlusconi, il falso accrescitivo li accomuna...

Si, tutto sommato credo che bisogna riconoscere al tuo partito almeno la serietà e la correttezza dei comportamenti.<br />
Oggettivamente in questo panorama, se non ci si butta a sinistra, credo che possa essere un buon approdo.

Ma se tira com l\'garbin prò, dai e dai, finisc ch\' piov, e se piov sal garbin dura minim tre giorni.

Perfetto! Complimenti!<br />
Così se avevo una vaga intezione di votare per il PD nazionale, vedendo gli andazzi locali m\'è passata definitivamente la voglia...<br />
<br />
Cari lettori, cittadini, elettori...le cittadine e i paeselli non sono nazioni...quando si potranno vedere governati solo da liste civiche e i partiti solo a Roma?<br />
Risposta: mai!<br />
<br />
Stanco in vacanza a Senigallia<br />
<br />
P.S.: invito a Volpini...Inoltri questo mio commento direttamente a Veltroni...Grazie!