Accoltella il genero dopo una lite con la moglie

arresto 25/04/2008 - Un muratore moldavo è stato arrestato dopo aver accoltellato il genero che gli impediva di entrare a casa di una delle figlie, dove la moglie con le altre due figlie della coppia era andata a vivere per sfuggire ai continui maltrattamenti dell\'uomo.

S.G, un uomo di 48 anni che vive da molti anni a Jesi con regoalre permesso di soggiorno, ha avuto problemi con la moglie, anch\'essa moldava, che hanno costretto quest\'ultima ad abbandonare la casa di famiglia per andare a vivere dalla figlia sposata insieme alle altre due figlie nubili, di cui una minorenne.


Lo straniero nella tarda serata di mercoledì 23 aprile si è recato ubriaco e con in tasca un coltello da cucina, a casa della figlia per cercare di far ritornare a casa la moglie. Quando le donne hanno ribadito di non voler tornare a casa con l\'uomo, questo è andato in escandescenza e ha estratto il coltello, precedentemente portato, dalla tasca.


Il genero dell\'uomo messosi davanti alla porta per non farlo entrare nell\'abitazione, è stato ferito al braccio senza riportare danni più gravi grazie alla propria prontezza di riflessi, aiutato anche dall\'arrivo dei Carabinieri di Jesi che hanno subito disarmato l\'uomo e ammanettato interrompendo la colluttazione.


Il ragazzo, connazionale dell\'uomo e delle donne, guarirà in sette giorni, mentre S.G sbollirà la sua rabbia in carcere dopo essere stato rinchiuso immediatamente nelle Camere di Sicurezza della Caserma di Jesi in attesa del rito direttissimo al Tribunale di Fabriano, con l\'accusa di lesioni personali aggravate.


di Alessandra Tronnolone
redazione@viveresenigallia.it




Questo è un articolo pubblicato il 25-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 26 aprile 2008 - 1419 letture

In questo articolo si parla di cronaca, jesi, alessandra tronnolone, arresto