Consegnati in Prefettura i diplomi alle Onorificenze al Merito

1' di lettura 08/10/2009 -

Sono state consegnate questa mattina in Prefettura le onorificenze al Merito per trenta cittadini modello della Provincia di Ancona che si sono distinti in campo sociale e professionale.




Il neo prefetto Claudio Meoli, con una cerimonia alla presenza delle più alte cariche politiche e militari, tra cui numerosi sindaci che per l’occasione hanno indossato la fascia tricolore, i vertici delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate, la presidente della Provincia Patrizia Casagrande e il governatore delle Marche Gian Mario Spacca, ha conferito l\'onorificenza di Commendatore a quattro cittadini. Tra loro anche una donna, Giuliana Bufarini, manager della ditta di servizi ambientali “Bufarini srl”. “Questa provincia -ha detto il prefetto Claudio Meoli, insediatosi da meno di due mesi- è ai primi posti a livello nazionale per sviluppo economico. Ho potuto apprezzarne le bellezze visitando siti ricchi di presenze culturali, vero vanto del territorio”.

Prima della consegna degli ambiti premi di Stato, il Rettore della Politecnica Marco Pacetti ha tenuto una lezione su \"Capitale umano e sviluppo economico\". Infine si è passati alla consegna dei diplomi. Insigniti del titolo di Commendatore, oltre a Giuliana Bufarini, Agostino Capanna, Vincenzo Feltrinelli, Olindo Martini. Il titolo di Ufficiale è stato assegnato a Rosanna Carlobelli, Maurizio Pierlorenzi, Emo Romoli, Vito Schifano, Roberto Stefanini. Infine i nomi dei venti Cavalieri al Merito: Mauro Bartolucci, Andrea Berti, Mario Campolucci, Silvano Cingolani, Graziano Cola, Pasquale Coppola, Pierfranco Diana, Vincenzo Di Gregorio, Raffaella Galeazzi, Sandro Gambelli, Maria Luisa Lucarelli, Alessandro Lucchetti, Paolo Lucchetti, Marco Moretti, Giovanni Nagni, Massimiliano Osimani, Luigino Pacci, Mario Scotto, Marcello Sergi, Mauro Tiberio, Catia Vincenzi.







Questo è un articolo pubblicato il 08-10-2009 alle 19:19 sul giornale del 09 ottobre 2009 - 1622 letture

In questo articolo si parla di prefettura, claudio meoli, ilaria traditi





logoEV