Quantcast

Pennoni: non accetto i metodi anacronistici del consigliere Cesaroni

2' di lettura 28/09/2009 - \"Rimango ancora una volta esterefatta nell\'apprendere a mezzo stampa, come usa fare una certa politica, che sono a rischio “epurazione” secondo quanto scritto dal Cons. Reg. Cesaroni, al quale vorrei tra l\'altro ricordare, come gli sfugga un piccolo particolare: il partito di Forza Italia, nelle cui liste sono stata candidata Sindaco alle ultime amministrative, è stato sciolto dal Presidente Berlusconi e confluito, insieme ad Alleanza Nazionale, nel PDL, oramai da parecchi mesi\".

Ho aderito al PDL, partecipando con entusiasmo anche al Congresso costitutivo di Roma, e non voglio assolutamente aderire al popolo delle “epurazioni” o delle espulsioni: voglio ora fermamente contribuire, con il mio lavoro e le iniziative portate avanti insieme ad altri amici, a costituire formalmente il PDL a Jesi, assicurando che verrà fatto quanto possibile per operare concretamente sul territorio, favorendo il dibattito ed il confronto, prima regola della democrazia, e non accettando quelle imposizioni che sembrano tanto piacere al Consigliere Cesaroni.



La questione SADAM – riconversione dello zuccherificio è troppo importante per ridurla solamente ad una diatriba personale, a molti incomprensibile, tra la sottoscritta ed il consigliere regionale Cesaroni. Certo, i diktat e le imposizioni sono a dir poco sgradevoli, specie se non sono frutto del dibattito e di un “civile” confronto, senza che ci sia un approfondito esame dei dati tecnici che sono sconosciuti ai più, si immagina anche a Cesaroni, perché taciuti dall\'Azienda SADAM.



Ho spiegato, in diverse occasioni, la mia posizione sulla questione SADAM, ho cercato di argomentarla evidenziando tutti gli aspetti meritevoli di approfondimento; ora, senza discussione, dovrei cambiare opinione solo perché Cesaroni dà un ordine. Ebbene, il Consigliere Cesaroni ha sbagliato metodo, sostanza e soprattutto suddito: non accetto i suoi metodi anacronistici e sbagliati (mi si permetta di esprimere almeno opinioni) e voterò secondo coscienza per il bene di tutta la cittadinanza. Il problema occupazionale è certamente prioritario e la scrivente non lo ha mai sottovalutato; io stessa ho chiesto in merito, oltre che per altri aspetti, precise garanzie all\'Azienda, che peraltro non le ha fornite.


da Maria Celeste Pennoni
Consigliere Comunale FI verso il PDL




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-09-2009 alle 16:33 sul giornale del 29 settembre 2009 - 1399 letture

In questo articolo si parla di forza italia, politica, Maria Celeste Pennoni





logoEV
logoEV