x

SEI IN > VIVERE JESI > CULTURA
comunicato stampa

Presentata la XXXII edizione di Inteatrofest 09, Festival Internazionale di arti performative

12' di lettura
1984
da Inteatro

presentazione della XXXII edizione di Inteatrofest 09
Ieri mattina presso la Sala Raffaello della Regione Marche è stata presentata la XXXII edizione di INTEATROFEST 09 Festival Internazionale di arti performative che si terrà a Polverigi e Jesi dal 2 al 4 luglio. Alla presentazione del programma dell’evento l’Assessore alla Cultura della Regione Marche Vittoriano Solazzi, l\'Assessore alla Cultura della Provincia di Ancona Carlo Pesaresi, l’Assessore alla Cultura del Comune di Jesi Valentina Conti, il Presidente di Inteatro Marco Bellardi, il direttore di Inteatro Velia Papa.

Cosa accade se gli artisti di strada con i loro puppets giganti entrano in casa e se invece un tradizionale gioco da tavolo, come il Gioco dell’oca, esce e si fa interattivo coinvolgendo la piazza in prove di abilità eco-sostenibile? Se chi danza la paura e la fragilità del nostro tempo si trova accanto a chi esplora il contatto a due e la fiducia nella possibilità dell’incontro attraverso il corpo? Se drammatici panorami bellici si alternano a semplici inosservati gesti quotidiani dell’essere umano perfetto? Accade InteatroFest ‘09! Il Festival Internazionale di arti performative conosciuto in tutto il mondo dal 1977, quest’anno si svolge dal 2 al 4 luglio a Polverigi e Jesi. Azioni, installazioni, produzioni, relazioni.



Tre giorni di spettacoli senza sipario, perché sono i luoghi a diventare scena: gli incantevoli scenari naturali e microurbani di un paese votato al teatro, di una villa trecentesca immersa in un parco secolare sempre aperto, di una piazza storica di fronte a un teatro di tradizione, paesaggi immersi tra le colline marchigiane. La sede di lavoro di Inteatro e del Festival è infatti Villa Nappi di Polverigi, luogo di felici scoperte e di novità della scena nazionale ed internazionale da decenni. Inteatro è da sempre un concentrato di creatività contemporanea giovane, resistente, polivalente e multiforme tra performance sperimentali, danza, musica, video, installazioni, con le antenne alzate sulla attività artistica internazionale genuina. Cantiere permanente aperto, residenza artistica per la creazione contemporanea, accademia internazionale, nodo focale di una fitta rete di relazioni, idee e progetti, Villa Nappi è un luogo dove artisti, tecnici, pubblico, turisti, curiosi, giornalisti, cittadini si mescolano, si incontrano 365 giorni l’anno. In questo “parco naturale delle arti performative”, qualcosa di speciale più accadere in ogni momento.



Si danza, si studia, si prova, si recita, si inventa, si medita, si sperimenta, si fa ricerca artistica in estate, in inverno, in primavera, in autunno. E chi chiede ospitalità anche solo per qualche giorno di vacanza e relax nella quiete marchigiana, si ritrova a contatto con questa creatività, la respira, la osserva, la interroga. La magnifica Villa Nappi è ormai un luogo di accoglienza, ritrovo, incontro e scambio. Per questo il pubblico arriva come in pellegrinaggio, edizione dopo edizione, anche senza aver prima consultato il programma per naturale passaparola e memoria comune, perché basta risalire il sentiero e varcare la soglia del parco di Villa Nappi di Polverigi, per trovarsi immersi in un’atmosfera originale ed autentica, respirando l’aria frizzante della creatività in pieno svolgimento. Dopo 32 anni di storia che hanno visto passare personaggi significativi del teatro, della danza, della musica, della satira, dell’arte e della creatività internazionale nel senso più ampio del termine, da Alain Platel a Judith Malina, dalla Societas alla Fura, dalla Valdoca ai Sosta Palmizi, da Leo Bassi a Luttazzi, Leo de Berardinis, Barberio Corsetti, Martone, Paolini, Andrea Pazienza, William Kentridge, Mike Figgins, Jan Fabre e moltissimi altri, Inteatro sceglie di continuare a raccontare il proprio tempo evolvendo.



In che modo? Forte della grande tradizione festivaliera, decide di puntare sulla straordinaria struttura, sul luogo e il personale, sulle competenze, mettendole a disposizione degli artisti grazie a InteatroPROD. Non più soltanto una vetrina dunque, ma una forma di sostegno concreto alla creatività. Di fatto InteatroPROD è l’ufficio dedicato al sostegno e alla diffusione della creazione artistica contemporanea, offre un supporto specifico dalla fase della ricerca (residenze creative, progetti di formazione) a quella della produzione (supervisione, ricerca di partners) e della distribuzione (networking, progetti internazionali). Il primo momento di visibilità è proprio InteatroFest. Per tre giorni, dal 2 al 4 luglio, verranno presentati a Villa Nappi e in diversi spazi a Polverigi e a Jesi quegli artisti e quei progetti che animano l’attività permanente di Inteatro.



Performances, spettacoli, azioni, concerti e installazioni accomunati dalla relazione forte con il territorio, dal dialogo aperto con la comunità, dall’attenzione ai temi dello sviluppo sostenibile. Artisti provenienti da esperienze diverse che hanno condiviso con Inteatro almeno una tappa del loro percorso, realizzando una Residenza Creativa a Villa Nappi, frequentando il programma di perfezionamento artistico IFA InteatroFestival Academy, partecipando al concorso di creazione Scenari Danza e realizzando il progetto artistico con il supporto produttivo appunto di InteatroPROD. L’Associazione Inteatro è riconosciuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali come Impresa teatrale di Innovazione ed Ente di Promozione della Danza. La sua missione è l’innovazione culturale, la promozione dei giovani talenti, lo sviluppo della creazione contemporanea e delle collaborazioni internazionali, il confronto tra differenti discipline artistiche. Tra le sue numerose attività emerge il Festival.



InteatroFest ‘09 – il programma


Dal 2 al 4 luglio saranno di scena le compagnie e gli artisti ospitati quest’anno in residenza, per presentare in anteprima, prima italiana o in debutto assoluto ciò che è nato nell’atmosfera fertile di Villa Nappi. In molti casi si tratta anche di produzioni dal Festival stesso. InteatroFest ‘09 è dunque la scena estiva di un impegno costante da parte di Inteatro, associazione riconosciuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali come Impresa teatrale di Innovazione ed Ente di Promozione della Danza. I lavori presentati seguono quasi tutti una traccia urgente, legata a tematiche di relazione e sostenibilità, ambiente, ecologia, benessere, fare comunità, etica e valori. È il ruolo sociale dell’artista e dell’arte che emerge con forza nelle scritture contemporanee, attraverso vecchi e nuovi linguaggi, in una originale coesistenza di proposte performative. Gli appuntamenti sono ospitati come sempre a Polverigi e in due casi a Jesi, ovvero “L’essere umano perfetto” e il “Gioco dell’oca verde”.


“L’essere umano perfetto”, di Rosa Casado e Mike Brookes, è un evento sociale partecipativo che mette in campo i gesti quotidiani di una moltitudine di persone, una comunità di cittadini di Jesi, dopo diversi incontri di lavoro insieme, esplorando i concetti di “umano” e di “perfezione” (3 e 4 luglio, ore 21, Chiesa S. Niccolò a Jesi). Partecipato anche il “Gioco dell’oca verde” recuperato in chiave ecologica da Adriana Zamboni e Lucio Diana nell’ambito del progetto Biosphera, che sarà proposto anch’esso a Jesi, ma in Piazza della Repubblica il 4 luglio alle 21,30, aperto a tutti quelli che vorranno misurarsi con le nozioni e le abilità eco-consapevoli.


A Polverigi invece la danza di German Jauregui (in duo con Elena Fokina, entrambi già nella compagnia del grande belga Wim Vandekeybus) che in “Sunset on Mars” esplora la possibilità del contatto con l’altro e del movimento come opportunità per sviluppare quella armonia e quella unione spirituale che la società di oggi sacrifica (4 luglio, ore 22, Teatro della Luna, Villa Nappi a Polverigi). Nella giornata del 4 luglio alle 21, Villa Nappi di Polverigi ospita anche Délit de Façade, compagnia francese di artisti di strada capaci di dare corpo a personaggi giganti, puppets, che invece di restare in strada entrano nelle case dei cittadini e s’affacciano alle finestre per raccontare le loro storie. Tra i lavori presenti durante tutto il Festival dal 2 al 4 luglio, c’è l’installazione di OHT, vincitore di Nuove Sensibilità 2008, una calca di case dove fondamentali sono l’ascolto personale e il lento passeggio che porta al disvelamento delle storie ivi nascoste (tutti i giorni alle 20, in Villa Nappi a Polvergi).


Dal 2 al 4 luglio anche il nuovo lavoro della compagnia Orthographe che recupera panorami di guerra dall’800 a oggi tra proiezioni e percezioni visive, interrogando lo sguardo sulla guerra e con esso la storia (dell’immagine) collusa con le ideologie del potere e quindi con la politica. Il debutto al Cinema Italia di Polverigi il 2 e 3 luglio alle 22.15, il 4 luglio alle 23. Tutti i giorni anche le performance site specific dei 12 partecipanti alla IFA InteatroFestival Academy ’09, lavori pubblici nell’ambito di Scenari Danza 2.0 che coinvolgono gli spazi di Villa Nappi e diversi luoghi di Polverigi (2 luglio, 3 luglio, 4 luglio – dalle ore 20). I diplomati di un’altra Accademia internazionale, la SEAD di Salisburgo, che nel 2008 hanno fondato una propria compagnia, presentano in prima italiana a Polverigi due pièce nell’ambito di Bodhi Project: “New burlesque” di Matej Kejzar e “How music sounds” di Diego Gil. L’appuntamento è per il 3 luglio alle 21 al Teatro della Luna.


Lo stesso storico spazio che sempre il 3 luglio ma alle 23, accoglie anche l’assolo di Daniele Albanese/ compagnia Stalk (Parma) in “Andless”, danza fluida di un personaggio-fantasma che rivela coprendosi. Esplora infine la paura primordiale, quella del futuro e della sopravvivenza, la danza collettiva della compagnia fiorentina Teatro Sotterraneo con “Dies Irae - 5 episodi intorno alla fine della specie”. Il 2 luglio alle 21, di nuovo nel Teatro della Luna di Polverigi vengono presentati gli studi sugli episodi 1 e 2. A seguire, sempre nel Teatro della Luna il 2 luglio alle 23, sarà invece presentato “Barok” di Barokthegreat (Leila Gharib e Sonia Brunelli), creazione site specific originariamente nata per il Festival di Avignone e poi elaborata in continuazione come spettacolo tra intuizione e annotazioni, ispirata all’arte informale. Immancabile la musica tra gli alberi secolari del bellissimo parco di Villa Nappi, che ormai caratterizza le ultime edizioni.


Quest’anno gli appuntamenti dal vivo sono due. Il 2 luglio in concerto Naif, un talento di Aosta con esperienza live e premi dal 2003 a oggi, attualmente in onda su Caterpillar, popolarissima trasmissione di Radio Rai 2, con il brano “Faites du Bruit” e finalista di Musicultura 2009 col brano “Io sono il mare”. Il giorno successivo, il 3 luglio, il teatro del Parco si accende per un altro concerto in notturna con i Wewe, formazione torinese che si diverte a proporre rock, punk, grunge, jazz, folk allo stesso tempo. Il 4 luglio, InteatroFest ‘09 si chiude con la consueta festa al Parco a ritmo di dj set. InteatroFest 2009 è un evento realizzato da Inteatro con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche, POGAS Marche ‘Giovani ricercatori di senso’, Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ministro della Gioventu’, Meridians – Commissione Europea - DG Istruzione e Cultura, Provincia di Ancona, Comune di Polverigi, Comune di Jesi.


BIGLIETTI:

biglietto unico 6 euro – biglietto giornaliero 12 euro (fino ad esaurimento posti per gli spettacoli a numero limitato). Ingresso libero: IFA ‘09, OHT, Progetto Biosphera/Adriana Zamboni, Lucio Diana, Rosa Casado, Mike Brookes, dj set | festa.


INFO:

INTEATRO, Villa Nappi - Via Marconi 75, 60020 Polverigi (AN) tel. +39.071.9090007 fax. +39.071.906326

info@inteatro.it

www.inteatro.it



Festival Inteatro


Nato nel 1977 dall’incontro di gruppi indipendenti, il festival promosso da Inteatro ha avuto un ruolo di promozione in Italia e all’estero delle più significative e singolari esperienze artistiche, funzionando come vetrina sia per artisti affermati che per quelli agli esordi, che grazie al festival hanno trovato affermazione e realizzazione professionali. Migliaia di artisti provenienti da tutti i paesi del mondo sono passate a Polverigi. Il presidente di Inteatro è Marco Bellardi. Il direttore è Velia Papa. Inteatro è anche la sede dell’Archivio del teatro e della danza contemporanei. Tra gli artisti ospiti dal 1977 a oggi ci sono stati Jan Fabre (Belgio), Mike Figgis (Inghilterra), Eduard Lock (Canada), William Kentridge (South Africa), Alain Platel (Francia), Wim Vandekeybus (Belgio), Joseph Nadj (Francia/Ungheria), Francesca Lattuada (Francia), Giorgio Barberio Corsetti, Mario Martone, Mauricio Celedon (Cile), Caden Manson (USA), Marco Paolini, Ascanio Celestini, Societas Raffaello Sanzio, Benjamin Verdonck (Belgio). Dal “Dizionario dello Spettacolo del ‘900” (a cura di Felice Cappa e Piero Gelli, Edizioni Baldini e Castoldi, Milano 1998).



“Uno dei momenti più significativi nel panorama dei festival europei. L’idea fondativa è quella di un teatro capace di abitare la comunità, un teatro inteso come luogo, o per meglio dire contaminazione di luoghi e di linguaggi: ogni anno in luglio lo spazio urbano di Polverigi si trasforma in scena, lo spazio del teatro e quello della comunità si confondono sovrapponendosi, all’insegna della più assoluta libertà espressiva. Cortili, botteghe, piazze e cantine si animano di musica, danza e teatro, spesso in iperboliche contaminazioni di generi”. Villa Nappi - Polverigi Vera e propria casa degli artisti, una fra le poche realtà italiane ad offrire spazi per creazione, apprendimento ed espressione artistica durante tutto l’anno solare, l’edificio è stato edificato nel XIV secolo dai frati Agostiniani, cacciati nel periodo Napoleonico.



Nel 1815 la struttura fu acquistato dai conti Nappi e successivamente, nel 1972, dal Comune di Polverigi, che l’ha concessa in uso ad Inteatro. A Villa Nappi hanno sede gli uffici dell’Associazione, nonché una foresteria con sale prova, spazi comuni, bar, ristorante, sale conferenza, che hanno anche le caratteristiche ideali per ospitare convegni e seminari. Inteatro propone, inoltre, periodi di permanenza per i turisti interessati a vivere un’esperienza stimolante ed unica, ad esempio per un weekend a stretto contatto con gli artisti ospiti.



presentazione della XXXII edizione di Inteatrofest 09

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-06-2009 alle 16:37 sul giornale del 11 giugno 2009 - 1984 letture