Bugaro (Forza Italia): gli assessori violenti si dimettano

giacomo bugaro 28/08/2008 - Lo scontro avvenuto nell\' aula del Consiglio comunale di Senigallia durante la discussione del Piano Cervellati, è estremamente grave e va stigmatizzato con forza.

E\' inaccettabile che ben due Assessori si siano scagliati contro Consiglieri del PdL, attaccandoli praticamente sul piano fisico, solo perché questi elevavano giustamente la loro protesta rispetto ad una ingiustificata inversione dell\' ordine dei lavori che andava a ledere le prerogative della minoranza. L\' arroganza non paga mai, soprattutto in politica e questo atto di aggressione, tanto più avvenuto in sede istituzionale, deve essere sanzionato nella maniera più decisa: licenziare i due Assessori. Se i Consiglieri di minoranza hanno usato un megafono, se tale strumento può essere sembrato folkloristico e forte per un\'aula consiliare, ebbene non si risponde alle parole con l\' uso delle mani. Questa profonda differenza non è tollerabile e visto che il Sindaco Angeloni ha scritto al Prefetto, ho dato mandato al partito senigalliese di inviare a D\' Onofrio i filmati delle scene pietose con cui si sono caratterizzati i sodali del Sindaco così che si possa realmente rendere conto dei fatti avvenuti.


Nel merito, il solo fatto che Palazzo Gherardi si vada ad aggiungere alla lunga lista di affari immobiliari approvati dalla Giunta comunale, fa sì che l\' intero Piano Cervellati debba essere respinto perché viziato in radice. La sinistra come sempre si erge a difensore (a parole) della cultura, nella pratica la calpesta malamente per far largo ad interventi urbanistici che vanno in tutt\'altra direzione. Dove sono i paladini del FAI, i soloni che teorizzano e straparlano su temi culturali da posizioni politiche antistoriche ma che scompaiono quando c\'è da lottare davvero per difendere dall\' incursione di sciagurati amministratori, il patrimonio esposto esclusivamente a speculazioni private?


La sinistra nazionale e regionale sono in pieno periodo di \"basso impero\", vuote e sbandate; la Giunta Angeloni non è immune da tale condizione anche su base comunale e le vicende di queste ore ne sono la plastica testimonianza.



da Giacomo Bugaro
consigliere regionale Forza Italia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 28 agosto 2008 - 5078 letture

In questo articolo si parla di consiglio comunale, politica, piano cervellati, giacomo bugaro


La reazione \"fisica\", che poi in pratica non \'c\'è stata e comunque deplorevole, le è stato detto che è stata innescata da un \"epiteto\" rivolto da Cicconi Massi a Volpini ? epiteto che si può, anche se con difficoltà, sentire ascoltando attentamente il video del Consiglio ?

Laura

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Nonostante il suo interesse credo che non siano affari che la riguardano...<br />
La città deve ripulirsi da sola e deve imparare a farlo...<br />
Non mi auspico dunque nè aiuti da Lega Nord, nè la moda degli aiuti esterni...<br />
<br />
Faccia il suo lavoro in Regione dove anche lì c\'è molto da fare...<br />
<br />
stanco in vacanza a senigallia

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Senta Bugaro, siccome credo che lei sia un consigliere regionale, perchè non fa una bella interrogazione al presidente del suo consiglio o allo stesso Spacca perchè spiegano quali siano state le modalità con le quali è stato scelto Stefano Schiavoni come capo dell\'ufficio stampa del consiglio stesso pur non avendo costui i requisiti minimi richiesti?<br />
<br />
Voi ripulite là, che è anche un modo per aiutarci a ripulire qua.<br />

chi semina vento raccoglie tempesta!<br />
<br />
inutile piangere come i bambini dopo...

Avendo letto le dichiarazioni che non corrispondono alla verita\' dei fatti, in merito alla nomina di Stefano Schiavoni come Dirigente del servizio informazione e comunicazione del consiglio Regionale; è meglio precisare che agli atti del Consiglio Regionale risulta la regolarità della scelta effettuata attraverso bando pubblico e valutazione dei titoli professionali e culturali adeguati al ruolo ricoperto, compresa l\'iscrizione all\'ordine dei giornalisti delle Marche.<br />

Ecco, lo sapevo che la Paradisi me faceva fa sta figura del c...<br />
<br />
Mi scuso con Schiavoni per tutto ciò che ho detto partendo da un presupposto sbagliato.<br />
<br />
La Paradisi che fino ad oggi aveva il 5% di credibilità, ora ne ha 0.<br />

Commento sconsigliato, leggilo comunque


sul sito dell\'Ordine dei Giornalisti delle Marche non risulta, forse non ha pagato la quota sociale

A questo punto bisogna fare una ricerca seria

Ho guardato anch\'io sul sito (che peraltro è aggiornatissimo) e il nome di Stefano Schiavoni non esiste.<br />
<br />
Non mi va di chiamare l\'Ordine direttamente per non scatenare un vespaio.<br />
<br />
Mi sa che questo \"utile\" è utile solo a se stesso (e a Schiavoni), a meno che non produca prove certe.<br />
<br />
Insomma, per il momento non riabilito la Paradisi ma anche di questo Utile non è che mi fidi più di tanto(anzi).<br />

Sig. Bugaro, le dice niente un leghista con nodo scorsoio in parlamento, un aennino che si mangia una fetta di mortadella alla camera, un UDC che da del Figlio di p..... ad un collega che non vota contro Prodi, e potremmo continuare per dei mesi ad elencare.<br />
Se l\'esempio dovesse venire da voi sai le risate


se chiami l\'ordine dei giornalisti ti chiedono di pagare le quote arretrate<br />
<br />
sei l\'unico che considera fonte attendibile un commentatore di VS