Complanare: il Comitato contesta l\'approvazione del progetto definitivo

Firme contro la Complanare 02/08/2008 - In merito a quanto apparso su stampa circa l\'approvazione da parte dell\'Anas dell\'opera \"strategica complanare, altrimenti detta bretella, come comitato \"Versus Complanare … e non solo\" ci sentiamo il dovere di intervenire per una questione di chiarezza e di verità, non solo nei confronti di quanti ci stanno sostenendo ma anche della città.

In primis, vogliamo far presente che all\'Anas non spetta l\'approvazione del progetto ma la sola validazione tecnica del progetto defintivo (e la diversa terminologia ha un diverso significato che non è di poco conto). Progetto che, come si è visto martedì scorso, è oggetto di modifiche e soprattutto, come ammesso dai tecnici Autostrade, deve ancora ottenere l\'approvazione dell\'Autorità di Bacino.



Invitiamo i cittadini a collegarsi al sito della Società Autostrade (www.autostrade.it/opere) dove possono prendere visione dell\'intero iter approvativo dell\'opera e a quante ulteriori fasi deve ancora sottostare il progetto. Fasi procedurali nelle quali ne vedremo ancora delle belle, altro che inizio degli espropri. Alla signora Sindaco, che ultimamente sembra essersi votata alle battute di bassa lega (\"brutta pagina\", \"terrorismo psicologico\"…) vogliamo rammentare che l\'incontro di martedì scorso non è stato né positivo né condiviso, che le quote di via Po e dello svincolo sull\'area esondabile vengono tutte riconfermate e che pertanto lo \"smontare pezzo per pezzo\" rimane solo all\'interno del recinto della sua fervida fantasia.


Purtroppo il vero \"Terrorismo\" è la caterva di menzogne che continua ad essere scaricata sui cittadini. Invitiamo invece tutti a collegarsi con il nostro sito (www.versuscomplanare.com ) dove informeremo puntualmente la cittadinanza sull\'opera e sull\'evolversi dell\'iter.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 agosto 2008 - 6721 letture

In questo articolo si parla di complanare, politica, Comitato Versus Complanare, companare


Che la complanare sia una puttanata forse l\'hanno capito tutti. Sindaca compresa, probabilmente. Ma, a memoria d\'uomo, mai si ricorda di un politico che si rimangia ciò che ha deciso proprio sotto elezioni: sarebbe la pacchia per l\'opposizione! <br />
<br />
L\'opposizione, appunto, che ci si sta buttando a pesce nella caciara. Anche se stava lì, quando i giochi si stavano giocando. O forse no. Forse erano in riva al mare a fare ronde e ora, svuotate le tasche dalla sabbia, stanno lì a fare i populisti.<br />
<br />
Mi ripeto: siamo proprio alla frutta!!! E auguri al Comitato.<br />

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Off-topic

aho mariangela che mangi il peperoncino tutti i giorni? Ormai i tuoi toni hanno superato quelli del da te tanto odiato omonimo.......

Hai ragione. Scherzi di troppi giornali letti e della conseguente indignazione perenne... :-) Ciao.<br />
P.S. \"Odio\" è un sentimento impegnativo. Lo evito.

Io non ho capito perché questa complanare debba essere una puttanata, poiché oggi, per andare dalla Cesanella alle saline, si impiega mezz\'ora...<br />
<br />
Il comitato avrà anche le sue buone ragioni (tra cui la sindrome di NIMBY), ma io penso che una strada del genere sia senz\'altro utile per la città.<br />

NIMBY= Not In My Back Yard? Non nel mio giardino?

Non solo percorrere Cesanella Ciarni si impiega mezzora con un inquinamento infinito, ma si dovrebbe pure evidenziare il fatto che da quando è stata asfaltata via E.Mattei, questa strada è diventata la succursale della statale con mezzi che sfrecciano e con un notevole aumento di incidenti stradali.<br />
Questo pero\' non interessa a nessuno.<br />
La Complanare comporta diversi disagi ma iniziamo ad evidenziare pure le cose utili tipo togliere il traffico pesante dalla Statale o del Centro Città porta di sicuro un calo enorme di inquinamento e da una sicurezza superiore ale persone.<br />
Utile per il bene di tutti.

inutile

Commento sconsigliato, leggilo comunque

concordo pienamente!<br />
<br />
la complanare è utile e necessaria.

L\'Italia è il paese a più alta frequenza di auto rispetto popolazione. Le Marche sono tra le regioni in testa alla graduatoria. E\' stato da più parti calcolato che più strade e stradelli si costruiscono e si asfaltano e PIU\' - non meno - il traffico aumenta. In quelli che c\'erano E in quelli nuovi.<br />
<br />
Nessun comune,provincia, regione (Marche in testa) hanno mai portato avanti una seria politica di trasporto alternativo alla gomma (solo la Quadrilatero con tutti i metri cubi di fabbricati che saranno costruiti ne è un altro esempio imbarazzante). Il risultato è che col prezzo del petrolio in impennata, la pagnotta la vende il gioielliere.<br />
<br />
Dietro questo andazzo c\'è la politica affetta da miopia permanente: le elezioni un anno sì e l\'altro pure, e la ormai consolidata prassi dei voti raccattati tra i \"portatori di interessi\" (costruttori, industriali, bagnini, commercianti, banche, dipendenti pubblici, eccetera: le famose \"Lobby\"), più che tra i cittadini in quanto tali, fanno sì che tutto si decida guardando a dopodomani e non al futuro. Così facendo, l\'asfaltatura - che so - di una strada vicinale diventa più importante di un progetto ben fatto di viabilità e trasporto i cui risultati dipendono da un impegno decennale.<br />
<br />
La complanare NON ridurrà la mezz\'ora da Cesanella al Ciarnin e NON diminuirà l\'inquinamento...<br />

Adoro questa donna......nonostante il nome.....

Ma fateme capì...preferite la statale che attraversa la città?<br />
<br />
A me sembra che inquini il triplo considerando traffico intenso, semafori e attraversamenti. <br />
Sulla complanare invece il traffico sarebbe scorrevole e di conseguenza meno inquinante.<br />
<br />
Il problema è quello di tutti i comitati del \"no\".<br />
<br />
Quello cioè che io è più importante di noi.<br />
<br />
E odio le forze politiche che cavalcano i comitati del no.<br />
<br />
Per fortuna a Senigallia mi pare che ciò non sia accaduto ed anche l\'opposizione si è tenuta lontana dal comitato.<br />
<br />
Bene.<br />

Come fai a sapere che sarà meno inquinante? E che il traffico sarà più scorrevole? Due diverse strade non necessariamente dividono il traffico in due (che poi l\'inquinamento sarebbe identico), spesso lo \"moltiplicano\" per due. Sempre che l\'aumento del prezzo della benzina non ci faccia andare tutti in bicicletta (com\'è probabile, visto l\'andamento delle vendite di auto). E allora, va da sé che una seconda strada sarebbe superflua. Un bel servizio di autobus a metano, invece, forse no.<br />
<br />
E poi, scusa, tu dici che la casa tua è pulita quando la spazzatura la nascondi sotto il tappeto? Spostare un problema non significa risolverlo.

Grazie. :-)<br />
P.S. Nessuna parentela. Io sono del \"ramo povero\": mio nonno faceva il facchino alla stazione di Senigallia...

Sta diventando una guerra tra poveri. I residenti attorno alla statale si troveranno contro quelli del Borgo Coltellone. In realtà questa nuova strada a qualcosa potrebbe servire ,se ben utilizzata, certo che è un palliativo. Ben altre avrebbero dovute essere le scelte, ma non ci sono i soldi. <br />
In realtà quello che serve è ripensare l\'intero sistema dei trasporti, pensare al trasporto su nave delle merci, alla ferrovia.<br />
Ragazzi il petrolio costa sempre di più e le conseguenze le stiamo pagando tutti, quando andiamo a fare la spesa.

Vorrei far notare a tutti che se fosse veramente una strada di collegamento tra quartieri, come logica dovrebbe partire dalla zona della Capanna in poi e non tra Marzocca ed il Ciarnin. Qui si vuole camuffare una pseudo circonvallazione e trasformarla in una strada interquartiere.

>E\' stato da più parti calcolato che più strade e <stradelli si costruiscono e si asfaltano e PIU\' - <non meno - il traffico aumenta. In quelli che <c\'erano E in quelli nuovi.<br />
Puoi citare qualcuno di questi fantasiosi studi?<br />
Giusto per capire: se il traffico in una città è X, non vedo perché, costruendo una nuova strada, dovrebbe aumentare od addirittura raddoppiare.<br />
Boh, mi sembra veramente una baggianata, ma se magari segnalassi qualcuna delle fantomatiche \"più parti\" riusciresti a convincere qualcuno.<br />
<br />
>La complanare NON ridurrà la mezz\'ora da Cesanella >al Ciarnin e NON diminuirà l\'inquinamento...<br />
Questa, onestamente, mi sembra una cavolata sparata a casaccio.<br />
<br />
Insomma, la complanare non sarà certo la panacea di tutti i mali senigalliese, ma a me non sembra neanche una pessima idea.

Perché chiedi cose che già sai?

alice

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Il traffico di una città X non è \"dato\", come tu dici. Altrimenti su viale quattro novembre vedremmo ancora girare i carretti degli ortolani e la carrozza del signorotto. Il traffico di una città è direttamente proporzionale alle nuove possibilità di circolare che quella città offre. Una terza corsia \"induce\" più traffico. Una circonvallazione, pure. <br />
<br />
Nelle zone servite da nuove strade poi, in genere si costruiscono più case e nascono nuovi insediamenti industriali e commerciali. E questo genera traffico aggiuntivo. E anche traffico che proviene da altri luoghi, ma con una redistribuzione \"a casaccio\", magari non utile. - Tu dirai: se nuove abitazioni e insediamenti servono, da qualche parte li si dovranno pur costruire. Vero. Ma così facendo si mette il carro davanti ai buoi. Questa non è programmazione del territorio e dei trasporti, ma una rincorsa ai saldi di fine stagione. E la complanare è solo una \"pensata\" per spillare un po’ di soldi all’Anas in cambio dell’assenso (miope assenso, per le ragioni dette più sopra) alla terza corsia dell’autostrada. <br />
Ragiona: perché mai la terza corsia sarebbe stata costruita se non per incrementare i pedaggi (traffici) riscossi dalla società Autostrade?<br />
<br />
Attualmente il costo del trasporto su gomma sta crescendo a dismisura e le imprese producono sempre più frequentemente all’estero (delocalizzazione). Dunque, i traffici potrebbero diminuire. Ma allora, a cosa servono nuove strade? Nessuna nuova strada può indurre - di per sé - miglioramenti decisivi della produttività o delle prospettive delle imprese.<br />
<br />
Il problema è quello che ho detto, Gaspa4. Gli amministratori italiani, a tutti i livelli, hanno la vista corta. Ma non è una novità. E\' il motivo, il solo motivo, per il quale l\'Italia arranca. <br />
<br />
P.S. Appena ritrovo tra i mille file gli studi cui mi riferivo te li indico. <br />

P.P.S. Il problema, evidente, della mezz\'ora da Cesanella a Ciarnin si risolve con parcheggi scambiatori gratuiti ed un efficiente trasporto pubblico a \"prezzi politici\", non a prezzi talmente elevati da far preferire l’auto. Può servire il casello di Marzocca, ma poi bisogna e rendere \"più difficile\" - non \"più facile\" come si sta facendo - l\'accesso al centro città da parte dei camion che stanno disastrando le fondamenta delle case su Viale Quattro novembre. Si risolve controllando le tariffe autostradali, non aumentandole per fare un piacere alla società Autostrade che così può comprare un pezzo di Alitalia. Insomma, il problema dell\'eccesso di traffico su gomma si può forse risolvere facendo esattamente il contrario di quanto si fa.

Boh...<br />
a me questa sembra un\'impostazione ideiologica e non \"pratica\". D\'accordo su tutto che bisogna diminuire il traffico e favorire misure di trasporto alternative... ma il progetto della terza crosia dell\'aurostrada è da vent\'anni che c\'è... ed è purtroppo una necessità, perché percorrere l\'A14 da Rimini in giù è divenata una via crucis....e la maggior parte della gente che la percorre lo fa per necessità di studio, di lavoro.... non per fare un dispetto all\'ambiente...!<br />
Anche di una circonvallazione a Senigallia se ne parla da più di trent\'anni.... grazie alla bella pensata di far passare la strada statale, quando fu realizzata, dentro la città!!!<br />
Sinceramente io non la vedo una prospettiva a favore dell\'mabiente e dei cittadini continuare far passare il traffico pesante dentro la città....!<br />
Che poi la complanare presenti delle soluzioni opinabili, se ne può anche discutere, ma della sua necessità proprio no.<br />
La soluzione migliore era far passare la complanare lungo l\'attuale tratto urbano dell\'austostrada ed arretarre l\'austostrada verso l\'interno...<br />
Ma costa troppi soldi...<br />
E comunque vorrei fare i miei più 2sinceri \"complimenti\" a quei geni che a Borgo Ribeca e borgo Cortellone hanno costruito NUOVE (perché nuove sono!) case praticamente attaccate all\'autostrada (ancora mi chiedo come faranno solo ad aggiungere la terza corsia all\'altezza del ponte di Via Po.... mah!) e anche a quegli latri geni che le case lì ce le hanno comprate... Veramente lungimiranti, complimenti vivissimi!!!!<br />
<br />
Io sinceramente, abitando in una traversa, verso la ferrovia, di via Raffaello Sanzio, comincio ad essere stufa che ogni volta che esco di casa a piedi o in bicilcetta i tir mi facciano il pelo....<br />
Però evidentemente ci sono dei cittadini più di serie A degli altri...

Cara Mariangela, leggo con profondo interesse i tuoi commenti che rispecchiano in pieno ciò che penso pure io. L\'unica cosa su cui dissento è questa frase:\"Il problema è quello che ho detto, Gaspa4. Gli amministratori italiani, a tutti i livelli, hanno la vista corta....\".<br />
No cara Mariangela, gli amministratori pubblici a tutti i livelli ci vedono benissimo. Ragionano per sondaggi e la lungimiranza per loro è solo un illustre sconosciuta.<br />
Persino Giovanni Sartori in questo articolo di cui metto il link http://www.corriere.it/editoriali/08_luglio_29/editoriale_sondaggi_cf4e5f0a-5d2d-11dd-9a8c-00144f02aabc.shtml<br />
afferma che per mantenere il culo ben attaccato alla poltrona i nostri amministratori evitano di prendere decisioni impopolari.<br />
Sartori dice anche che l\'emergenza ecologica è il primo problema mondiale.<br />
Sartori non è un guru ambientalista ne un esponente verde, ma un anziano politologo liberale che insegna nella più prestigiosa università americana.....

Sono d\'accordo: mettiamoci una pezza... Ma di questo si tratta. Dell\'ennesima pezza che non risolve il problema di Senigallia stretta tra tante parallele di trasporto (più una) e neanche si pone il problema di risolverlo.<br />
<br />
La mia non è una posizione \"ambientalista\" o del \"no\" ad ogni costo. E\'la posizione di chi non è d\'accordo sul fatto che mai una volta i nostri politici hanno dimostrato il coraggio e la competenza per affrontare le questioni importanti con un po\' di lungimiranza. <br />
<br />
Le case costruite a ridosso dell\'autostrada non sono abusive: quanta lungimiranza c\'é stata nel destinare quelle aree a costruzioni residenziali? Chi ci dice che il medesimo tipo di lungimiranza non ci sia con la questione complanare? E poi, far arrotare dai camion chi gira in bicicletta a Marzocca è meno grave che farlo arrotare a chi vive a Senigallia?<br />
<br />
Nel 2005, <b>oltre 5milioni di tonnellate per chilometro</b> di merci marchigiane sono state trasportate su strada. Su ferrovia, 709mila. Va bene così? <br />
<br />

Ho letto anch\'io l\'articolo di Sartori... Hai perfettamente ragione: ci vedono benissimo. Il culo innanzi tutto! <br />
<br />
Se vuoi, dimmi che ne pensi di questo:<br />
http://www.corriereadriatico.it/articolo.aspx?varget=716930<br />
(nell\'archivio: Mariangela Paradisi, 21-05-08; \"Lobby e passa la paura del nuovo\"). Ciao.

\"Ci vuole innovazione, bisogna costruire\" Che nesso c\'è? L\'innovazione è ben altro che costruire. Ancora: \"e <i>poi</i> si vedranno i risultati\". No. Gli amministratori accorti e competenti i risultati devono - e sottolineo \"devono\" - conoscerli <i>prima</i>. Non stanno giocando col Piccolo Chimico con l\'amichetta dell\'asilo.

>Il traffico di una città X non è \"dato\", come tu >dici. Altrimenti su viale quattro novembre >vedremmo ancora girare i carretti degli ortolani e >la carrozza del signorotto.<br />
Dai su, non fare la tonta...<br />
Se a Senigallia ci sono diciamo 10.000 mezzi che circolano, non penso che aumentando le strade, questi mezzi diventino 15.000, oppure che la gente incominci a gironzolare a casaccio per provare le nuove strade.<br />
<br />
>Il traffico di una città è direttamente >proporzionale alle nuove possibilità di circolare >che quella città offre. Una terza corsia \"induce\" >più traffico. Una circonvallazione, pure.<br />
Boh, questa è una affermazione che va contro il senso comune, quindi provala.<br />
<br />
>Nelle zone servite da nuove strade poi, in genere >si costruiscono più case e nascono nuovi >insediamenti industriali e commerciali. E questo >genera traffico aggiuntivo. E anche traffico che >proviene da altri luoghi, ma con una >redistribuzione \"a casaccio\", magari non utile.<br />
Altra affermazione che va contro la logica è che dovrebbe essere provata.<br />
<br />
A me sembra che a Senigallia il problema sia opposto: si costruisce anche dove non ci sono strade!<br />
L\'esempio di Via Fratelli Zuccari è emblematico: una via con 200 autovetture su una stradina senza sbocco in cui non riescono a passare due macchine contemporaneamente.<br />
<br />
Secondo il mio modesto parere, la complanare snellirà di molto il traffico e il tempo di attraversamento della città.<br />
<br />
Se poi dietro ci sono piani segreti e speculazioni edilizie, non lo so e non lo posso affermare, ma in linea di principio la nuova strada non mi sembra affatto una cattiva idea o una \"puttanata\", come tu l\'hai gentilmente definita.

Beh....quello di cui parli è il vero male della politica italiana. Come non concordare.

>Nel 2005, oltre 5milioni di tonnellate per >chilometro di merci marchigiane sono state >trasportate su strada. Su ferrovia, 709mila. Va bene così?<br />
<br />
No, non va certo bene, ma questo cosa c\'entra con la complanare?<br />
La complanare risolve alcuni problemi di una cittadina come Senigallia, mica l\'intero problema del riscaldamento globale!<br />
<br />
C\'è troppo trasporto su gomma? Siamo perfettamente d\'accordo, ma questo non significa che bisogna rimanere con una rete infrastrutturale obsoleta.<br />
<br />
La terza corsia della A14 è IMO necessaria perché il traffico su questa arteria è congestionato e ci sono tanti incidenti.<br />
<br />
Se poi un giorno qualche governo affronterà il discorso di trasferire il trasporto merci su rotaia, io sarò certamente favorevole.<br />
<br />
Il paradosso è però quello che certi ambientalisti, sono favorevoli alla rotaia, ma contrari alla TAV, favorevoli all\'eolico, ma contrari se lo si fa in Sardegna, favorevoli a diminuire le emissioni di CO2, ma contrari alle centrali nucleari...<br />
<br />
Insomma, cari ambientalisti, decidetevi!

Il tuo modo di ragionare è stupefacente. <br />
<br />
Allora, ricapitoliamo. Senigallia la ferrovia e la stazione sono state costruite \"raso mare\" per un fatto di attrazione turistica: i viaggiatori vedono la spiaggia e si fermano, si diceva. Obiettivo raggiunto ma città tagliata in due. Poi, l’autostrada con casello alle porte della città. DATE le auto che circolavano quando è stata costruita non era un problema. Ora, lo è. Perché il fatto che ci fosse e che nessuna via alternativa fosse stata incentivata, anche in previsione di un aumento del benessere della popolazione, ha portato alla situazione attuale: dunque, l’autostrada HA incentivato una particolare tipologia di traffico (a proposito, solo – si fa per dire – il 10% degli incidenti mortali nel 2006 sono avvenuti sulle autostrade. Quasi la metà su strade urbane e il 20% su strade provinciali. Dunque, la terza corsia serva ad altro che a ridurre gli incidenti). <br />
<br />
Adesso che il traffico sta \"naturalmente\" diminuendo – prima per la delocalizzazione, ora anche per il costo del carburante – si decide di fare la terza corsia, incentivando così l’uso dell’autostrada e il conseguente uso delle strade costruite attorno alle uscite. E attorno alle uscite che si fa? Si decide di favorire il fenomeno, rendendo ancora più agevole e conveniente il traffico su gomma.<br />
<br />
Il problema di Senigallia NON sono le 10mila auto dei senigalliesi che circolano, o lo sono solo in parte, ma le auto e i camion che a Senigallia arrivano da fuori. Circonvallazioni, complanari, trasversali, terze corsie non fanno che rendere più conveniente (perché più diretto e veloce) un modo di trasporto che prima non lo era, incrementandolo. Come sta avvenendo da 50 anni a questa parte grazie all’improvvisazione degli amministratori locali che guardano solo al proprio orticello e alla mancanza di \"Piani di Trasporto\" regionali, degni di questo nome, che affrontino il problema tutto assieme.<br />
<br />
Senigallia non è l’isola di Capri che può essere salvaguardata regolando il flusso di traghetti. E’ posizionata lungo due direttrici di traffico. Se quel traffico lo favoriamo in ogni modo, sarà sempre più stritolata. E la complanare farà la sua parte.<br />

miseno libero

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Come come faccio a sapere che con la complanare il traffico sarebbe più scorrevole?<br />
<br />
E\' normale.<br />
<br />
Con due strade il traffico si divide.<br />
<br />
Sulla complanare andrà il traffico pesante e quello di coloro che debbono scavalcare la città o recarsi in punti della città più interni e prossimi agli svincoli. Sulla vecchia statale ci sarà solo il traffico cittadino. Sulla complanare poi il traffico sarà meno inquinante perchè non ci saranno le sgassate delle ripartenze ai semafori.<br />
<br />
E poi sono decenni che tutti parlano di una circonvallazione per Senigallia. Ora che ci sarà (e la pagherà la società autostrade) ci incazziamo?<br />
<br />
Sono contro l\'impopolarità delle decisioni.<br />
Le decisioni devono essere popolari perchè è il popolo che legittima chi amministra.<br />
Ma il popolo va riconosciuto. La piazza urlante ed i comitati non sempre (anzi quasi mai) sono il popolo.<br />
Sono infatti convinto che se si facesse un referendum i senigalliesi direbbero sì alla complanare.<br />
<br />
Il popolo va frequentato per poterlo riconoscere. Anche da Sartori (uno sbruffone de niente...).<br />

Si certo, ora che la complanare ha reso più conveniente circolare a Senigallia, tutti verranno qua invece che andare da altre parti d\'Italia.<br />
<br />
Se questi sono i ragionamenti di chi è contrario a questo progetto, sono sempre più convinto della bontà della complanare.<br />
<br />

P.S. Magari bastassero delle belle strade a fare riempire una città come Senigallia, che, tra l\'altro, è una città quasi solamente turistica!

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

...con due strade il traffico si può anche moltiplicare per due. Non è detto. Dipende da quante nuove convenienze a uscire dall\'autostrada, a passare per Senigallia o a prendere l\'auto per andare a fare la spesa anziché lo scooter determinano. Mica è il circuito chiuso di Imola!

Kocis

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Ok.<br />
Allora non costruiamo più nessuna strada così siamo sicuri che il traffico non aumenterà.<br />
<br />
E già che ci siamo distruggiamo le strade che già ci sono.<br />
<br />
E vaffanculo a quei Romani del cazzo che a noi marchigiani ci hanno portato un po\' di ricchezza e di civiltà costruendo 2mila anni fa la Flaminia e la Salaria.<br />
Chi gli aveva chiesto niente?<br />
Che ce famo con la ricchezza e la civiltà.<br />
Stavamo tanto bene nei campi con le pecore.<br />

Allora andate avanti a colpi di sondaggi......

Una strada è una strada.<br />
<br />
Chi ci va ci va.<br />
<br />
Non esistono strade per questo o per quel mezzo (salvo specifici divieti, ma se vietassero la complanare ai mezzi pesanti per farli passare dalla vecchia statale...bè allora è tutta n\' cazzo)<br />

Off-topic

Dai, stai allegro, Melga. Ché tra un po\' arrivano gli Unni...!

Già, w la democrazia, salvo poi pensare che i politici stiano sempre lì a prenderci per i fondelli (quando non si condividono le decisioni).<br />
<br />
Un atteggiamento non proprio democratico.

Si, non sapendo dove altro andare, vengono tutti ad ammirare la nuova complanare.