x

SEI IN > VIVERE JESI > CRONACA
articolo

Assolto il prof jesino che che contestò il vino del Duce

1' di lettura
1569
di Talita Frezzi
redazione@viverejesi.it

vino rosso
E’ stato assolto il professore jesino (A.M.) di 35 anni denunciato per ingiurie dal titolare del ristorante “Il Contadino” di Massignano. La sentenza del giudice di pace del Tribunale di Ripatransone dottoressa Benaducci è stata pronunciata ieri mattina e mette la parola fine a una vicenda giudiziaria che si trascinava dal luglio 2005.
Il giudice ha riconosciuto che l’esposizione di gadget fascisti in un ristorante, quindi in un luogo pubblico, e sostenere - come disse il titolare all’epoca dei fatti - che in Italia il Comunismo e il Fascismo erano simili ed ebbero la stessa rilevanza politica per le loro azioni, è un fatto che giustifica una reazione anche violenta.

Quindi, l’ira del professore jesino, che vedendo esposte le bottiglie del Vino del Duce tacciò il titolare di ignoranza e di fare apologia del fascismo, fu pienamente giustificata. Bottiglie di cui peraltro, in passato, la Procura di Bolzano dispose il sequestro per apologia del fascismo.

Assistito dall’avvocato Ennio Tomassoni di Ancona, il docente di storia è stato sollevato da ogni accusa. Anche da quella di “diffamazione” per aver leso l’immagine del ristorante informando i giornali della vicenda, che il Tribunale di Roma ha deciso di archiviare.


vino rosso

Questo è un articolo pubblicato il 12-06-2009 alle 00:39 sul giornale del 11 giugno 2009 - 1569 letture