Il Pd interviene sull\'approvazione del Prg

jesi 21/12/2008 - Con le votazioni ai rilievi del Comitato Provinciale per il Territorio(CPT), nella seduta di ieri il Consiglio Comunale di Jesi ha approvato in via definitiva la variante generale del PRG.

Tale decisione rappresenta un importante pilastro nella realizzazione del programma di mandato dell’attuale Amministrazione, che porta a compimento un lungo percorso iniziato nella passata legislatura con il Piano Strategico, l’approvazione del Piano Idea e del Progetto Comunale di Suolo del progettista Arch. Gabellini.

La variante al PRG approvata andrà a sostituire il Piano Secchi, permettendo di avviare un nuovo disegno strategico della città nel corso dei prossimi anni per quanto attiene la città pubblica, la mobilità e le politiche abitative, che porteranno in dote una quota rilevante di edilizia sociale. Inoltre il nuovo piano andrà ad introdurre l’importante principio della perequazione urbanistica, che permetterà così di costruire la città futura secondo principi di equità di trattamento.

Dal punto di vista tecnico inoltre occorre rilevare come l’esiguità delle osservazioni del Comitato Provinciale per il Territorio, sia la conferma della validità tecnica del piano proposto ed approvato. Per la parte dei rilievi in cui l’Amministrazione comunale non si è adeguata rimaniamo in attesa delle future decisioni della Provincia, rilevando comunque che per quanto riguarda ZIPA VERDE lo stesso Consiglio Provinciale ha recentemente adeguato il proprio Piano Territoriale di Coordinamento.

Infine un doveroso ringraziamento va fatto all’ex assessore all’urbanistica Daniele Olivi e all’attuale assessore Simona Romagnoli per aver portato a termine il percorso di variante al PRG, oltre all’Amministrazione Provinciale ed agli uffici comunali per l’importante lavoro svolto.

da Andrea Binci
consigliere comunale Pd





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 22 dicembre 2008 - 975 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, partito democratico, Andrea Binci