Mancini: \'La demolizione delle ex colonie Enel è un fatto grave\'

roberto mancini 25/09/2009 - La demolizione delle colonie ex Unes Enel rappresenta un fatto grave per la città.

Quando questa dichiarazione verrà pubblicata non so se resterà o quanto resterà dell’edificio, nonostante l’art. 17/F delle Norme Tecniche del Piano Regolatore Generale che recita: “… fino alla data di approvazione del Piano attuativo saranno consentiti … interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria …”.

L’Amministrazione, invece, in spregio della norma, ha autorizzato l’ abbattimento con giustificazioni bizantine e farraginose. Di conseguenza, non solo il Consiglio Comunale si troverà di fronte al fatto compiuto quando dovrà deliberare il Piano attuativo, assistendo così alla lesione delle sue prerogative, ma la Città stessa sarà più povera per aver perso un significativo luogo della memoria legato, non solo, alle tragiche vicende delle discriminazioni razziali dell’ultima guerra. La Città sarà anche più brutta, perché l’edificio, se riportato alle forme

originarie, avrebbe arricchito la varietà architettonica del lungomare, testimoniando le diverse età e i diversi stili della nostra accoglienza turistica. Sarà poi meno attraente, perché l’ultima area verde del Lungomare di Levante

verrà cementificata e, per le prospettive future della vocazione familiare del turismo senigalliese, ciò equivale ad un tentativo di suicidio. Ancora una volta, irresponsabilmente, la Giunta impone la via del cemento come unica strada percorribile (complanare, ex Sacelit, Variante arceviese, ecc.), rischiando di compromettere le potenzialità future di Senigallia.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-09-2009 alle 12:13 sul giornale del 25 settembre 2009 - 6335 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifondazione comunista, roberto mancini


Commento modificato il 24 settembre 2009

Ormai questa amministrazione è in preda alla furia omicida tipica dei serial killer che manco i bravi detective di \"NCSI\" ci potrebbero mettere una pezza. <br />
<br />
Spero solo che marzo arrivi presto: non oso pensare cosa ancora può succedere a questa città!

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Off-topic

mariorossi, questa è proprio una scivolata. Insomma, t\'è venuta male.

Ripeto quanto ho già scritto al proposito nei giorni scorsi: inutile piangere sul latte versato, e meglio sarebbe stato ristrutturare l\'esistente (se tecnicamente fattibile e non antieconomico) piuttosto che demolirlo.<br />
Se proprio si vuole, in consiglio si potrà dare battaglia sul piano d\'area, volendo: ma non so quante voci si alzeranno fuori dal coro.

Ammetto che i toni non erano dei più pacati. Ma si parla di conflitto di interessi quando fa comodo: mentre non si dice che il sig.Mancini Jr. è nipote di Roberto. Questo, prof, è conflitto di interessi? Non c\'è proprio niente di strano?

ciccio, indichi le abitazioni? che è na minaccia? pesa le parole, soprattutto per decenza.

Se le norme prevedono che prima della demolizione occorreva l\'approvazione del piano attuattivo, il fatto è grave. Nel 98 la vecchia posta di Borgo Molino fu abbattuta alla stessa maniere ma allora i Verdi e altri esponenti manifestarono animatamente il loro disappunto, oggi essento in maggioranza hanno adottato la linea dell\'approvazione. Non mi sembra che il caso di Mancini sia uguale al caso di: Villa Bucci o il comportamento di Berardinelli sulla Variante. Tutto questo in campagna elettorale si dovra chiarire......

Commento modificato il 25 settembre 2009

Conflitto di interessi di che? In che modo Mancini zio potrebbe avvantaggiare economicamente Mancini nipote? Che c\'azzecca col conflitto? <br />
<br />
P.S. A proposito di conflitti, ripeto la domanda a cui non hai risposto. L\'impresa/le imprese che possono essere ricondotte alla famiglia della Sindaca continuano ad operare a Senigallia? Non solo quelle a cui partecipa Andrea Rodano ma, per esempio, anche quelle di Marcantoni il costruttore che rientra nelle parentele fino al quarto grado della sindaca medesima (è il marito della cugina: vedi lapiagadivelluto e Sprint), dunque nelle parentele che fanno scattare l\'incompatibilità nel corso di decisioni prese dal Consiglio.<br />
<br />
Attendo risposta.

Commento modificato il 25 settembre 2009

Daniele, qui a forza di non piangere sul latte versato stiamo accettando le peggio schifezze istituzionali e politiche! E no, non ci sto! I cittadini devono essere risarciti, in qualche modo. Non si possono sempre premiare i più furbi dicendo: \"Ormai è andata\", quando magari si fa una multa di mille euro per un pincher di tre etti portato in riva al mare! Capperi, allora va bene lo scudo fiscale; il riciclaggio e tutte le manovre e manovrine che i furbetti fanno a loro esclusivo vantaggio, utilizzando l\'assenza o la compiacenza della politica! No, non ci sto. <b>Voglio essere risarcita!</b>

Mariorossi ho veramente grande stima per te!<br />
Bravo, finalemte qualcuno che ha detto le cose come stanno!

@Daniele Sole: capisco il tuo punto di vista, ma così finisci per fare la foglia di fico per chi ha intrapreso la strada di metterci sempre (e il prima possibile) davanti al fatto compiuto (tanto ormai...)<br />
<br />
Roberto Ballerini

Bè, queste cose non le conosco, prof. Sono informato, conosco il gossip, ma non così bene. Prima torno su questo argomento e poi su Mancini, comunque. Mi scuso se non ho risposto prima, ma mi deve essere sfuggita la lettura di qualche commento.<br />
Le imprese di cui è socio/consigliere il sig.Rodano possono agire dove e come vogliono, penso. La questione di Villa Bucci, per l\'ennesima volta, riguarda la cessione di un bene immobile da un privato ad un altro privato. Una volta provato che non sono stati commessi illeciti o ci sono stati favoreggiamenti, la questione non si pone. Il conflitto di interessi, che trasla il problema da legislativo a etico, esiste: e sarebbe bene che Rodano evitasse di investire a Senigallia, secondo me. Il passato lo conosciamo tutti, il presente anche: per il futuro, però, non lo voterei mai uno come Mancini. E qui passo all\'altro discorso.<br />
Mancini non può dire quelle cose sull\'ex-Enel, dopo che per diversi anni un suo parente stretto sia stato uno dei responsabili (chiamiamolo così) del Centro Sociale. E\' chiaramente parziale, su tale questione: poi può tirare fuori la storia del campo di concentramento, ma la realtà è che lui non dovrebbe parlare di tale questione, non potendo garantire una visione di insieme oggettiva.<br />
Indi per cui, il conflitto di interessi si viene a creare, dato che Mancini Consigliere Comunale parla di Ex-Enel dopo che un parente, per anni, ha occupato illegalmente la struttura.<br />
Non so se mi sono spiegato bene, ma sono a disposizione per ulteriori delucidazioni/opinioni.<br />

Ho sempre taciuto, ma certe afermazioni ti fanno venire la voglia di intervenire. Mancini Jr è figlio di Francesco, che sta con i Verdi, quindi con Sinistra e Libertà che, da quello che si intuisce, è perlomeno vicina al PD.<br />
Allora questo è conflitto d\'interessi? Ma per favore siamo seri.

Ma se come dice il Sig. Mancini che questa demolizione non si poteva fare in base al Piano Regolatore, faccia una bella denuncia a chi dovere. Sarà poi la Giustizia a dire chi ha ragione e chi ha torto. <br />
Essendo anche consigliere comunale, penso che abbia tutta l\'autorità per poterlo fare.<br />
Tra l\'altro volendosi presentare come candidato a Sindaco, con questo mezzo, da maggior chiarezza di quello che vuole fare, nei confronti dei cittadini che lo dovranno votare. Penso che denunciarlo solo su VS, lascia il tempo che trova.<br />
Leonardo

avete solo da protestare per posizione presa ,perché ci sono le lezioni,ma guardate in quale stato di degrado e fatiscienze versava senigallia fino al \'99 e guardate ,poi ,quante cose sono state fatte.anziché oobiettare sui progetti,obiettate e presentate altre idee.P.S.fidatevi,l\'impresa Morpurgo lavora bene,a livello sia progettuale che di capitolati.le piste ciclabili,a senigallia,fanno schifo.ci vogliono elementi divisori dal traffico pedonale e da quello degli autoveicoli.l\'arena italia è ora suonata che venga ridotta d un cumulo di macereie.è pieno di pentegane.oppure anche quel posto ha un valore storico?guardate che la città la dovranno vivere pure le nuove generazioni.ci sono le elezioni.contestate tutti senza spirito costruttivo.a parte il dottor gazzetti.spirito costruttivo è la contrapposizione a 180 grqadi di vecchio,muffa.per esempio,ho letto, sull\'articolo di giulia mancinelli, il progetto che riguarda le ex colonie enel.va bene .va benissimo,a parte chiudere il lungomare..quello è uno scempio,un robo,come si dice in spagnolo,alla cittadinanza e ai turisti.

Off-topic

la lingua spagnola è più intensa,fa più effetto,rende chiaramente la sostanza del concetto di quello che uno vuole esprimere.è un idioma emotivo il castigliano,perché la cultura latina è passionale.non naiff.passionale.a differenza della nostra attenzione soltanto alla superficie delle cose. <br />
<br />

Mi dispiace, Serse. Non faccio nè nomi nè cognomi, anche se tutti sanno (compreso te). Perchè invece di offenderti non mi dai una bella risposta su Mancini Jr., nipote di Roberto Mancini, e relativo conflitto di interessi?<br />
Con ossequi

Mancini Jr, però, è nipote di chi? Siamo ben al di sotto del quarto grado, se vogliamo tirare fuori il conflitto di interessi. Non può valere solo per l\'Angeloni. Ma nessuno se n\'è accorto, finora?

Commento modificato il 25 settembre 2009

Ieri sera ad Annozero Franceschini ha fatto enuciazioni assolutamente condivisibili sull\'etica della politica -parlava dei PD pugliesi- che qualche piddino locale farebbe bene a segnarsi sul diario.<br />
<br />
Detto questo, quel tizio che sostiene un \"conflitto di interessi\" di Mancini perchè il nipote sta nel MC che stava nelle colonie, ma c\'è o ci fa? (non faceva prima a scrivere Stalin, piuttosto?)<br />

Ha ragione \"pepstalin\" (anche se ha un nick piuttosto inquitante): come mai i Verdi fecero fuoco e fiamme quando le ruspe demolirono nottetempo (pericolo di crolli si disse) la attuale sede del Bubamara al Molino e ora non muovono un dito per le colonie Enel? E mi unisco alla provocazione di leotex: se è tutto in regola non ne parliamo più, ma se la demolizione fosse stata fatta contra legem, che aspettate a presentare un esposto alle Autorità?

Commento modificato il 25 settembre 2009

Sulla questione \"parentele Mancini\" ha già risposto ulisse, e dunque mi astengo.<br />
<br />
Sulla questione del (grave) conflitto di interessi della sindaca no, non sto zitta. Perché non basta un \"sarebbe bene\" che fosse risolto, io da cittadina <b>pretendo</b> che \"sia\" risolto <i>immediatamente</i>. In che modo? O Andrea Rodano e con lui Marcantoni costruttore, anche lui parente della Sindaca, escono dalle società e dichiarano pubblicamente di non avere più affari a Senigallia, o la sindaca si dimette! <br />
<br />
mariorossi, mi sono stancata di farmi prendere in giro e veder fare marameo ai politicanti! Eccheccavolo...!!! Come scrive Renato Pizzi più sotto, Franceschini ieri sera è stato chiaro: gli amministratori del PD si devono sempre fermare al di sopra del livello in cui scatta l\'azione della magistratura. A, già... ma la Sindaca appoggia Marino. E chissà che dice Marino? <br />
<br />
mariorossi, credimi, se lasciamo correre su questioni del genere tutto diventa possibile e ogni comportamento è sdoganato... Pensaci.

Commento modificato il 25 settembre 2009

...beh... più che altro mi pare che, con garbo e misura, mariorossi abbia detto le cose come fa più comodo che pensare siano per continuare a non pensare... :-)

Hai capito Mariangela dove volevo andare a parare.

Commento modificato il 25 settembre 2009

Si Errebi, l\'idea a prima vista che posso dare è quella.<br />
Ma questa giunta durerà ancora poco, le elezioni sono alle porte: ormai dunque ogni intervento potrà esserci solo a livello politico futuro con le discussioni elettorali.<br />
La demolizione è avvenuta, autorizzata, e questo è un fatto: si può solo trarne le conseguenze.

Se scrivevo Stalin, caro Renato, non avrebbe mai cercato il vero nome su Internet. Così, invece, sappiamo tutti una inutile nozione in più. Sappiamo che Stalin era georgiano.<br />
A parte le battute, le mie affermazioni sono volte a far riflettere le persone su una questione delicata e importante come il conflitto di interessi. <br />
Non si può generalizzare un problema, va particolareggiato: dice bene la prof. quando parla di esponenti del PD che dovrebbero essere un livello sopra a quello di azione della magistratura. Infatti la Sindaca non mi pare abbia mai avuto problemi di questo tipo: il marito sì, ma lei no.<br />
Per cui: se io (un \"io\" impersonale) penso che la Sindaca è in conflitto di interessi per quanto riguarda la questione edilizia, non posso anche pensare che quando si parla di Mezza Canaja e Ex-Enel il sig.Mancini (in qualità di consigliere comunale) sia in conflitto di interessi anch\'egli, poichè un parente minore al quarto grado fa parte del suddetto Centro Sociale?<br />

Ok. Però, Daniele, mi piacerebbe capire se e quali conseguenze ci possono essere. Non vorrei che - con la scusa delle elezioni alle porte: \"che tanto fra un po\' si vota e tutto potrebbe cambiare\", e poi non cambia niente - tutto passasse in cavalleria come per il conflitto di interessi e la ex-Gil e i 2milioni e 200 mila euro che, a occhio e croce, dovrebbero essere stati tolti qua e là, servizi sociali compresi (e, forse, prevalenti)...

Oh mariorossi, sai che adesso sono curioso davvero? Ma me lo dici quale conflitto d\'interessi hanno costoro? Perchè a me sembra che stai dicendo sciocchezze boreali, ma forse sai qualcosa che noi ignoriamo.

Esatto, Renato, forse c\'è qualcosa che non sappiamo. Oppure è la solita solfa del \"sì, ma anche\", pandemia dei sostenitori \"costi quel che costi\" del PD... <br />
<br />
P.S. mariorossi, mi dici quale interesse <b>economico o privato</b> poteva avere Roberto Mancini nel \"coprire\" o favorire suo nipote che partecipava alla occupazione delle ex-ex-Colonie? Cos\'è, pensava di andarci a cena gratis tutte le sere assieme alla famiglia?

Sig. Mariorossi, mi permetta di dissentire. Lei sta bellamente sollevando polvere per coprire l\'enorme scivolone della sindaca. La sindaca infatti non è caduta sulla buccia di banana dei lavori del marito, ma per aver categoricamente smentito il fatto che la proprietà dell\'immobile fosse riconducibile a qualcuno della sua famiglia. Sarebbe stato molto più intelligente dire che il marito è un uomo d\'affari, dei quali, affari, lei ne sa ben poco. Ma no, la sindaca non può confessare che qualcosa le sfugge, oppure che sbaglia qualcos\'altro. Lei è un sindaco insindacabile, lei sa sempre tutto, prima e meglio del popolo bue, che si bea delle sue c@@@@@e. Aggiungo, e chiudo, che il suo degno successore non mi smebra molto difforme dal prototipo, per cui vi invito a riflettere, prima di sostenerlo.

Tarcisio Torreggiani


<br />
Caro Mancini<br />
<br />
Il fatto Gave è che il 1/2 Canaja abbia lascito libero il campo alla speculazione edilizia e, se non vado errato, chi gestisce queste cose per quel circolo è tuo nepote, anche se le \"responsabilità dei nepoti non possono ricadere sugli zii\".<br />
<br />
Una volta tanto che il 1/2 canaja aveva l\'occasione di sostenere la storia e la memoria della Città hanno dato \"forfait\". La Città gliene sarebbe stata grata, ma i loro impegni con il Sindaco e la proprietà hanno avutom la meglio.<br />
<br />
Ancora una volta quel circolo ha dimostrato quanto sia avulso dalla comunità e quanto disponibile a \"compromessi di alto bordo\".<br />