Quantcast

Comitati Cittadini: ancora arrogantemente \'la casta\'

dibattito riconversione Sadam 4' di lettura 13/09/2009 - Un giorno davvero da dimenticare per la nostra amministrazione comunale. Da una parte essa di fatto ammette che il Piano Urbano del traffico approvato ben 9 anni fa e applicato solo oggi, non funziona ed annulla dopo appena un mese di disastrosa sperimentazione, gli interventi sull\'Asse Sud in esso contenuti (vedere qui).

Non sappiamo se sia più grave il fatto che il Piano, stilato con soldi pubblici, non funzioni, oppure il fatto che venga applicato dopo 9 anni dalla sua approvazione, oppure, infine, che questi 9 anni non siano stati sufficienti ai nostri amministratori e relativi consulenti per modificarlo, adattarlo e, magari renderlo funzionale.



Dall\'altra parte, un assessore all\'ambiente ormai politicamente “indefinibile”, con arrogante nonchalance annuncia che ripartirà un monitoraggio ambientale del tutto simile a quello pubblicamente demolito, sotto gli occhi dello stesso dirigente dell\'ufficio ambiente, meno di due mesi fa dai Comitati e dai loro tecnici. Simile nei metodi, nel posizionamento dei sensori, solo temporalmente un po\' più lungo (60 giorni anziché 40) e spostato di qualche metro più in là (in base a quale consulenza tecnica? Chi è il tecnico responsabile -interno o esterno al Comune- che ha stabilito e controfirmato che il nuovo posizionamento, a differenza di quello “ridicolo” di novembre-dicembre 2008, è stavolta conforme al DM 60/2002 ?).



Ciò che rende inqualificabile l\' atteggiamento dell\'Assessore è il fatto che esso è stato personalmente informato sulla mancanza di credibilità e utilità dei metodi usati nei precedenti monitoraggi, tanto che egli stesso, in una assemblea pubblica organizzata in I circoscrizione, ha dichiarato la sua disponibilità per un dibattito-confronto serio, chiarificatore e pubblico fra tecnici Arpam ed il Dott. Montanari. Di questa disponibilità, oggi, non vi è più traccia. Compaiono invece le stesse dichiarazioni che avevano innescato le polemiche pochi mesi fa. Uscire oggi con una affermazione FALSA come “ ..Nella precedente rivelazione del laboratorio mobile lungo l\'Asse Sud, effettuata nel periodo novembre - dicembre dello scorso anno con stazionamento nei pressi della chiesa di San Sebastiano, tutti gli inquinanti avevano dato valori di bassa concentrazione, inferiori ai rispettivi valori limite per la protezione della salute umana... “quando lo stesso assessore è stato personalmente e pubblicamente informato che, ad esempio per le PM 10, non era per niente così, appare DOPPIAMENTE ARROGANTE ed offende l\'intelligenza dei sudditi...oh pardon, dei cittadini. Un atteggiamento da CASTA perpretato da un “ex-resistente” che lascia ancora più l\'amaro in bocca e che, sinceramente, non pensiamo, come cittadini jesini, di meritare. Sappiamo bene che sia in maggioranza sia in opposizione ci sono persone che non condividono certi atteggiamenti; proprio nel rispetto di questi politici (oltrechè, naturalmente, di tutti i cittadini) ci permettiamo di segnalare questo “11 settembre da Casta” di alcuni loro colleghi.



Vorremmo permetterci di ricordare all\'assessore ed alla amministrazione tutta (che in una situazione normale, dopo le conferenze stampa annullate in extremis e le figuracce degli ultimi giorni, si sarebbe già dimessa CAUSA VERGOGNA DA INEFFICIENZA) che essi stanno trattando di problematiche affrontate senza soluzione spendendo nostri soldi (si rendono conto che vuol dire tutto ciò?) e che trattano il problema dell\'inquinamento, che studi internazionali collegano direttamente a decessi e gravi patologie (ancora una volta chiediamo: si rendono conto di che tipo di responsabilità personali, come amministratori, stanno trattando?). Senza considerare la svalutazione degli immobili e i danni diretti ai cittadini (ancor l\'ultima volta: si rendono conto i suddetti?).



Ci permettiamo di porre due piccole domande al Nostro Dipendente Assessore Dott. Gilberto Maiolatesi ed al massimo responsabile della Salute pubblica dei cittadini, cioè il Dipendente Sindaco Sig. Fabiano Belcecchi: 1. QUESTA VOLTA, il furgoncino dell\'Arpam ci costa? E se sì, quanto ci costa? 2. Quali sono state le vostre azioni affinché l\'Arpam QUESTA VOLTA ci dia quei numeri e quei dati che, purtroppo, nell\'altro monitoraggio di novembre-dicembre non c\'erano e, soprattutto, nelle Rete Ambientale di Monitoraggio cittadino continuano ancora oggi a mancare?



Per il COMITATO ASSE SUD: Claudio Veroli

Per il COMITATO PRATO: Gabriella Ganzetti

Per il COMITATO SAN GIUSEPPE: Marco Giampaoletti

Per il COMITATO TUTELA SALUTE E AMBIENTE VALLESINA: Marco Gambini-Rossano






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-09-2009 alle 16:50 sul giornale del 14 settembre 2009 - 1304 letture

In questo articolo si parla di attualità, comitato “Tutela della salute e dell’ambiente della Vallesina”, Massimo Gianangeli, marco gambini-rossano, gabriele fava, padre natale brescianini





logoEV
logoEV