Senigallia: è scoppiata la molletta-mania

01/04/2008 -

Sabato pomeriggio il centro di Senigallia è stato invaso da mollette colorate usate come spille, fermacapelli e in tanti altri modi fantasiosi.

Non si tratta di una nuova moda lanciata dallo stilista di turno ma di una originale quanto grave forma di protesta politica.




Ad organizzare l\'iniziativa, diffusa in tutta Italia, un gruppo di blogger senigalliesi che ha distribuito in poche ore 500 volantini ed oltre 300 mollette da bucato.


La protesta vuol evidenziare come l\'attuale legge elettorale, non a caso chiamata \"porcellum\" sia antidemocratica. In particolare l\'assenza delle preferenze ruba agli elettori il diritto di scegliere i propri rappresentanti in parlamento e lo affida alle segreterie di partito.


Gli elettori sono costretti a votare candidati che non conoscono, che non hanno nulla a che vedere col proprio collegio elettorale, che sono inquisiti o anche condannati per reati gravi, indipendentemente dallo schieramento scelto. Le segreterie dei partiti sanno che gli elettori non hanno alternative e non si fanno problemi a candidare chiunque, di fatto hanno sequestrato i diritti democratici ai cittadini, in barba alla costituzione.

Con questa legge elettorale il voto diventa quasi del tutto inutile, tanto che è già possibile , ad esempio, sapere chi saranno gli otto senatori che verranno eletti nelle Marche. Anche se la parola \"eletti\" è ormai inappropriata ed andrebbe sostituita con \"nominati\".


Lo spunto della protesta è nato da una frase di Indro Montanelli. Gli Attivisti de La scheda puzza? Non mollare! invitano tutti a recarsi al seggio elettorale con una molletta sul bavero della giacca, per sottolineare il disprezzo per questo modo di fare politica.

Non si tratta di antipolitica, non rinunciamo al nostro diritto di voto. Ne si può parlare di una goliardata.
E\' un gesto che ci permette di salvare la nostra dignità.


Tutti possono aderire a questa protesta semplicemente recandosi al seggio con una molletta da bucato. Chi vuole sostenere l\'iniziativa può inserire questo codice nel proprio sito web.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 aprile 2008 - 4372 letture

In questo articolo si parla di luana angeloni, elezioni, politica, La scheda puzza


Ho già comunicato a Michele che andrò al seggio con la molletta sul bavero. Voterò tra le liste chi si impegna a regolamentare per legge i partiti politici ed a restituire ai cittadini la scelta degli eletti. Per ora registro solo qualche posizione positiva alle preferenze da La Destra e dall\'UdC. Chi ne sa di più ?

di più!

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Io non ci penso nemmeno ad andare a votare ... dovrei eleggere gente che non conosco e non stimo ... non mi sembra il caso . Non ho ancora trovato nessuno che si sia comportato in modo diverso una volta eletto e quelli che verranno eletti il 13/14 aprile sono sempre gli stessi da 10 anni a questa parte quindi ... PREFERISCO ANDARE AL MARE O IN MONTAGNA e vedere i nuovi (ma fatemi il piacere) eletti dire che l\'italia è finalmente cambiata. Nuova legge elettorale e nuove persone allora si che torno a votare. <br />
<br />
Gherardo Massi

L\'iniziativa poteva essere simpatica ed estremamente ricca di significato...<br />
Purtroppo è già fallita, quando avete perso tempo ad esporla all\'illustre personaggio in foto che vi ha deliziato anche di risatina goliardica trasformando anche questa operazione in una barzelletta all\'italiana...<br />
Invece di perdere tempo lì potevate contattare la redazione di AnnoZero di Michele Santoro che v\'avrebbe sicuramente invitato in trasmissione e avreste avuto una risonanza più meritevole...<br />
<br />
Mi spiace ma non trovo coerenza e soprattutto tanta voglia di ridere in temi così importanti...<br />
<br />
Stanco in vacanza a Senigallia

Si puo anche non andare a votare e mettere la molletta.....

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Tania

Caro Michele, ti ho sentito fare la domanda a Silvana Amati.... Ma al sen. Casoli l\'avete chiesto un commento sulla faccenda?<br />

Purtroppo non votando la si da automaticamente vinta proprio a quelle persone che non vorrebbero i cambiamenti.<br />
Io sono ancora indeciso, ma so per certo che andrò.

A votare bisogna andare. Non c\'è dubbio. Non andando, infatti, si abbassa il quorum e si fa un favore ai partiti: non dimenticate che le percentuali sono calcolate non sugli aventi diritto al voto (gli elettori), ma sui votanti. Insomma, non andando a votare, quello che sarebbe - che so - il 30% dei consenso degli elettori può diventare, poniamo, il 50%, perché molti elettori sono rimasti a casa.<br />
<br />
Ma se non si vuole votare le persone che ci sono state imposte, che si fa? E\' sufficiente consegnare la scheda bianca o annullata. Il voto in questo modo è stato espresso (\"non trovo nessuno da votare\") ed è quindi conteggiato.<br />
<br />
Anch\'io entrerò al seggio con la molletta (a me è capitata rossa! Indicativo). Ma andrò, anche se:<br />
<br />
1) Le liste bloccate sono il peggior regalo che la destra poteva farci. Ma - si sa - la destra preferisce la dittatura e, dunque, le liste bloccate le si addicono;<br />
<br />
2) il PD, che pure voleva cambiare la legge, poi ha seguito la stessa strada. I vecchi metodi verticistici, in uso in uno dei partiti, hanno prevalso e - checché ne dicano i giovani volontari che, in totale ingenuità (spero per loro), si stanno dando da fare per la campagna elettorale e incollano buste a tutta birra - tutto è stato deciso dal vertice. Dunque, non democraticamente.<br />
<br />
Lascerò la scheda in bianco? No. Se è vero che nelle liste (Camera e Senato) che vorrei riuscire a votare ci sono persone che non gradisco, vuoi perché non c\'entrano niente con la politica e sono state messe lì solo per \"meriti\" familiari, vuoi perché usano metodi vecchi che non condivido, è pur vero che ce ne sono altre apprezzabili e per questo collocate nelle retrovie (la qualità in politica notoriamente non paga. E poi, se le persone di qualità stanno dietro, possono \"portare sulle spalle\" quelle meno meritevoli collocate davanti! E\' un vecchio giochetto). E allora, non votando farei il gioco dei capilista che non si meritano di esserlo. I primi delle liste passerebbero ugualmente e i politici seri rimarrebbero a casa. Insomma, farei il gioco del vertice e dei verticismi!<br />
<br />
Ecco perché - in attesa di tempi migliori e di giovani non ancora plagiati dai vecchi che possano realmente rinnovare la politica - voterò. Con la molletta al naso, ma voterò.

Condivido,bisogna andare a votare ,ma presumo che una molletta non sia suficente.

Purchè la molletta non sia dotata di telecamera credo sia ammesso portarla al seggio.<br />
Ma continuare a reputare questa legge elettorale come il peggior regalo della destra mi sembra un pò riduttivo. Qualcuno, da destra, questa legge voleva cambiarla, qualcun\'altro, da sinistra, evidentemente reputava che questa legge (forse fiutando il futuro) andava bene così. Non riesco a spiegarmi altrimenti i tentennamenti sul da farsi (anche se a rivedere le parodie di Crozza trovo il tutto molto coerente) tenuti, all\'epoca della raccolta firme per il referndum \'elettorale\', da una fra le novità (a detta sua e dei suoi sostenitori) del teatrino della politica. Che si pianga oggi il male che non si è voluto curare ieri mi pare poco dignitoso.<br />
<br />
Paolo Belogi

Non capisco questa polemica.<br />
Abbiamo incontrato il Sindaco sulla scalinata di Palazzo del Duca e cosa dovevamo fare? Ignorarlo? Prenderlo a male parole?<br />
C\'è stato uno scambio di battute e casualmente la foto è stata fatta quando il Sindaco sorrideva...

Off-topic

io non credo di andare a votare ma se c\'è qualche partito che vorrebbe comprare il mio voto mi contatti privatamente.costo 50euro trattabili, astenersi perditempo.<br />

Non ho capito a quale \"novità\" ti riferisci. Ciao!

Obelix

...e poi il sindaco sorride sempre anche quando è furiosa. Qualcuno deve averle detto tanti anni fa che è la sua arma vincente. A Silvana invece nessuno deve averlo detto. E infatti la sua foto sui manifesti è orribile. Ha un\'espressione arrogante che più non si potrebbe.

La novità del momento è Walter (lo va dicendo lui stesso e a furia di dirlo finirà col crederci), quello che sui manifesti elettorali chiede all\'Italia di voltare pagina. Dopo venti mesi di Prodi \'voltare pagina\' significa un governo Veltroni? Con Bassolino, magari, ministro di qualcosa? ...nun se poffà:)<br />
<br />
Paolo Belogi<br />

Anche perchè, se è vero quanto dice qualcuno, alla fine si sa già chi sarà eletto: non spenderebbero soldi per un voto.

Se sei onesto con te stesso, come io cerco di esserlo con la destra, dovresti ammettere che il governo Prodi è stato uno dei migliori degli ultimi anni e che se avesse potuto continuare, anche i cittadini se ne sarebbero accorti. Per questo l\'hanno fatto fuori. Lui, certo, è antipatico e dunque non fa <i>audience</i. E l\'<i>audience</i> conta, al giorno d\'oggi!<br />
<br />
Però, che Prodi sia stato ed sia in gamba (per esempio, anche la Moratti ha riconosciuto il suo ruolo fondamentale nella vicenda Expo Universale) non si può dire: porta male a Uolter. Certo è che se tornano Berlusconi, Tremonti, Calderoli, Castelli, La Russa e compagnia cantando, l\'Italia andrà certamente a picco. Su questo, non ho dubbi. E con l\'Italia una buona fetta di democrazia, viste le intenzioni di Fini. <br />
<br />
Come vedi, tra i ministri non ho inserito Maroni. Per l\'onestà di cui ti dicevo all\'inizio. Lui, non è stato del tutto male...<br />

Presto pubb licherò il video della domanda all\'Amati e la relativa risposta.<br />
Se mi capiterà ripeterò volentieri la domanda a Casoli.

Off-topic

Volevamo organizzarci con delle mascherine...

A\' Michè, ce la fai a recuperare quelle parti dei vari programmi presentati che dicono qualcosa sulla regolamentazione dei partiti e sulla restituzione della scelta degli eletti ai cittadini ? Aiuteresti la mia scelta di elettore \"mollettato\". Sulla regolamentazione dei partiti ricordo proposte presentate in Parlamento da Storace e da Salvi e Villone.

Anonimo

Con tutta l\'onestà di cui sono capace devo ammettere che faccio un po\' di fatica a pensare al governo Prodi come ad uno dei migliori degli ultimi anni. Così come, nonostante il grande sforzo d\'immaginazione, non riesco a pensare a qualche possibilità di quel governo a continuare, vista anche la sfiducia amica di cui godeva. L\'hanno fatto fuori scrivi. Fosse stato per il centrodestra l\'avrebbero fatto fuori 20 mesi fà: se è successo 20 mesi dopo il suo reinsediamento a Palazzo Chigi probabilmente non tutta la lode di cui lo rivesti è autentica e condivisa, tra la sinistra.<br />
Per un Premier poi latitante come Prodi nelle ultime settimane, come gli sarà stato chiesto di fare, affacciarsi e bearsi degli applausi entusiastici per la Milano Expo e non aver neanche fatto capolino fra la mondezza di Bassolino-Jervolino non mi sembre un gran trampolino per sperare di arrivare a fine legislatura.<br />
<br />
PB

Da Wikipedia, l\'enciclopedia libera.<br />
<br />
La legge n° 270 del 21 dicembre 2005 è una legge elettorale italiana, scritta principalmente dall\'allora Ministro Roberto Calderoli (che, in una intervista la definì «una porcata»[1]), detta colloquialmente Porcellum o, appunto, Porcata. Sostituì le leggi 276 e 277 del 1993 (c.d. Mattarellum), introducendo un sistema quasi totalmente differente. Fu approvata con i soli voti della maggioranza parlamentare, senza il consenso dell\'allora opposizione, che l\'ha duramente criticata e contrastata. Ha modificato il precedente meccanismo misto, per 3/4 a ripartizione maggioritaria dei seggi, in favore di un sistema di assegnazione dei seggi quasi completamente proporzionale, a coalizione, con premio di maggioranza ed elezione di più parlamentari contemporaneamente in collegi estesi, senza possibilità di indicare preferenze.<br />
<br />
La legge si può considerare in netta controtendenza con l\'esito del referendum del 18 aprile 1993, il quale, con un consenso dell\'82,7% dei voti e un\'affluenza del 77%, portò all\'abrogazione di alcuni articoli della vecchia normativa elettorale proporzionale del Senato, configurando un sistema maggioritario, delineato in seguito dalle leggi 276 (per il Senato) e 277 (per la Camera, nota anche come legge Mattarella) del 4 agosto 1993.<br />
<br />
Si è votato con questa legge alle elezioni del 2006, ed essa è in vigore per lo svolgimento anche per le elezioni del 2008.<br />
<br />
Su di essa sono pendenti 3 referendum abrogativi, inizialmente fissati per il 18 maggio 2008, poi rimandati al 2009 per lo scioglimento anticipato delle Camere, avvenuto il 6 febbraio 2008.

Ho capito. La campagna elettorale, a sinistra e a destra, fa strani scherzi. Perchè neppure tu riesci ad essere obiettivo. Oppure - ma non sei il solo - non hai avuto voglia di leggere un po\' di dati. <br />
Ciao,<br />
P.S. Sull\'Expo Universale il ringraziamento a Prodi, caloroso, ripetuto e ben scandito, è venuto direttamente dalla Moratti ieri sera al TG.

Ho dato un\'occhiata ai programmi elettorali de: PD, PDL, Sinistra Arcobaleno, UDC, La Rosa Bianca, la Destra.<br />
<br />
<b>Nessuno</b> prevede la riforma elettorale.<br />
<br />
PD, UDC, Sinistra Arcobaleno prevedono la riduzione del numeo dei parlamentari e la trasformazione del Senato in Senato delle Regioni. Gli altri, neppure questo.<br />
<br />
Per fortuna che nel 2009 il Referendum ci sarà e, dunque, qualcosa dovranno escogitare...<br />
<br />
Ciao!

Anonimo

Ma non voglio negargli i trionfi meritatissimi ottenuti, a dire il vero, grazie ad un gioco concertato anche con personalità di centrodestra, mi pare. Solo che un premier è premier anche in regioni (solo per un puro caso amministrate da personalità di sinistra a cui non è stato chiesto di dimettersi neanche per cinque minuti) in cui le cose non vanno proprio benissimo. Non voglio pensare che si agisca, da parte di un illuminato premier come Prodi, solo per un mero tornaconto elettorale. Leggo sempre con attenzione e interesse ciò che posti qui e altrove ma su Romano, proprio non riesco ad essere \'obiettivo\' come te e trovo davvero difficile riconoscergli qualche merito. Ah no: dopo i suoi venti mesi non pago più l\'odiosa tassa sulla ricarica telefonica del cellulare.<br />
Con o senza molletta, buon voto a tutti. Ammesso che, democraticamente, non decidano di attendere sondaggi più favorevoli.<br />
<br />
PB

Ignorarlo per esempio non sarebbe stato sbagliato, dal momento che nessuna legge (per fortuna non l\'hanno ancora fatta) impone un qualsiasi cittadino di riverire un qualsiasi politico incontrato per caso in una piazza, strada, area pubblica... <br />
Come si fa a parlare di liste bloccate, di elezioni stupide, proprio con un politico (sindaco, ex-deputato, ex-consiliere, ex-senatore,??) che solo di stipendio incasserà 25 milioni di lire al mese e che una settimana fa ha risostenuto l\'ennesima \"candidatura\" (per non dire \"scontata nomina\") della famosa/solita senatrice marchigiana???<br />
Se penso solo a questo (e ribadisco solo a questo) io, che per una serie di vicende causate non da me mi trovo disoccupato da 6 mesi senza alcun tipo di sostegno economico e/o morale dalle istituzioni, non trovo alcun nesso logico nè per sostenere la vosta causa nè tantomeno (figuriamoci) per avvicinarmi \"a scambiare due parole con politico\"...<br />
<br />
Adesso la capisci la polemica?<br />
<br />
Stanco in vacanza a Senigallia <br />
<br />
(Ah, dimenticavo di aggiungere, che sarei una persona alla quale piacerebbe votare il PD nazionale...se solo riuscissi a vedere un pò di pulizia in ambito locale però...)

Caro Andrea, scusa ma solo oggi ho avuto tempo per VS, vorrei dirti soltanto che quella signora sorridente è una di quelle persone che hanno ridotto la politica attuale così come è oggi. Secondo me avreste fatto meglio a salutarla, educatamente ed a tirare innanzi.<br />
Avrei votato PD senza scrupoli, ma grazie all\'arroganza di quella signora sto anch\'io riposizionando la mia attenzione.