Trasporto pubblico, Girolimetti e Cameruccio: tanta propaganda ma i problemi rimangono

autobus trasporto pubblico 1' di lettura 30/08/2009 - \"L’Assessore Ceresoni è forse troppo abituato a sentirsi dare ragione, che evidentemente, crede di veramente di averla sempre. Se vuole, per accontentarlo possiamo anche farlo, ma solo in modo caritatevole\".

Nella nostra interrogazione sullle difficoltà riscontrate nello svolgimento del servizio di trasporto urbano, parlavamo di ritardi e salti di corse, non del numero o delle nuove corse. Quando chiediamo di migliorare un servizio, lo facciamo per fornire risposte adeguate ai cittadini e turisti quegli stessi, che ci hanno interpellato, ma se l’Assessore anziché prendere atto e rispondere nel merito, fa solo propaganda, noi non ci stiamo.



Il problema del sovrapporsi delle manifestazioni, la mancanza di parcheggi, la viabilità sempre più insopportabile, sono tra le cause dei ritardi da noi denunciati. Tali ritardi non si sono avuti solo nel periodo del Summer Jamboree e Fiera Campionaria, se l’Assessore Ceresoni quindi pensasse meno alla propaganda e di più all’ascolto, forse capirebbe cosa intendevamo dire. Durante il periodo estivo sono stati numerosi i ritardi e spesso chi doveva recarsi da Marzocca al Centro, doveva aspettare anche più di un’ora. Tale situazione peraltro è stata oggetto di interrogazioni anche negli scorsi anni, quando si verificavano disservizi, anche senza il sovrapporsi di più manifestazioni.



A tutto questo ci viene data una risposta che esalta l’intero servizio e le corse acquisite o aumentate. Ma cosa c\'entra? Chiediamo ancora una volta all’ Assessore Ceresoni cosa intende fare l’Amministrazione per migliorare il servizio ed evitare i ritardi che penalizzano turisti e residenti?




da Gabriele Girolimetti
capogruppo consiliare Il Popolo della Libertà




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-08-2009 alle 15:52 sul giornale del 31 agosto 2009 - 3972 letture

In questo articolo si parla di gabriele girolimetti, politica, autobus, trasporto pubblico


Classiche parole scritte da chi di trasporto pubblico non ne capisce proprio niente.<br />
<br />
Sig. Girolimetti ha perso un\'ottima occasione per stare zitto.<br />
<br />
\"Chiediamo ancora una volta all’ Assessore Ceresoni cosa intende fare l’Amministrazione per migliorare il servizio ed evitare i ritardi che penalizzano turisti e residenti\"<br />
<br />
E lei cosa farebbe per migliorarlo? Oltre alle chiacchiere e ai comunicati stampa naturalmente.<br />

Commento modificato il 29 agosto 2009

Ci voglio entrare anche io in questa polemica e poi mi si venga a dire che non ne capisco nulla di trasporto pubblico. Schematizzando: <br />
1) Prima di organizzare detto servizio, si ascoltano i cittadini con un bel sondaggio.<br />
2) Fare la scelta, anche politica, se in centro ci si deve arrivare con i mezzi pubblici o con i mezzi privati.<br />
3) Si ricercano i bacini di utenza, che per la conformazione della città, si possono organizzare solo circolari che travalicano i confini comunali.<br />
4) Il gestore del servizio deve fornire bus urbani con pianale basso di carico, stesso colore per distinguerli dal trasporto interurbano e relativo numero della linea retrostante l\'automezzo. I mezzi debbono essere compatibili con le strade cittadine.<br />
Questo è solo un piccolo esempio. Si è mai pensato a svolgere un servizio raccoglitore che al mattino porta gli operai nelle fabbriche sparse sull\'Arceviese e Corinaldese più o meno fino al Pianello di Ostra da una parte e a Brugnetto dall\'altra? Al ritorno lo stesso servizio porterebbe gli studenti in città. Avremmo meno traffico su queste strade ed i parcheggi scambiatori, attrezzati con coperture e custode, avrebbero veramente la loro finalità. Troppo comodo scambiare il display sul mezzo a secondo del percorso. Un solo mezzo non fa una linea, più mezzi si. Se poi si vuole agevolare l\'azienda locale che ha il servizio dei bus è un\'altro paio di maniche. Ma se fossi il responsabile darei questo servizio in appalto alle migliori aziende municipalizzate che mi offrono un servizio migliore. Ad esempio Ancona, Jesi e Fano. Aggiungo che in merito alla polemica in corso sarebbe opportuno creare corsie preferenziali per i bus sul lungomare eliminando i parcheggi lato monte davanti agli alberghi e far proseguire gli stessi al ritorno non verso la statale tramite il sottopasso del Ciarnin ma ricreare il doppio senso di circolazione solo per i bus urbani e deviandoli al sottopasso del Ponte Rosso, visto che in estate vige l\'isola pedonale dal molo. Aggiungo anche che per chi deve andare nel quartiere di via Rieti la stessa verrebbe ribaltata in senso contrario rispetto all\'attuale. Va da se, per i pignoli, che chi proviene dagli alberghi Ritz, Excelsior, etc ha la possibilità di proseguire verso il Ciarnin come adesso. In questo modo, si eliminerebbe, l\'alternativa alla statale in inverno, del lungomare Alighieri.

A parte il discorso del colore dei bus che (purtroppo) non è più obbligatorio fatta esclusione per la fascia paraurti anteriore, per il resto vedo in questo commento delle ottime idee e non parole gettate al vento in politichese come nell\'articolo.<br />
<br />
Organizzare un servizio fino al Pianello o Brugnetto e ritorno come descritto sarebbe un toccasana per l\'ambiente, per le persone ed anche per le aziende che si troverebbero più km pagati, e di conseguenza ci sarebbe più lavoro e meno stress per tutti. L\'idea espressa sul lungomare è semplicemente perfetta. Speriamo che in futuro si abbia la volontà politica di attuarla.<br />
<br />
Grossi dubbi me li pongo per ciò che riguarda gli appalti per la gestione. L\'Aset di Fano non penso sia interessata ad allargarsi più di tanto, visto che lavora molto bene nel suo piccolo. Su Ancona e Jesi (che hanno la stessa gestione), visto chi è il massimo dirigente, e conoscendo molto bene il suo modo di fare da \"dilettante allo sbaraglio\" stenderei un velo pietoso.<br />
A conti fatti ti assicuro che Bucci è il più preparato. L\'ing. Foligna è veramente un genio in queste cose.<br />
<br />
Ti consiglierei di portare, se ne hai la possibilità, queste idee in un\'assemblea pubblica. Sono più che sicuro che, se gli amministratori hanno un pò di testa, le faranno proprie.

A chi amministra e dirige si era sottoposta, tempo fa, l\'idea di iniziare da un sondaggio per migliorare i servizi esistenti (si parlava, allora, di trasporto scolastico) ma chi amministra e dirige è portato, spesso, a seguire altri percorsi che discostano sovente da quello che i cittadini, ed i commentatori di VS, percepiscono come buon senso.

Vedi gost, ho partecipato a tutte le assemblee del forum della mobilità comprese quelle del traffico ma sono sempre rimaste parole al vento. Anche per la viabilità urbana, la cui polemica sopra è collegata, perchè un traffico ben distribuito e organizzato, porta ad un aumento della velocità commerciale dei bus. A te sembrerà strano ma io sarei capace in un solo mese, senza complanari varie a rimettere il traffico a Senigallia nel suo giusto binario. Quì non si tratta di consultare società specializzate del settore che costano fior di quattrini, ma utilizzare le menti dei vari addetti ai lavori, ad esempio vigili urbani, uffici strade ed anche i cittadini come il sottoscritto che essendo vissuto a Milano per svariati anni sa cosa vuol dire la parola traffico. Ti faccio solo un esempio pratico. Qui si parla di parcheggi sotterranei che costano un mare di denaro. Ci sono altri tipi di parcheggi verticali esterni,dove nel tetto è possibile posizionare campi da calcio, tennis o parchi con tanto di alberi veri. Detti parcheggi sono finanziati dalla Comunità Europea perchè vengono usati come scambiatori. Posizionarne ad esempio, uno a fianco della Gioventù Italiana, uno alla ex Pesa pubblica, uno nell\'antistadio Bianchelli,uno davanti all\'Hotel Marche, e uno all\'altezza di via Podesti, significa eliminare completamente il traffico nel centro storico, zona mare dal molo alle colonie ex Enel,dando la possibilità ai turisti che si trovano negli alberghi, a chi lavora e a chi ci abita di avere un parcheggio personale collegato con bus urbani. Senza spendere denaro in progetti con varchi elettronici e via dicendo. E\' una scelta politica ma se vi è solo interesse per il bene dei cittadini, certe scelte bisogna farle.

Parole sante caro Leotex. Ho detto e ripeto: porta queste idee in pubbliche assemblee con gli amministratori presenti. <br />
<br />
Le elezioni sono abbastanza vicine. E idee del genere non possono essere lasciate al vento.<br />

Hai ragione caro Pablo. Ma anche a te ricordo che le elezioni sono vicine.<br />
<br />
Se ci fate forza, e soprattutto fate star zitti persone come il latore di questo articolo può darsi che stavolta ...

Ovviamente è solo una questione di opinioni però penso che senza persone come il \'latore di questo articolo\' può darsi che stavolta...sarà come l\'ultima volta. Ma anzichè farci addosso previsioni elettorali lascerei spazio a post come quello di leotex che, secondo me, ha offerto a tutti un validissimo punto di..ripartenza.

Gli autobus di Senigallia sono enormi e vuoti, e non percorrono corsie preferenziali,<br />
Fare parcheggi significa portare le macchine in città. Le macchine circolanti sono troppe, bisogna iniziare a pensare ad alternative come Car Pooling e Car Sharing e Autobus a chiamata con corsie preferenziali.<br />
Al giorno d\'oggi paghiamo una media macchina 15000 euro più migliaia di euro all\'anno per la manutenzione e i carburanti.<br />
Se noi tenessimo in tasca i 15000 euro e noleggiassimo l\'auto al bisogno risparmieremmo un sacco di soldi e viaggeremmo con l\'auto (nuova) di cui abbiamo effettivo bisogno. Dalla mini utilitaria al Camper..... Ci sarebbero meno problemi di parcheggio e sicuramente meno traffico.




logoEV