x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Riconversione Sadam, comitato: Jesi ha un premio Nobel e non lo sa

4' di lettura
1939
dal Comitato Tutela della salute e dell\'ambiente
della Vallesina

www.comitatotutelasalute.info

sadam

\"Ebbene sì. Stiamo parlando del dott. Gilberto Coppa. Laurea in Chimica. Segretario del Partito Socialista cittadino. Ex dirigente dell’ARPAM\".

Un curriculum di tutto rispetto che si arricchirà senza dubbio dell’ambitissimo premio internazionale, quello conseguito, per intenderci, dal celebre Carlo Rubbia. Avete mai sentito parlare di centrali a zero emissioni? Noi no, e prima di oggi tutto il mondo scientifico ha sempre sostenuto che emissioni zero sono impossibili nei processi di combustione. Se non fosse stato così, perché introdurre limiti ai pericolosissimi inquinanti come NOx, CO, IPA, Diossina, PM… in Italia ed in Europa? Se fosse esistita già la Centrale a Emissione Zero di Coppa, i limiti sarebbero stati zero, punto e basta.




Ebbene, l’annuncio di tale scoperta, che non può non sfociare in un premio Nobel per la fisica, viene niente popo’ di meno che dalle pagine di uno dei quotidiani diffusi nella nostra città, in un articolo del 7 Febbraio 2009 del sempre attentissimo Bruno Luminari che, dall’alto della sua ultra trentennale esperienza, non si è lasciato sfuggire uno scoop senza precedenti. Abbiamo aspettato trepidanti tutti questi giorni, temendo che il “sogno” annunciato dal “duo” Luminari-Coppa svanisse con una smentita da parte del Chimico. E invece non solo tale smentita non è mai arrivata, ma l’agguerrito Luminari è tornato più volte sulle “emissioni zero” del segretario dei Socialisti jesini.




La stessa Sadam, con i suoi fior di ingegneri, non ne sapeva nulla. Altrimenti, tutto quello che essa ha dichiarato a pag. 25 delle slide elencando una serie di inquinanti fra i più pericolosi che sarebbero immessi nell’atmosfera dagli impianti proposti nella riconversione, sarebbe soltanto un masochistico e inspiegabile tentativo di complicarsi un percorso autorizzativo che sarebbe stato invece tutto in discesa per un impianto a emissioni zero. Incomprensibili, quindi, anche le dichiarazioni dei colleghi (ex) di Coppa, Dott.ri Vignaroli e Bucci, dell’Arpam, che hanno più volte mostrato forti preoccupazioni sull’impatto ambientale che potrebbero avere raffineria e centrale a biomasse. Ora ci spieghiamo anche le critiche alla etica tenuta da certi Comitati di cittadini nel cercare di informare la cittadinanza, e dagli “scienziatucci” di seconda mano (magari ex europarlamentari e membri del CSA e di gruppi di lavoro ministeriali, oppure membri delle associazioni mediche internazionali fra le più importanti in Europa, ma di certo non sicuri premi Nobel come il succitato segretario dei Socialisti jesini) presentati in “convegnucci”.




E ci spieghiamo l’inspiegabile, cioè il perché il Sindaco Belcecchi nonostante sia stato puntualmente e totalmente smentito in ogni dibattito pubblico sulle sue tesi di sostenibilità della riconversione proposta da Sadam, continui a cercare su di essa ostinatamente un accordo senza chiedere all’azienda un progetto alternativo. Il futuro Nobel Coppa, infatti, fa parte di un partito in maggioranza, ed avrà forse, in una delle tante riunioni in cui si è discusso dell’atto di indirizzo votato e sostenuto lo scorso 13 dicembre da quasi tutta l’attuale coalizione di governo cittadino, tranquillizzato tutti con le sue scoperte rivoluzionarie. Prima che sia troppo tardi e che, a seguito del conseguimento inevitabile del Nobel, il Coppa lasci la nostra città per convegni e conferenze in tutte le principali università e politecnici del pianeta, cercheremo di organizzare (costi quel che costi!) un convegno per invitare il futuro Nobel a spiegarci come il miracolo della “catalisi liquida o solida” citato nell’articolo di Luminari possa trasformare i fumi della combustione dell’olio vegetale, nei due motori diesel dentro la centrale, in aria fresca.




Assai tranquillizzati dalle buone notizie che il “duo” Luminari-Coppa ci ha illustrato lo scorso sabato 7 febbraio, regalandoci per altro, un piacevole e rassicurato weekend, ci permettiamo di disturbare il probabile futuro Nobel Coppa e di abusare della sua pazienza per sottoporgli una semplice domanda, che solo arroganti ed ignoranti organizzatori di “convegnucci” poco etici possono permettersi di porre: essendo ad emissioni zero, la prevista centrale a olio non avrà neanche bisogno di un camino di emissione? La cosa ci tranquillizzerebbe ulteriormente, visto che da nei prospetti “masochisticamente” presentati da Sadam, sembrerebbe addirittura esserci un “camino motori” di altezza circa 20 metri…. Felici per il Dott. Coppa e per il prestigio che tutta la nostra città avrà dall’ottenimento dell’ambitissimo premio, concedeteci un solo grido: COPPA for NOBEL!



sadam

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-02-2009 alle 12:59 sul giornale del 26 febbraio 2009 - 1939 letture