Restano in servizio i quattro poliziotti indagati per concussione

polizia stradale 10/02/2009 - Sono regolarmente in servizio ma sono stati adibiti al lavoro di ufficio e non al pattugliamento i quattro poliziotti della Stradale di Senigallia indagati per concussione.

I quattro agenti, che da anni vivono e lavorano a Senigallia, sono stati raggiunti da un avviso di garanzia a seguito della denuncia sporta ai Carabinieri da due imprenditori del posto che hanno raccontato di \"regali\" che erano costretti ad elargire ai poliziotti che li avevano presi di mira con controlli continui e cavillosi.


Dei quattro, due posizioni appaiono al momento più \"marginali\". Uno dei quattro, si è subito reso disponibile verso l\'autorità giudiziaria e ha chiesto al pm Lionello un incontro formale per rilasciare al pm una dichiarazione inerente il fatto contestato. Si tratta ovviamente di dichiarazioni spontanee e non di un interrogatorio. Questo perchè la sua posizione sarebbe lontana dagli addebiti che sono stati contestati agli agenti. Anche la posizione di un secondo agente sarebbe del tutto marginale.


La sezione della Stradale di Senigallia ha intanto deciso, di comune accordo con i quattro indagati, di adibire gli agenti in questione al lavoro di ufficio e non al pattugliamento in strada.






Questo è un articolo pubblicato il 10-02-2009 alle 23:50 sul giornale del 11 febbraio 2009 - 4508 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, polizia stradale


Commento sconsigliato, leggilo comunque

.........ma dove vivi in Iran? o in Iraq? mah.......

Eliminerei le frustate (almeno fino a colpevolezza accertata), ma condivido sulla sospensione, credo che restando in servizio ci sia la possibilità di inquinare le prove.

*emy*

Commento sconsigliato, leggilo comunque

....si infatti la mia era riferita solo alle frustate........sono d\'accordo sulla sospensione.

Al momento trattasi di semplici illazioni. Hai visto mai che alla fine della storia ci possa essere una archiviazione del fascicolo per assenza di elementi?E allora, tutti quelli che hanno sparato a zero sugli agenti ce l\'avrebbero il coraggio di mordersi la lingua e chiedere scusa?<br />
Non è meglio aspettare che il magistrato termini le indagini ed agisca in base agli elementi riscontrati?Perchè adesso si dovrebbe credere alle accuse e magari non agli agenti?

E quando sono loro forti della loro divisa che fanno le illazioni come ha scritto qualcuno ed un povero cristo si trova in braghe e alla loro mercè ........non mi venite a dire che quando vi ferma qualche pattuglia sono tutti gentili e sorridenti ma invece mostrano un ghigno perverso e da frustrati autoritari. Ripeto il mio concetto base ammiro le forze di Polizia e di tutte le divise dello Stato Italiano ma se tra di loro ci sono mele marce vanno estirpade radicalmente. Intanto devono essere sospesi poi si vedrà come accade per tutti i cittadini.Le \"frustate\" erano solo figurative e provocatorie. <br />
Un plauso per tutti i ragazzi/e delle Forze Armate Italiane

aggravanti pubb uff

Commento sconsigliato, leggilo comunque

lally

Commento sconsigliato, leggilo comunque

scusa celticus, ma ........parliamo di poliziotti che dovrebbero essere sospesi senza essere pagati fino al giorno in cui il giudice emettera\' la sentenza? ma quando viene denunciato qualcuno che non indossa una divisa, e svolge altro lavoro (operaio, muratore, carpentiere, elettricista etc etc etc. ) viene sospeso dal lavoro fino quando non viene giudicato? mi sembra di no, e mi sembra pure che nessuno e\' colpevole dino a prova contraria......o no? in Italia spesso ci sono dibattiti mediatici su reati gravissimi, e anche li\' viene sempre detto di aspettare prima di condannare ........adesso na vale piu\' sta cosa?.......gli ultra\' allo stadio che sfasciano lanciano pietre bruciano macchine etc etc rimessi in liberta\' il giorno dopo non li fanno piu\' lavorare?.........bisegna essere obiettivi ....sempre.

L\'accusa rivolta a questi agenti, non è un\'accusa qualunque, trattasi di accuse ben gravi, strettamente legate allavoro svolto dagli stessi. E sinceramente dubito che gli accusatori,(autotrasportatori che come noto ci tengono ad avere un buon rapporto con le forze dell\'ordine addette al controllo della circolazione stradale), si siano inventati queste accuse. Non credo che riuscirebbero a trarre vantaggio da una falsa accusa del genere, tutt\'altro.

Commento sconsigliato, leggilo comunque