Quantcast

Riconversione Sadam: Pdl, serve una consultazione popolare

1' di lettura 25/09/2009 - È il momento: oltre al no al Commissario, nominato da Roma, e certamente non gradito, come è stato detto pubblicamente pochi giorni fa, è probabilmente arrivato il momento di coinvolgere la città su un problema così “generale e di interesse collettivo” quale la riconversione Sadam e la proposta / progettata realizzazione di centrali in terra nostra, viste le implicazioni – diffuse, profonde e rilevanti – che ne possano derivare per il territorio.

È il momento: lasciando da parte le lacerazioni e le divisioni interne ai partititi, è probabilmente arrivato il momento di non delegare più ai partiti, ed ai pochi eletti, né tantomeno ad una persona, viste le mosse incaute fatte, la soluzione di un problema così rilevante e di interesse diffuso, che evidentemente qualcuno (!) non sa gestire o che ha sottovalutato, pensando magari si trattasse solo di “strategia” e non anche di “qualità della vita”.


È il momento: in certe occasioni ci si deve riappropriare della propria capacità decisionale, nella sua intierezza, perché una scelta così profonda ed incidente sulla realtà del territorio non può risiedere nelle segrete stanze di qualche palazzo ed in progetti / programmi conosciuti a pochi e nascosti ai più (ed invece di interesse di tutti).


È il momento: perché non chiamare i cittadini ad esprimersi in modo chiaro e netto, e consapevole, con una consultazione popolare che parta da una adeguata ed approfondita azione informativa ai cittadini, allo stato assolutamente carente, e dal rispetto dei diritti individuali garantiti dalla Costituzione?


Maria Celeste Pennoni, Consigliere Comunale PDL, Daniele Massaccesi, Consigliere Comunale PDL, Cesare Santinelli Consigliere Comunale PDL.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-09-2009 alle 14:35 sul giornale del 25 settembre 2009 - 1216 letture

In questo articolo si parla di politica, sadam, popolo della libertà, Gruppo consiliare PdL