Coordinamento civico: il Piano Cervellati sarà revocato nella prossima legislatura

coordinamento civico 01/06/2008 - Contro il piano Cervellati preannunciamo, in consiglio comunale, una opposizione durissima. Se occorre anche ostruzionistica. Questo piano scriteriato che offende la città, la sua memoria storica, il suo patrimonio culturale, i suoi abitanti, i suoi commercianti… è quanto di più deleterio si possa immaginare per il nostro centro storico e per la vita della nostra comunità.

Il sindaco Angeloni, dopo essersi battuto con le unghie per impedire la riunione del consiglio grande allargato alle rappresentanze dei cittadini (e si è capito il perché visto che il piano dell’architetto romagnolo è stato sonoramente bocciato), ha ora sostanzialmente dichiarato che l’opinione della città non conta nulla e che occorre passare alla approvazione dello strumento urbanistico predisposto da Cervellati. La nostra opposizione, senza sconti di sorta, darà voce alla maggioranza della città. A cominciare dalla opposizione fermissima contro l’ipotesi di trasformare Palazzo Gherardi in residence di lusso e svendere così, per meri calcoli di speculazione edilizia, la nostra memoria culturale. Allo stesso modo, le parole pesanti e inaccettabili del prof. Cervellati contro la comunità ebraica offendono tutta la città. Cervellati, seguendo le direttive evidenti del sindaco e offrendo così una copertura ideologica ad una operazione discutibile vuole edificare in piazza Simoncelli e ricostruire il ghetto ebraico. Un’idea davvero inquietante, come ha denunciato il dott. Morpurgo in consiglio comunale, che prevede la riproposizione (ancora una volta a fini speculativi) di una storia di discriminazione durata due secoli.

Ma il piano Cervellati (costato ai cittadini una somma astronomica solo per lo studio e la realizzazione progettuale) è anche altro: è cementificazione selvaggia dell’abitato, eccessiva e smisurata pedonalizzazione del centro storico, azzeramento dei pochi parcheggi esistenti, colpo al cuore del commercio (nel piano scritto da Cervellati i commercianti vengono addirittura colpevolizzati per la crisi dei negozi e delle botteghe del centro storico). Stravagante poi l’idea che il centro storico (dal quale i residenti continuano a fuggire lasciando sfitte e disabitate gli appartamenti) si possa ripopolare costruendo ancora e innalzando nuovi piani. Una operazione che, in realtà, mira soltanto a creare nuova speculazione edilizia per realizzare appartamenti di lusso (come nei locali del liceo Classico “Perticari”) da vendere a forestieri che vi trascorreranno venti giorni all’anno. Altro che ripopolamento locale.

Il Coordinamento civico fa una promessa alla città: se il piano dovesse malauguratamente essere approvato, nella prossima legislatura, quando la città cambierà finalmente pagina di governo, sarà revocato entro i primi cento giorni di amministrazione. E’ più di una promessa.

da Coordinamento civico
Roberto Paradisi, Vincenzo Savini
Fabrizio Marcantoni, Daniele Corinaldesi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-06-2008 alle 01:01 sul giornale del 03 giugno 2008 - 4841 letture

In questo articolo si parla di politica, piano cervellati, coordinamento civico


A proposito di parcheggi...vista la recente sentenza del Tar che ha di fatto abolito i parcheggi a pagamento a Roma, vogliamo ricorrere anche al Tar delle Marche anche per Senigallia?

Quello che penso del Cervellati lo trovate scritto qui di seguito: un giudizio che per una volta faccio completamente mio.<br />
http://lapiagadivelluto.splinder.com/<br />
<br />
Non ho sentito nessuno dire che il vecchio ghetto si riferà, anzi pare che con tutti i contrari che si sono avuti non verrà più considerato, come pure la ricostruzione delle schiere nel quartiere porto.<br />
<br />
I parcheggi sono previsti nel piano: casomai ci sarà da valutarne la sufficenza del numero e la fattività tecnico-economica.<br />
<br />
Se qualcuno vuol davvero svendere palazzo Gherardi per ricavarci miniappartamenti/uffici fate pure le vostre battaglie, ma almeno proponete un\'alternativa poco costosa che serva a mantenere l\'uso pubblico di quello stabile: buona fortuna! Proposte sensate non le ho sentite, ma solo contrarietà all\'ovvio, cioè alla cessione in toto a privati per tornaconto di privati.<br />
(PS: giorni fa qualcuno ha fatto notare che NESSUNO ha battuto ciclio per l\'ex liceo scientifico trasformato pure lui in appartamenti e/o uffici...).<br />
<br />
E anzichè sparare frasi altisonanti come \"...l\'emendamento del piano nei 100 giorni della successiva amministrazione...\" fate due valutazioni:<br />
1- non è affato detto che l\'attuale opposizione sarà ad amministrare il Comune, perchè prima deve vincere le elezioni...e per come si presenta divisa su tutto per ora non la vedo con molte chance.<br />
2- I soldi del Cervellati, come giustamente fate notare, sono stati spesi e tanti, e buttare definitivamente via dei soldi non ha senso...e pure voi dicevate la stessa cosa per altri argomenti/casi (vedi ex-GIL): ha più senso dire che \"faremo una critica costruttiva del Piano Cervellati valutando quello che davvero è fattibile e, a nostro giudizio, utile da considerare in quel piano per un rilancio del centro\".<br />
Anche perchè il piano, per come si presenta, deve dare non delle direttive economiche di gestione del centro, ma delle direttive URBANISTICHE: certo, molte cose legano entrambe, ma non tutte, e alcune altre sono in contrasto.<br />
Ma non è un contrasto che è legato al \"Cervellati\", bensì lo ritroverete qualsiasi sia il piano per il centro storico.

Concordo completamente con quanto espresso sopra. Dire inoltre che il piano è stato bocciato è davvero cattiva informazione e personalmente non trovo corretto mentire nella speranza di raccogliere qualche consenso in più.

E Senigallia, già a parer mio si salverebbe perchè ha conservato un numero di posti liberi in tanti punti prorio intorno al centro storico...<br />
Se la sentenza del TAR del Lazio è giusta e farà eco città come Ancona e Falconara sono assolutamente fuori norma...<br />
<br />
Stanco in vacanza a senigallia

Sono io Daniele che ho chiamato in causa la mancata sollevazione per la privatizzazione e vendita del palazzo ex Liceo Scientifico E.Medi<br />
Probabilmente Paradisi si preoccupa solo di Palazzo Gherardi perchè avrà frequentato il Liceo Classico lì. Ha sicuramente ragione. Ma io che frequentai il Liceo Medi in quel dove ora albergherà la crema di senigallia, mi sento dispiaciuto proprio anche per la non partecipazione della cittadinanza...<br />
<br />
Un bel palazzo storico, ex liceo scientifico statale privatizzato in monolocali per farci nascondere in centro le amichette capricciose dei filibustieri senigalliesi e non o da regalare ai figli di papà della città al loro 18° compleanno.<br />
<br />
Quello che mi nausea sempre più è il fatto che in queste operazioni immobiliari con imprese edili e banche, c\'è di mezzo anche un parente di un amministratore cittadino e nessuno solleva la protesta...nemmeno Paradisi...<br />
<br />
Qualcuno ci ha provato qui su VS ed è stato puntualmente oscurato... <br />
<br />
Stanco in vacanza a senigallia

Chiedo venia, ma essere parente di un amministratore non esclude nessuno dalla vita quotidiana. Non vorrei essere ingenuo ma l\'importante è che il parente non tragga beneficio dalla sua condizione.<br />
Per quanto concerne il Piano Cervellati ritengo che non sia tutto da buttare, certo la rioccupazione di spazi vuoti da oramai tanti anni (P.za Simoncelli) sembra un pò forzata. L\'indicazione di potenziare la residenzialità del centro storico è invece ampiamente sostenibile, infatti l\'occupazione del cuore delle città da parte del terziario le ha private della vita quotidiana, favorendo l\'aumento della insicurezza. <br />
Se poi gli immobili potranno essere acquistati da ultra benestanti, anche forestieri, pazienza, viviamo in una società globalizzata, tanti hanno poco e pochi possiedono, quasi, tutto.

immagina che sia un amministratore locale (o un politico generico provinciale, regionale, nazionale) e che tu sia mio fratello, mio marito/moglie, mio cugino, dirigente nel ramo bancario/immobiliare....<br />
Se io faccio uso della mia politica e della condizione di maggioranza per mettere a tua disposizione dei palazzi privati di proprietà comunale o statale (uno alla volta) a tuo favore e non di altri professionisti/figure (o comunque ci sei tu fra gli altri) a casa mia si chiama conflitto di interessi, per non dire altro e non conoscendo se esista un reato di questo tipo...<br />
<br />
Lo so che abbiamo ancora una volta al governo Silvio Berlusconi, re dei re, e che il conflitto degli interessi è oramai tanto palese in questa nazione da non essere nemmeno più preso in considerazione.<br />
<br />
Rimane però il fatto che a senigallia di Berlusconi non c\'è nemmeno l\'ombra eppure accade lo stesso...<br />
Rimane anche il fatto che per tali comportamenti l\'Italia non solo è l\'unica nazione a parte le repubbliche africane dittatoriali ad accettare queste questioni lasciandole impunite, ma sono addirittura riconosciute normali, legali...<br />
<br />
Informati un pò in giro da gente che sa chi c\'è dietro il palazzo dello scientifico Medi e avrai tutte le risposte a quello che accade in città...<br />
<br />
Informati pure sui beni immobili di proprietà di tali individui fuori città, rimarrai a bocca aperta.<br />
<br />
Stanco in vacanza a senigallia