Sadam: ecco il manifesto del comitato per l\'ambiente

07/12/2008 - Ad una settimana dal voto in Consiglio Comunale sulla riconversione Sadam, presentiamo a tutta la cittadinanza il nostro Manifesto Riassuntivo, con la sintesi delle nostre posizioni ed il loro approfondimento.

RICONVERSIONE SADAM LE RAGIONI DEL “COMITATO PER LA TUTELA DELLA SALUTE E DELL’AMBIENTE DELLA VALLESINA”

Siamo CONTRARI a questa proposta di Riconversione per i seguenti motivi 1) QUESTIONE OCUPAZIONALE La proposta di riconversione presentata dalla Eridania-Sadam non dà alcuna garanzia occupazionale. Inoltre non è richiesta la firma del sindaco all’accordo di riconversione produttiva per ottenere la cassa integrazione dal 1 gennaio 2009, quindi non si capisce perché tale firma debba essere apposta.

2) QUESTIONI ECONOMICHE - Gli impianti proposti non hanno alcuna sostenibilità economica ed industriale, in quanto necessitano di più energia di quella che producono. L’azienda li propone solo perché tramite essi avrà accesso ad una marea di soldi pubblici. Si parla di una operazione finanziaria fatta da Sadam per le sei riconversioni proposte in tutta Italia di ben 2,5 miliardi di euro. - La filiera agricola locale rientrerà nei piani previsti solo per una minima percentuale. Ciò metterebbe gli agricoltori che si legano alla Sadam per le forniture in una posizione di estrema debolezza di potere contrattuale. - La Raffineria di Biodiesel sarà il primo passo verso il trasferimento dell’API a Jesi, come già indicato in piani approvati con delibere di Giunta Regionale. - La scelta di dare il via alla proposta in esame, vorrebbe dire mettere fine a tutte le economie più importanti della Vallesina, soprattutto quelle legate ai prodotti agricoli di qualità, al biologico, al verdicchio, al turismo, ecc…. Per salvare (si fa per dire) 143 posti di lavoro, quanti ne perderemo? - Uno sconto sulla potenza della centrale, discusso in questi giorni per arrivare ad una eventuale firma dell’accordo, non porterebbe ad alcun reale miglioramento delle problematiche economiche descritte, e sarebbe un compromesso fatto dopo una chiara scelta a monte fra due modelli di sviluppo, incompatibili fra loro: quello basato sul reale sviluppo del territorio, sui nostri “gioielli di famiglia” (l’industria agricola di qualità, i prodotti agricoli biologici, il Verdicchio, la catena degli agriturismi, il turismo ed il terziario), sulla sostenibilità, sul benessere delle nostre comunità, e quello concorrente basato sullo sfruttamento delle risorse pubbliche che assomiglia più ad operazioni finanziarie fatte con i soldi pubblici che ad un vero progetto produttivo. Ragionare quasi esclusivamente in termini di contrattazione sulla potenza della centrale, vorrebbe dire aver scelto il secondo modello, quello che mette i cittadini gli uni contro gli altri, quello ormai superato basato solo sulla crescita, quello che invece di unire, spezza gli interessi della collettività, contrapponendo il lavoro alla salute, lo sviluppo economico alla tutela del territorio e dell’ambiente.

3) QUESTIONE AMBIENTALE Metteranno a rischio la nostra salute, dato che i nuovi impianti saranno altamente inquinanti ed emetteranno sostanze considerate cancerogene. Solo la centrale inquinerà come 20 mila auto che ogni giorno compiono 62 KM. Anche dal punto di vista ambientale e sanitario, i rischi sarebbero ben poco ridotti dal solo eventuale ridimensionamento della potenza della Centrale.

4) INAFFIDABILITA’ DELL’AZIENDA L’azienda ha disatteso numerose promesse, alcune delle quali in maniera ecclatante, contraddicendo se stessa a distanza di pochi giorni. Come ci si può fidare a far costruire ad una azienda così una Raffineria di biodiesel ed una centrale a biomasse enormemente impattante? Per di più, il Sindaco di Jesi vorrebbe firmare l’accordo di riconversione produttiva senza che la Sadam presenti alcun progetto. Sono state presentate solamente 29 paginette informative (slides) e poche altre informazioni generiche.

5) TRASPARENZA: UNA BELLA PAROLA, MA…. Impongono di fare queste cose tenendo fuori i cittadini, opponendo addirittura il segreto di Stato alle richieste di accesso agli atti. Impongono anche agli enti pubblici che dovrebbero firmare l’accordo, di concordare cosa comunicare ai cittadini. Neanche in Birmania succede così !!!

6) SADAM INDAGATA…. La SADAM è indagata e rischia il rinvio a giudizio per reati che, se confermati, risulterebbero aver danneggiato Jesi ed i suoi cittadini. Come Comitato, se il rinvio a giudizio arriverà, ci costituiremo parte civile; il Sindaco e l’amministrazione comunale cosa fanno, invece, firmano accordi con tale azienda? Senza neanche aspettare l’esito che darà il GIP??

7) BONIFICA Prima di qualsiasi riconversione e di qualsiasi accordo, la Sadam ha l’obbligo di legge di fare la bonifica dei siti. Come si può pensare di firmare un accordo senza che un piano di bonifica serio per un sito che ospita uno zuccherificio da 60 anni abbia completato il suo iter amministrativo e senza che venga discusso in Consiglio Comunale?

APPROFONDIMENTI 1) QUESTIONE OCCUPAZIONALE - La riconversione proposta da Sadam non garantisce affatto i posti di lavoro. Al contrario, i lavoratori sono presi come “ostaggi“. Si dice infatti “o si fa la riconversione o si manda tutti a casa”, caricando la politica della responsabilità di scelte aziendali dettate esclusivamente dal profitto. -Abbiamo sempre detto che l’ulteriore riforma dell’OCM zucchero intervenuta nel 2007 e le condizioni di mercato sfavorevoli rendono il futuro dell’attività di confezionamento assolutamente incerto e insostenibile, come confermato in un accordo del 12 marzo 2008 sottoscritto dalla stessa Eridania-Sadam e come dichiarato recentemente sempre dalla Sadam in uno dei più importanti quotidiani locali, soprattutto tenuto conto del fatto che lo zucchero verrebbe importato da oltre 2000 KM, cioè dall’Inghilterra; abbiamo sostenuto che l’attività di biodisel presenta notevoli margini di incertezza, come confermato a pag.2 della relazione della Commissione Tecnica istituita dal Comune di Jesi; abbiamo sempre sostenuto che i lavoratori dell’attività di corporate, così come descritti, e cioè slegati dal resto del piano, in un contesto economico lontano dal core-business del gruppo Maccaferri e delle sue partecipate interessate alla proposta, necessitano di impegni assai più vincolanti rispetto a ciò che viene riportato nell’accordo di riconversione produttiva del quale si chiederebbe la firma, e anche queste forti perplessità appaiono nella relazione della Commissione Tecnica/Scientifica a pag.3. - La firma dell’Accordo non è necessaria per l’ottenimento della Cassa Integrazione; a tal fine,come spiegato dalla dott.ssa Nicoletti dell’Inps alla Commissione Politica del 15 Ottobre u.s., la Sadam deve presentare un piano di riconversione al Ministero del Lavoro. - Attualmente TUTTI i 143 dipendenti stanno lavorando al confezionamento dello zucchero ed alla corporate: ma se sono davvero attività con così grandi prospettive di sviluppo (il Dott. Aldo Cartuccia, consulente Sadam, ha parlato di “Jesi strategica per il confezionamento“), perché fare nuovi impianti? - Ulteriori approfondimenti: SADAM: diamo i numeri (Terza Puntata)

2) QUESTIONI ECONOMICHE - Prima “stranezza“: Sadam incasserà circa 70 milioni di Euro di soldi pubblici dalla Unione Europea per la chiusura dello zuccherificio. Ciò poiché, a seguito della riforma del WTO, l’Europa ha deciso di togliere alcune quote dal mercato globale incentivando chi chiude. Quindi Sadam guadagna chiudendo… - Seconda “stranezza“: la nuova centrale termoelettrica NON HA SENSO né industrialmente, né economicamente; se si considera tutto il ciclo, dalla semina della palma, alla sua irrigazione, ai pesticidi usati per la sua crescita, all’estrazione dell’olio, al trasporto su petroliera dall’Indonesia o dalla Malesya (perché da quelle nazioni proverrà l’olio vegetale) a qui, ecc….. il bilancio energetico è assolutamente negativo, cioè la centrale CONSUMA PIU’ ENERGIA DI QUELLA CHE PRODUCE. Occorrono 1,3 calorie di energia per produrre 1 caloria dall’olio. Senza considerare inoltre, che per produrre 1 litro di biocarburante, sono necessari circa 1,3 – 1,5 litri di petrolio (vedere qui-Secondo Video). Ciò dimostra, che non stiamo assolutamente parlando di energie alternative e di tecnologie per l’indipendenza dai combustibili fossili, ma, al contrario, la Sadam sta proponendo di legarsi ancor più al mercato del petrolio, con le conseguenze che l’ inevitabile aumento del prezzo greggio comporterà. Perché, allora, Sadam propone queste tipologie di impianti “in perdita”? Il motivo è molto semplice: sia il biodisel (tramite sgravi fiscali), sia soprattutto la centrale a olio vegetale (tramite i Certificati Verdi), daranno accesso a finanziamenti pubblici. Tali danari provengono direttamente dalle nostre bollette (circa il 7-9% di quello che paghiamo ogni volta) ed invece di alimentare le vere fonti rinnovabili produttive e redditizie, vanno a trasformare i passivi industriali ed energetici degli impianti proposti in preziosi utili per la Società che li gestisce. Quindi proposte come quelle Sadam sono essenzialmente operazioni finanziarie con soldi pubblici (dalla relazione della Commissione Tecnica risultano oltre 25 milioni di euro all‘anno di finanziamenti pubblici per la sola centrale). I ricavi dal Biodiesel saranno invece circa 200 milioni di euro all’anno. Il biodisel, come già accennato, godrà inoltre di un regime fiscale agevolato (ancora incentivi pubblici!!!). Nelle sei riconversioni, Sadam si gioca circa 2,5 miliardi di euro di Certificati Verdi (ribadiamo SOLDI PUBBLICI!!!), non per produrre, ma per succhiare energia al sistema nazionale. Si possono accettare certe operazioni così vicine a speculazioni? Soprattutto in questo momento di tremenda crisi, si possono regalare cifre esorbitanti per operazioni che non hanno quasi niente di produttivo, togliendo denari alle imprese che realmente producono ricchezza sul territorio? Con questi soldi, quanto lavoro VERO si creerebbe? - Ricordiamo che, se è vero che anche in altri paesi alcune fonti di energia rinnovabile sono incentivate con soldi pubblici, in generale la tendenza europea è quella di favorire fonti con rendimenti energetici migliori, come ad esempio fotovoltaico ed eolico. Recenti studi dimostrano che il rendimento ad esempio del fotovoltaico è 65 volte superiore a quello delle biomasse (Vedere Giulio De Simon: confronto tra fotovoltaico e biomassa sulla fattibilità energetica su larga scala). I finanziamenti pubblici degli altri stati, inoltre, sono più orientati ad incentivi del tipo feed-tariff rispetto a quello dei Certificati Verdi. Infine, nei paesi dove vengono utilizzati, i Certificati Verdi hanno un valore che è meno della metà di quelli italiani, dato che lo spirito dell’incentivo deve essere quello di “aiuto” ad una attività, e non di sostegno totale anche se essa è in perdita. - Il presunto rispetto del protocollo di Kyoto tramite l’utilizzo della biomassa olio vegetale e del biodisel, troppe volte sbandierato dai sostenitori della proposta Sadam non corrisponde alla realtà, per la semplice ragione che tali fonti energetiche, come già spiegato, comportano, essendo in bilancio energetico negativo, un aumento di uso di fonti fossili, e quindi di emissione di gas serra (vedere The Gallagher Review of the indirect effects of biofuels production e Study Slams Economics Of Ethanol And Biodiesel). Il riferimento alle fonti rinnovabili presente nel protocollo, è ovviamente relativo alle vere rinnovabili, quelle cioè che vengono rigenerate negli stessi tempi con cui vengono consumate, senza apporto di ulteriore energia da fonti fossili. Ed è questo lo spirito della DIRETTIVA 2001/77/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27 settembre 2001 sulla promozione dell\'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell\'elettricità . - Approfondimento: SADAM: diamo i numeri (Seconda Puntata) - Disparità di trattamento degli imprenditori locali che producono ricchezza e occupazione sul territorio e che molto spesso sono strangolati da una burocrazia forte con i deboli e debole con i forti, rispetto a questi grandi gruppi che invece alcuni vorrebbero autorizzare a costruire impianti pericolosissimi per tutta la Vallesina senza neanche presentare un progetto industriale, nonostante “succhieranno” risorse al territorio lasciando ben poco (approfondimento: Cassa Integrazione e non solo) - Dalla delibera regionale N.579 del 4 giugno 2007, che approva lo “Schema di sviluppo strategico alternativo dell’area API” oltre che dai previsti assetti societari, si evidenzia una previsione di delocalizzazione della zona API di Falconara che vedrà la zona Ex-Sadam, opportunamente collegata con oleodotto a doppia camicia, con grandi aree libere, con già una raffineria di biodisel e due centrali termoelettriche, la via prioritaria di indirizzo per il previsto decongestionamento di Falconara. Questa previsione gravissima per Jesi, avrebbe possibilità di realizzarsi nel momento in cui venisse firmato l’accordo di riconversione produttiva persino con uno sconto sulla potenza della centrale a biomasse, presentato invece da molti in questi ultimi giorni come il compromesso risolutivo e vincente per tutti, cittadini, dipendenti e operai, ecc… Purtroppo, lo scenario paventato non è di fanta poltica: è scritto su delibere regionali, e prosegue quella che è stata la tattica del “cm alla volta”, già perseguita con la Turbogas. Quest’ultima era stata costruita per rendere lo zucchero Sadam più competitivo e garantirne la produzione ed i posti di lavoro ad esso connessi. Ciò era stato ribadito anche nell’art.19 della convenzione, assolutamente disatteso dall’azienda, senza nessuna richiesta né di chiusura dell’impianto da parte del Sindaco, né tanto meno di richiesta di compensazione economica a fronte di una convenzione disattesa. Stessa tattica, ricordiamolo, seguita dall’API, che era nata 40 anni fa come un semplice sito di immagazzinamento e stoccaggio di idrocarburi e che è diventata una delle più importanti raffinerie d’Italia, trasformando Falconara in fulcro dell’Area ad Elevato Rischio di Crisi Ambientale. - Il piano di riconversione della Sadam, non potrà coinvolgere, se non per una piccola percentuale, i produttori locali e non tiene in alcun conto il grave danno di immagine e anche sostanziale alle produzioni locali. Il progetto di ampliare il polo industriale-energetico di Jesi è in netto contrasto con il lavoro di valorizzazione delle “Terre del Verdicchio” portato avanti da tempo dagli enti locali e sovra comunali e rischia anzi di comprometterlo irreparabilmente. Da anni sono state spese risorse economiche, pubbliche e private, per costruire una rete di attività e servizi per far conoscere e sviluppare il territorio e renderlo ricettivo a fini turistici. Questo paziente lavoro che ha permesso di far conoscere il nostro territorio anche all’estero, di incrementare l’esportazione delle aziende vinicole e di sviluppare il settore agrituristico rischia di essere del tutto vanificato con gravi conseguenze per il settore agricolo, turistico e agrituristico e di conseguenza per tutta l’economia della valle già fortemente provata dalla recessione economica e dalla crisi del settore manifatturiero. Il sito, dove andrebbe a sorgere il nuovo polo industriale-energetico di Jesi, si trova al centro della zona di produzione del Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico doc, dove sono sorti numerosi centri agrituristici e dove piccole e grandi aziende vinicole producono ed esportano in tutto il mondo il prodotto simbolo delle Marche e danno lavoro a una miriade di piccole e medie imprese agricole, oltre che alle maestranze impegnate nelle cantine e nei centri di imbottigliamento. In questo momento così delicato per la crisi che sta colpendo la grande industria anche a livello marchigiano, si potrebbe pensare che proprio l’economia legata alla bellezza del territorio, alla tutela dell’ambiente, alle produzioni agricole biologiche e di qualità, al Verdicchio, rappresenti il più importante sbocco economico ed occupazionale della Vallesina. Sono, insomma, i prodotti agricoli di qualità, l’agroindustria, il paesaggio e l’ambiente della nostra Vallesina i nostri “gioielli di famiglia” che dovremmo cercare di tutelare al meglio. La scelta di costruire impianti come quelli proposti dalla Sadam va esattamente nella direzione opposta a tutto questo, e getta via le nostre risorse, per agevolare invece gli interessi di grandi gruppi industriali, per altro neanche della zona, che invece di portare reale ricchezza nei territori, succhiano energie produttive, dato che le tipologie di impianti proposte sono industrialmente, energicamente ed economicamente in passivo e si reggono solamente grazie agli incentivi pubblici. Sorge spontanea una domanda: dato che già oggi ci troviamo in una area AERCA ad elevato Rischio di Crisi Ambientale, cosa succederà quando, nel caso venga realizzata la proposta altamente impattante della Sadam, il Verdicchio verrà associato ad una delle zone più inquinate d’Italia? Quanto pensate impiegheranno i concorrenti italiani ed esteri del nostro vino, a scoprire questa cosa e a diffondere a livello nazionale ed internazionale la pericolosa fama di vino prodotto vicino ad impianti altamente inquinanti che producono diossine, metalli pesanti,polveri sottili, formladeie, acroleina, biossidi di azoto, ecc… ? Quanto caro costerà tutto ciò all’intera Vallesina, oltre che in termini sanitari, anche in termini economici e occupazionali? Si parla oggi di salvare poco più di un centinaio di posti, fra l’altro per la maggior parte chiaramente con scarsissima probabilità di futuro stabile e duraturo (come dichiarato dalla stessa Sadam in riferimento ai 60 posti legati al mantenimento del confezionamento dello zucchero) ma nessuno si chiede: “Quanti posti di lavoro perderemo se diamo il via libera ad una proposta del genere?”. Purtroppo, le catastrofiche previsioni che abbiamo prospettato non sono per niente astratte: sono già molteplici i casi di aziende agricole di qualità e di produzione biologica che rifornivano grandi catene nazionali e multinazionali e che, a seguito della costruzioni di impianti similari a quelli proposti a Jesi nelle vicinanze dei loro terreni, hanno subito la cessazione dei contratti di fornitura. La centrale termoelettrica e il centro di raffinazione degli oli rischiano di creare un danno ambientale e paesaggistico irreparabile, alterando la connotazione agrituristica di tutti i castelli intorno, a partire da Monte San Vito, Monsano, San Paolo di Jesi, Castelbellino, Belvedere Ostrense, anche nel caso di uno “sconto“ sulla potenza della centrale, una pura illusione di riduzione dei danni economici appena descritti. A questi, inoltre, vanno aggiunti i rischi ambientali dell’impianto di combustione e della enorme raffineria di biodisel prevista a Jesi,che si andrebbero a sommare al forte impatto ambientale e paesaggistico rappresentato dalle centrali termoelettriche e dalle discariche già esistenti in Vallesina, portando ad una situazione insostenibile dal punto di vista della salute dei cittadini. La scelta appare tanto più incomprensibile, visto che la produzione locale di energia elettrica è pari ad oltre il 50% della produzione regionale, per non parlare della produzione di carburante dato che la raffineria Api di Falconara serve buona parte del centro Italia. Temiamo fortemente, quindi, eventuali scelte che portino a concentrare impianti con un significativo impatto ambientale e paesaggistico in aree ristrette che si fanno già carico di gravosi oneri per la produzione di energia e per lo smaltimento dei rifiuti. L’accordo di riconversione produttiva al vaglio dell’amministrazione comunale di Jesi e già rigettato dai Sindaci della maggior parte dei Comuni della Vallesina, non è quindi “solo” il via libera alla costruzione di una centrale a biomasse e di una raffineria; è molto di più. E’ una scelta fra due modelli di sviluppo della nostra Vallesina incompatibili fra loro: quello basato sul reale sviluppo del territorio, sui “gioielli di famiglia”, sul benessere delle nostre comunità, e quello concorrente basato sullo sfruttamento delle risorse pubbliche che assomiglia più ad operazioni finanziarie fatte con i soldi pubblici che ad un vero progetto produttivo

3) AERCA, ASPETTI AMBIENTALI E SANITARI - Il territorio comunale interessato alla riconversione fa parte di una zona AERCA (Area ad Elevato Rischio di Crisi Ambientale), regolamentata dalla Legge Regionale del 6 aprile 2004 Nr.6, che prevede all’art.3 la “risoluzione dello stato di crisi”, non il suo mantenimento ad oltranza. - Le industrie che sarebbero impiantate a seguito dell’approvazione della riconversione proposta da Eridania-Sadam e che andrebbero a sostituire lo zuccherificio sarebbero classificabili come “industrie insalubri di I classe” come indicato nel DM 05-09-1994. La Raffineria di biodisel sarebbe un impianto a Rischio di Incidente Rilevante,ai sensi del Decreto Legislativo 17 agosto 1999, n. 334, come confermato anche da dirigenti regionali che hanno partecipato alle riunioni della Commissione Politica. Avremmo quindi un altro impianto a rischio di incidente rilevante, con enormi serbatoi di materiale infiammabile, a pochi metri di distanza dall’altro già esistente a Jesi, quello della GOLDENGAS SPA, stabilimento/stoccaggio gpl (Vedere qui). Sarebbero quindi gli unici due in tutta la Vallesina (oltre l’API, naturalmente), concentrati entrambi proprio qui a Jesi, con rischi quindi esponenzialmente aumentati (pensiamo al catastrofico effetto domino che si avrebbe nel malaugurato caso di incidente ad uno dei due…). Vogliamo correre anche noi il rischio di un evento come quello accaduto pochi anni fa che ha portato alla morte di alcuni dipendenti API a causa di un incendio di dimensioni spaventose? Vorremmo anche noi avere “l’emozione” di vivere nel terrore, come i non proprio invidiabili abitanti del quartiere Villanova di Falconara? Le paventate mediazioni sulla riduzione della potenza della centrale a biomasse non avrebbero alcun effetto benefico per quello che riguarda le questioni appena esposte. - Non è stato presentato alcun progetto industriale che permetta di quantificare o di stimare le reali conseguenze ambientali, sanitarie, occupazionali ed economiche che tali impianti avrebbero non solo a Jesi ma in tutto il territorio della Vallesina. - Sono stati evidenziati, anche da mezzi di stampa locale, gravissime inefficienze del sistema di monitoraggio ambientale presente sul territorio cittadino. - Dai risultati delle validazioni di alcuni dati di monitoraggio da parte dell’ARPAM, risulta evidente già oggi, a zuccherificio spento, uno stato dell’aria altamente inquinato con numerosi sforamenti di parametri ambientali durante la prima metà del 2008; pertanto qualsiasi nuovo impianto andrebbe ad aggravare una situazione già altamente compromessa. - Anche l’impianto di biodisel, a dire dei dirigenti Bucci e Vignaroli dell’Arpam (vedere verbale commissione tecnica del 15 ottobre 2008) potrebbe essere altamente inquinante, sia per la presenza di reagenti assai pericolosi, (esteri, soda, caustica, metanolo, ecc….) sia per il traffico dei sotto prodotti e degli oli provenienti da Fermo, che si movimenteranno con TIR (Sadam parla di 1500 all’anno, che si aggiungono all’inquinamento della centrale a biomasse, paragonabile a quello di 20 mila auto al giorno che fanno 62 km…) - Non dimentichiamo il rischio diossina, che ci sarebbe anche nel caso di un eventuale ridimensionamento della potenza della centrale. Ricordiamo che la diossina è considerato inquinante “cancerogeno certo“: ciò significa che chi viene a contatto con la diossina, non ha possibilità di sviluppare il cancro, ma la CERTEZZA. Per ricordare a tutti gli effetti che pochi grammi di diossina possono avere sulla collettività, ci permettiamo di riportare, fra le tante disponibili a livello internazionale, questa relazione della Dott.ssa Gentilini. - Avremmo con ogni probabilità un aumento delle concentrazioni di ammoniaca nell’aria. Tale sostanza, infatti, è di solito utilizzata per l’abbattimento del biossido di azoto, altro inquinante altamente pericoloso, che viene fatto reagire prima di essere immesso in atmosfera, proprio con l‘ammoniaca, al fine di riportarne i valori entro i limiti di legge. Non è escluso che, come accade molte volte, per ridurre i costi di acquisto dell’ammoniaca, la Sadam decida in seguito di insediare anche impianti per la sua fabbricazione. - Inevitabili conseguenze sulla salute. Studi internazionali attestano la correlazione fra impianti inquinanti del tipo di quelli proposti da Sadam e aumento di patologie terribili, fra cui quelle respiratorie croniche e quelle tumorali. Ciò è stato confermato anche dalla Dott.ssa Patrizia Gentilini, oncologa di fama nazionale, intervenuta in una delle nostre assemblee pubbliche, che ha anche sottolineato come la fascia sociale più colpita da tali impatti è quella dei bambini. Tutto ciò è stato confermato da autorevoli medici dell’ambito cittadino che hanno evidenziato un trend allarmante di crescita di tumori e gravi patologie respiratorie a Jesi ed in Vallesina. A questo punto, sorge un problema politico enorme: Sadam dichiara nelle poche ulteriori informazioni fornite all’Amministrazione Comunale nell’Ottobre u.s. che non è in grado di dire esattamente quanto i nuovi impianti inquineranno. Dichiara di garantire che ci sarà la miglior tutela “possibile” (usa proprio questa frase!!!!) della salute e dell’ambiente. - Comunque, a pag. 25 delle slide, autocertifica, senza fornire alcuna fonte o alcun riferimento su cui verificare tali dichiarazioni, che emetterà nell’aria di Jesi 80 T/anno di biossidi di azoto, 70 t/anno di Monossido di Carbonio, 18 t/anno di polveri sottili, 3 t/anno di ammoniaca. Avremo ALMENO questo… probabilmente assai di più, considerando che essa si sta proponendo per una autorizzazione, e considerando l’affidabilità e la sincerità dimostrata dall’azienda in questi anni. La questione politica è: accettiamo che tutto questo venga immesso nell’aria di Jesi? A che pro? L’occupazione non sarà garantita, ed è possibile che punteranno, sotto ricatto occupazionale, a costruire altri impianti al posto magari del confezionamento o dei corporate; il modello di sviluppo che si creerebbe cozza con l’economia del territorio. Avremo tuttavia un’aria inquinatissima ….Si vuole o si deve fare davvero una scelta del genere? Che sia un meglio o un peggio di prima, si può accettare? - Può un’ amministrazione comunale, non tener conto inoltre, degli enormi effetti a livello globale di proposte come quelle Sadam? Può la politica dimenticarsi dell’etica? E con essa, di milioni di persone abitanti dei paesi del terzo modo da cui preleveranno il nostro olio di palma, sottraendo loro le terre su cui hanno sempre abitato, le loro foreste, le loro torbiere, innescando meccanismi neo coloniali che vorremmo non vedere più? O quelle popolazioni, così lontane da noi, non ci interessano, anche se, accettando una proposta come quella delle 29 slides, diventeremmo anche noi responsabili delle loro sofferenze? - I sostenitori della proposta di riconversione, dicono che la nuova centrale ad olio vegetale sostituirà una vecchia centrale a gas, interna allo zuccherificio, di 15 MW che dava energia allo stabilimento Sadam quando la esistente centrale Turbogas di 130 MW, presente nelle adiacenze, aveva dei fermi, o per manutenzione, o obbligatori del Gestore del Servizio Elettrico nazionale. La nuova centrale, quindi, sarebbe necessaria, per dare una continuità alla fornitura di energia termica (vapore), al previsto futuro impianto di produzione di biodiesel anche quando la Turbogas ha dei momenti di fermo. Si dice inoltre che; la nuova centrale, proprio per tutto quanto appena detto, è “di soccorso”,(Vedere Accordo di riconversione produttiva) e che, essendo alimentata con un olio anziché con il gas, avrà un impatto ambientale inferiore e la situazione globale del sito sarà migliorativa rispetto alla preesistente. Purtroppo tutto ciò non corrisponde al vero: innanzi tutto, perché ci sono studi, ad esempio dell’Istituto Superiore di Sanità, che attestano che la qualità degli inquinanti da diesel , biodisel e oli è assai più cancerogena e pericolosa di quella del gas naturale. Ciò è già stato codificato nelle leggi vigenti: pensiamo ad esempio, che quando c’è il blocco del traffico per questioni di inquinamento, le auto a gas e metano possono circolare, i diesel, o i biodiesel no. Inoltre, andando a vedere i tempi medi di utilizzo della turbogas, si nota che essa è accesa per circa 8 mila ore l’anno (Vedere: Turbogas Aggiornamento Informazioni 2006). Poiché, in un anno ci sono 8760 ore, si dovrebbe supporre, che la nuova centrale ad olio, “di soccorso”, dovrebbe rimanere accesa per non più di 800-900 ore. Invece, nella descrizione del progetto Sadam, è previsto che la nuova centrale ad olio, sarà accesa per ben…………..8000 ore!!! Altro che soccorso!!! Dire quindi, che la nuova centrale, sostituisce in maniera meno impattante, la vecchia centrale interna di 15 MW dello zuccherificio è fuorviante: a parità di ore di utilizzo l’impatto della nuova forse, utilizzando tecnologie di controllo delle emissioni più avanzate, potrebbe essere inferiore, ma qui si sta parlando di sostituire una vecchia centrale tenuta accesa per non più di 750-800 ore/anno con una nuova centrale che sarà accesa per ben 8000 ore/anno!!! - Per giustificare un eventuale via libera all’accordo, qualcuno sta prospettando l’idea di chiedere dalla Sadam delle “compensazioni economiche” in cambio dell’ inquinamento. Rispondiamo a tali proposte con una sola, semplice domanda: quanti soldi vale un tumore che prende un nostro figlio???!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! - Approfondimenti: SADAM: diamo i numeri - (Prima Puntata)

4) INAFFIDABILITA’ DELL’AZIENDA - L’11 Dicembre 2007 Sadam dichiara e scrive in un accordo sindacale firmato per il rinnovo della cassa integrazione dei dipendenti degli altri impianti in riconversione, che lo zuccherificio di Jesi rimarrà aperto. Il 9 gennaio 2008 (meno di un mese dopo) viene chiesta la chiusura dell’impianto di Jesi. Sadam è un’azienda che naviga a vista e non sa 20 giorni prima cosa farà 20 giorni dopo (e allora come possiamo far costruire ad una azienda così una raffineria ed una centrale a biomasse) oppure è una grande azienda che sapeva benissimo l’11 dicembre che avrebbe chiuso Jesi, ma ha mentito? - La Centrale Turbogas di 130 MW già attiva nell’area dello zuccherificio e che Sadam gestisce in proprietà con la Edison Energia, era stata autorizzata 10 anni fa con il fine di garantire più competitività allo zucchero prodotto a Jesi. Ciò avrebbe garantito occupazione più stabile e duratura. Tale principio era stato recepito anche nell’atto di convenzione fra Jesi Energia (la società che gestisce la Turbogas) e il Comune di Jesi: all’art.19 di tale convenzione, infatti si dice chiaramente che se chiude lo zuccherificio, deve chiudere anche la turbogas. Oggi, con la Convenzione che sta scadendo e che quindi va ridiscussa, Sadam ha già detto e scritto che la presenza della turbogas sarà uno dei presupposti per l’avvio del nuovo “Polo Eergetico”.

5) TRASPARENZA - Tutti i dirigenti Sadam si proclamano assolutamente paladini della trasparenza e della partecipazione dei cittadini. Peccato però che inseriscano poi, nell’accordo che vorrebbero far firmare al nostro sindaco, una piccola clausula di segretezza, all’ Art.6, che riportiamo fedelmente:”Articolo 6(Segretezza delle informazioni) Ciascuna parte si impegna a mantenere riservata ogni informazione tecnica e/o commerciale, verbale o scritta, ricevuta dall’altra Parte e ad utilizzarla per i soli scopi del presente Accordo di Programma, anche dopo la cessazione dei suoi termini di validità. Resta inteso che le parti concorderanno quali informazioni verranno rese pubbliche nell’ambito del Piano di Comunicazione.” Alla faccia della trasparenza!!!! - Pericolosissima è poi la previsione scritta nell’accordo (art.2.1, pag.9) che qualsiasi modifica alla tempistica di realizzazione dei nuovi impianti, dovrebbe essere concordata per iscritto tra Eridania ed enti pubblici. Se l’ente pubblico non rispetta i tempi, l’Eridania potrebbe chiedere i danni? Supponendo ad esempio, che ci siano dei problemi nello studio di impatto ambientale presentato dall’azienda e che i dirigenti regionali abbiano bisogno di più tempo per le opportune valutazioni, se ciò compromettesse i tempi siglati nell’accordo di riconversione produttiva alla firma oggi senza un benchè minimo progetto, l’azienda potrebbe chiedere dei risarcimenti? Ancora soldi pubblici?..… Teniamo presente che già il 30 luglio u.s., la dirigente regionale che ha partecipato al Consiglio Comunale aperto presso il Comune di Jesi ha già dichiarato che i tempi saranno probabilmente molto più lunghi di quelli indicati nell’accordo. - Di fronte ad ogni accesso agli atti effettuato dal Comitato per la Tutela della Salute e dell’Ambiente della Vallesina, la Sadam ha sempre cercato di fare ostruzionismo, arrivando a chiedere addirittura il Segreto di Stato. Fortunatamente, non è stata in grado di sostenere e di documentare la coerenza di tale richiesta ed abbiamo avuto la possibilità di accedere comunque alle documentazioni, ma il gesto intimidatorio nei confronti dei cittadini che vogliono informarsi è stato davvero evidente ed ecclatante. E tutto ciò oggi, quando non è stato ancora firmato alcun accordo, e quindi, si presuppone un atteggiamento più cauto da parte dell’azienda. Pensiamo a cosa succederebbe dopo aver avuto il via libera…. - Il consulente Sadam Aldo Cartuccia, durante il Consiglio Comunale aperto di Monte San Vito del 20 Novembre u.s. ha dichiarato la disponibilità dell’azienda a presentare, nel caso il Sindaco lo richieda, un progetto industriale relativo all’intera riconversione prima della firma dell’accordo, così come previsto dalla Legge 81/2006. Ciò consentirebbe ad Arpam, Commissione Tecnica e Commissione Politica un’attenta valutazione del progetto prima dell’avvio del percorso di riconversione, che si avrebbe approvando l’accordo di riconversione produttiva. Ci chiediamo se sia possibile far votare un ordine del giorno in Consiglio Comunale per una richiesta ufficiale da parte del Comune del progetto industriale dei nuovi impianti. Richiesta che ancora oggi, incredibile a dirsi, il nostro Sindaco che vorrebbe al più presto siglare l’accordo, NON HA ANCORA MAI FATTO!!!!

6) SADAM INDAGATA E’ di questi giorni la notizia che si sta chiudendo la fase preliminare di un processo che vede, fra gli indagati, anche due dirigenti Sadam. Si tratta di un procedimento penale aperto nel febbraio 2007 che riguardava lo sversamento di fanghi derivanti da residui della lavorazione della bietola in ben 20 ettari di terreni agricoli, sequestrati poi dall’A.G. Sembrerebbe che in tali terreni siano state ritrovati rilevanti quantitativi di idrocarburi e metalli pesanti. Sempre da fonti di stampa, risulta che l’ ipotesi di reato sarebbe quella di violazione, tra l\'altro, delle norme del nuovo testo unico ambientale (d.lgs. 152/2006) con riferimento all\'illecita gestione e smaltimento di rifiuti speciali pericolosi. Siamo in attesa di sapere se il pubblico ministero, a seguito delle eventuali difese prodotte dagli indagati deciderà di richiedere il rinvio a giudizio dei due dirigenti Sadam, insieme agli altri 5 indagati coinvolti nella vicenda, o di archiviare il procedimento. Si ritiene che un tale reato, se confermato, abbia portato un danno enorme a tutta la città ed a tutti i cittadini jesini. Pertanto, aspettando con fiducia gli esiti del lavoro dei magistrati, nel caso in cui le accuse fossero confermate e la fase preliminare si dovesse chiudere con un rinvio a giudizio dei dirigenti Sadam, i cittadini che fanno parte del Comitato annunciano già da oggi che si costituiranno Parte Civile nel processo. Sorge ora spontanea una domanda: il Sindaco e l’amministrazione comunale che cosa intendono fare? Hanno intenzione anch’essi di costituirsi Parte Civile come Ente pubblico danneggiato, a tutela della cittadinanza e per ottenere il risarcimento danni eventuale, oppure intendono firmare con la Sadam un accordo di riconversione produttiva che, in assenza di un piano industriale e di dati di monitoraggio attendibili, può essere paragonabile ad una cambiale in bianco?

7) BONIFICA REGOLAMENTO (CE) N. 320/2006 DEL CONSIGLIO del 20 febbraio 2006 relativo a un regime temporaneo per la ristrutturazione dell’industria dello zucchero nella Comunità e che modifica il regolamento (CE) n. 1290/2005 relativo al funzionamento della politica agricola comune Art.3 \"Aiuti alla ristrutturazione\" par.3 \"3. Il completo smantellamento degli impianti di produzione richiede: a) la cessazione completa e definitiva della produzione di zucchero, isoglucosio e sciroppo di inulina da parte degli impianti di produzione interessati; b) la chiusura dello zuccherificio o degli zuccherifici e lo smantellamento dei relativi impianti di produzione nel termine di cui alla lettera d) dell’articolo 4, paragrafo 2, e c) il ripristino di buone condizioni ambientali nel sito dismesso e l’agevolazione del reimpiego della manodopera nel termine di cui alla lettera f) dell’articolo 4, paragrafo 2. Gli Stati membri possono prescrivere alle imprese di cui al paragrafo 1 di assumere impegni che vanno al di là dei requisiti obbligatori minimi previsti dalla normativa comunitaria. Tali impegni, tuttavia, non limitano il funzionamento del fondo di ristrutturazione in quanto strumento.\" Cosa vuole dire? Che la bonifica dei siti è prevista dal regolamento comunitario che regola lo stanziamento dei soldi pubblici UE per la dismissione degli impianti (per intenderci, i famosi 70 milioni di euro presi da Sadam per la chiusura di Jesi). Nel regolamento non si parla di obbligo di riconversione (essa rientra nell\'ambito delle scelte aziendali). Si parla invece di obbligo di togliere le quote zucchero dal mercato, obbligo di smantellamento degli impianti, obbligo di BONIFICA!!!! Ma forse occorre chiarire ulteriormente: ci sono sul piatto BEN 70 MILIONI DI EURO che la Sadam PER LEGGE deve investire prioritariamente per la bonifica. BONIFICA = POSTO DI LAVORO BONIFICA = SOLDI DISPONIBILI SUBITO BONIFICA = INDOTTO (INDUSTRIE LOCALI, ECC…..) BONIFICA = Soldi pubblici che la Sadam ha preso e che devono tornare sul territorio. CENTRALE A BIOMASSE + RAFFINERIA = Soldi pubblici che la Sadam incasserrà per NON PRODURRE ENERGIA (ricordiamo il bilancio energetico negativo degli impianti proposti) ma per succhiarne al sistema CENTRALE A BIOMASSE + RAFFINERIA = Soldi pubblici prelevati al territorio ed ai cittadini ai soli scopi di lucro, lasciando solo inquinamento Invece di fare commissioni politiche con la sola Sadam senza possibilità di contradditorio, invece di parlare di finte mediazioni (centrale a 18 MW o centrale a 4, a 6, a 8 MW???) che mettono a rischio la salute di 85 mila abitanti della Vallesina in cambio di 143 posti per niente garantiti, lasciando inalterati i rischi economici, ambientali e di sviluppo della nostra città e portando L’API NEL CUORE DELLA VALLESINA, attendiamo Consigli Comunali e Commissioni Politiche per discutere del modo di coniugare posti di lavoro veri e duraturi con gli interessi del territorio e la salute dei cittadini, rispettando così anche l’opinione degli altri sindaci della Vallesina che si sono dichiarati tutti contrari alla proposta di riconversione Sadam.

Ci auguriamo che la politica verifichi prioritariamente che certi obblighi come quello della bonifica, siano assolti PRIMA di autorizzare una riconversione con la firma di un accordo. Ci auguriamo che venga atteso l’esito del lavoro dei magistrati nel processo penale in corso. Ci auguriamo che prima di qualsivoglia firma dell’accordo, vengano risolti i gravi problemi di funzionamento del sistema di monitoraggio ambientale di Jesi, individuando anche le eventuali responsabilità. Ci auguriamo che prima di qualsivoglia firma venga attuato un serio studio epidemiologico sulla situazione sanitaria di Jesi e della Vallesina. Ci auguriamo che venga almeno richiesto ufficialmente un progetto prima di discutere di dare qualsiasi via libera all’accordo. Aspettiamo con fiducia il voto del consiglio comunale previsto nelle prossime settimane sul tema della riconversione; aspettiamo di vedere ogni consigliere comunale da che parte sta: con la Sadam o con la città? Comitato per la Tutela della Salute e dell’Ambiente della Vallesina





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 09 dicembre 2008 - 1530 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, Vallesina, Comitato Tutela della salute e dell\'ambiente della Vallesina


luna

innanzitutto spero che sta gente senza scrupoli venga perseguitata per sempre almeno nell\'aldila\' e poi spero che i valori e l\'etica che non hanno prezzo vengano messi prima del danaro, sterco di satana.