Rifiuti, la Provincia allo studio delle eccellenze impiantistiche

Marcello Mariani 09/10/2009 - Fino a Treviso, precisamente a Vedelago, per studiare e capire la funzionalità dell\'impianto che ricicla integralmente il rifiuto plastico.

Questo lo scopo della delegazione a cui hanno preso parte l\'assessore provinciale all\'Ambiente della Provincia di Ancona Marcello Mariani e il presidente nazionale dell\'associazione Comuni virtuosi, nonché sindaco di Monsano, Gianluca Fioretti. Con un bacino di utenza di oltre un milione di abitanti, 80 tonnellate giornaliere di rifiuti trattati e meno del 3% di residuo in discarica dopo il trattamento, l\'impianto di Vedelago rappresenta un\'eccellenza a livello nazionale nel campo del recupero della plastica.


Tra le sue particolarità, quella della produzione della sabbia sintetica derivata dalla mescola di plastiche eterogenee i cui utilizzi risultano molteplici: dal semplice sostituto della sabbia nei calcestruzzi, ad aggregato alleggerente nelle malte cementizie e a legante per manufatti in cemento. Alcune recenti sperimentazioni hanno anche dimostrato che la sabbia sintetica incrementa le caratteristiche e le prestazioni di alcuni conglomerati cementizi, in termini di fonoisolazione e termoisolazione.


\"Con l\'approvazione della legge regionale per la gestione integrata dei rifiuti - afferma Mariani - è necessario che nella nostra provincia, in vista della costituzione dell\'Autorità d\'ambito, si inizi a riflettere sulla necessità di investire nelle migliori tecnologie nel campo del recupero e riciclo dei rifiuti, anche attraverso sinergie pubblico-private. Come insegna l\'esperienza di Vedelago, la scelta di impianti all\'avanguardia consente di conseguire risultati apprezzabili in termini di qualità dell\'ambiente e, allo stesso tempo, possono divenire un importante elemento di sviluppo dell\'occupazione\".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-10-2009 alle 14:22 sul giornale del 10 ottobre 2009 - 1088 letture

In questo articolo si parla di attualità, provincia di ancona, marcello mariani, ancona


Che dire: anche se con qualche annetto di ritardo... finalmente se ne sono accorti anche da noi!<br />

Assessore,per favore la svogliamo mettere a prenderci in giro.Nella nostra Provincia e riguardo ad alcuni Comuni non stiamo certo male in quanto a differenziare il rifiuto con annessi impianti di trattamento ed impegno dei cittadini (non dei Carrozzoni che continuano a proliferare)a differenziare e recuperare ma attenti che rischiamo di fare la fine del gatto che si morde la coda.La vera eccellenza la si otterrà quando puntando all\'obiettivo del cosidetto \"rifiuto zero\"vi impegnerete tutti,oltre i tanti Convegni in cui vi lodate e sbrodate,ad ottenere una legge nazionale che obblighi le aziende a rivedere la produzione stessa del rifiuto,cominciando a ridurre gli imballaggi ed a produrli con materiali compatibili con l\'ambiente,facilmente deperibili e chi si ostino a produrre il rifiuto così come lo conosciamo sinora,con materiali non sempre facilmente riciclabili e deperibili e che le stesse si facciano carico del loro smaltimento perchè anche il cittadino più virtuoso a lungo andare non riesce più ad impegnarsi,anche a causa dell\'età che avanza per tutti e chi poi dovrà farsi carico dell\'oneroso impegno di conferire i rifiuti al Centro di raccolta se non l\'Amministrazione del proprio Comune ed allora...non saremo solo noi cittadini,ancora una volta,a pagarne le spese.Non ti sembra,caro Assessore che sia ora di invertire la rotta e di smetterla di \"girare\"attorno al problema?Tra l\'altro,l\'attuale \"porta a porta\"gestito dai vari Carrozzoni che danno in appalto il servizio di raccolta(con contratti di lavoro di cui più nessuno parla)non producono,se non in casi eccezionali,lavoro nel territorio in quanto le ditte vincitrici sono da fuori Regione e come sai,gli appalti si vincono \"a ribasso\".L\'assenza di una vera politica e dei partiti e dei sindacati a favore di chi veramente lavora è una delle cause in cui ci troviamo,continuate a privatizzare e vi accorgerete,quando sarà troppo tardi,del danno che avrete provocato,nello specifico all\'ambiente e più in generale all\'intera società.Perchè credi sia venuto meno nel tempo l\'impegno di tante/i ,nella politica e quando è andata bene si sia riversato nel sociale?La sfiducia non è una malattia ma cresce anche con le tante,troppe parole(chiacchiere)che si continuano ad ascoltare mentre i tanti problemi incacreniscono.Spero che tutte queste soluzioni non ci riservino delle sorprese con continui \"ritocchi\"al rialzo di quella che per quanto riguarda il rifiuto,dovrà divenire tariffa perchè allora al danno si aggiungerebbe la beffa.Quanto commentato non mette in discussione il tuo impegno e le tue capacità ma trattasi di una riflessione che vado facendo da anni e come sai,sono tra le tante persone che sono impegnato a separare i rifiuti ed a conferirli al Centro di Raccolta di cui disponiamo nel nostro Paese e che è gestito anche grazie alla collaborazione di un locale Centro Anziani.Un saluto.Giorgio Bendelari<br />