x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Filottrano: arriva il weekend del Festival antirazzista

2' di lettura
1302
da Centro Servizi per il Volontariato

musica

L’energia della musica unita a un forte messaggio antirazzista, di impegno per i diritti civili e per una pacifica convivenza multietnica. E’ questo lo spirito con cui nel weekend torna a Filottrano, per il quarto anno consecutivo, il Festival antirazzista promosso dai “Filottrano City Rockers” e l’associazione Facciamo Pace, con la collaborazione del Csv.

Da venerdì a domenica, nell’area Parco Verde a Cantalupo, si avvicenderanno oltre 40 band musicali, una decina da Filottrano, il resto dall’Italia e dal mondo, per 20 ore di musica live, ma anche mostre, proiezioni, artisti di strada, dibattiti, spazi dell’associazionismo e stand gastronomici, in uno tra gli eventi musicali più grandi delle Marche (ingresso gratuito).



Si parte subito in quarta, venerdì dalle ore 19, con una successione di gruppi rock, metal, garage punk blues, rockabilly e punk rock, come quello dei “Bloody Riot”, storica hardcore band da Roma. Alle 23 saliranno sul palco i “Dubioza Kolektive” dalla Bosnia e infine, i rapper romani “Assalti frontali”. Sabato, si comincia prima, alle 17, per dare spazio a ben 14 band, a suon di pop rock, metal, latin music, hip hop e combat rock: tra gli altri, il punk dei “Klaxon”, la patchanka dei “Crifiu” dal Salento e l’afromusic degli “Anima Equal” dal Senegal. Intorno alle 23, sarà la volta dello ska di “The Toasters” da New York city, e della musica popolare gitana dell’ “Alexian Group” di Santino Spinelli, musicista, compositore, e poeta rom italiano, che oltre ad esibirsi sul palco interverrà anche in uno dei dibattiti nell’area extra-musicale del festival.


Domenica infine, sempre dalle 17, ancora rock’n roll e punk rock, ma anche pop elettronic, folk rock e reggae, aspettando il gran finale, alle 23 con i “Modena City Ramblers” e “The Gang”, con la formazione al completo. Un festival, quello antirazzista di Filottrano, che non è fatto solo di concerti. Intorno al tema della “frontiera”, scelto come filo conduttore di quest’anno, ci saranno mostre fotografiche, video-proiezioni e dibattiti, uno dei quali sarà dedicato alla cultura Rom e Sinta. Non mancheranno gli spazi di associazioni di volontariato impegnate in campo umanitario e in favore degli immigrati. Per programma completo e info: www.filottranocityrockers.it



musica

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-06-2009 alle 18:22 sul giornale del 25 giugno 2009 - 1302 letture