Castelcolonna: Biagetti e Cavalletti invitano i citadini al confronto

31/03/2009 - I consiglieri di minoranza del Comune di Castelcolonna invitano tutti i cittadini al Teatro Comunale alle ore 21 per discutere del futuro del paese in vista delle prossime elezioni.

I consiglieri intendono instaurare un filo diretto con tutte le famiglie ed il tessuto economico e sociale. A tutti sarà chiesto, tramite un questionario con risposte aperte, l\'opinione su questi temi:
- Amministrazione Comunale
- Unione dei Comuni
- Lavori Pubblici
- Viabilità
- Urbanistica
- Piano regolatore
- Ambiente
- Servizi Sociali
- Attività economiche
- Tempo libero.

Inoltre si valuteranno insieme le disponibilità alle candidature ed il candidato a sindaco.

Sarà compito dei consiglieri di opposizione, che hanno già esperienza amministrativa, fare sintesi delle risposte. Contemporaneamente ai cittadini sarà proposto un programma in tre punti:
1) Reset completo del Comune.
2) Tagliare i rami secchi, ma non la spesa sociale
3) Sostenere giovani e famiglie.

\"Ci aspettiamo anni difficili perché negli anni passati non si è mai pensato ad una politica per il dopo discarica, chiusa il 31 dicembre scorso - dice Moira Biagetti - amministrare senza gli introiti della discarica sarà difficile, ma Castelcolonna ce la può fare\".

Su alcuni temi, ad esempio su come comprimere la spesa comunale tagliando i rami secchi Biagetti e Cavalletti hanno già le idee chiare: la realizzazione degli ambulatori medici presso la ex scuola elementare costata 100.000€ è stato uno spreco. Inoltre ha dato un colpo di grazia al centro storico.
Un\'altra spesa che può essere annullata è quella del canile, 27.000€ annui.








Questo è un articolo pubblicato il 31-03-2009 alle 01:14 sul giornale del 30 marzo 2009 - 3623 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, castelcolonna, politica, moira biagetti, amministrative 2009, luca cavalletti


Anonimo

Off-topic

Veramente è CAVALLETTI!<br />

Togliere un canile? Siete matti?<br />
<br />
Toglietevi le vostre indennità, per basse che siano, che è molto meglio.

Off-topic

Hai ragione, scusa, ho corretto.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Cari ragzzi, avete già segnato il primo autogol. Non so come farete ma i cani, eredità di antiche amministrazioni, pesano sul bilancio del comune per legge. Non credo che riuscirete a disfarvene facilmente.

Roberta

E\' proprio così.<br />
<br />
Legge 281/91, art. 4, c. 1: <br />
I comuni, singoli o associati, e le comunità montane provvedono al risanamento dei canili comunali esistenti e costruiscono rifugi per i cani nel rispetto dei criteri stabiliti con legge regionale e avvalendosi dei contributi destinati a tale finalità dalla regione. <br />
<br />
L.R. delle Marche 10/97, art 2<br />
c. 1 e 2<br />
I Comuni singoli o associati e le Comunità montane provvedono:<br />
b) al ricovero, alla custodia e al mantenimento dei cani catturati per il tempo necessario alla<br />
restituzione ai proprietari o ai detentori o all\'affidamento ad eventuali richiedenti;<br />
c) al ricovero, alla custodia e al mantenimento dei cani per i quali non è possibile la restituzione o l\'affidamento;<br />
I Comuni singoli o associati e le Comunità montane provvedono al risanamento dei canili<br />
esistenti e costruiscono rifugi per cani nel rispetto dei requisiti indicati agli articoli 3 e 4 (3).<br />
<br />
e ce n\'è anche per i gatti al c. 3<br />
<br />
I comuni e le Comunità montane provvedono inoltre alla realizzazione e al mantenimento delle<br />
strutture finalizzate al ricovero e cura temporanei dei gatti che vivono in libertà, feriti, ammalati o sterilizzati.<br />
<br />
Apprezziamo la buona volontà di questi giovani alle prime armi nella politica, ma prima di aprire bocca per mettere mano alla cosa pubblica bisogna informarsi sulle norme vigenti, altrimenti si fanno figure barbine.