Belvedere: opposizione, tanto tuonò che piovve l\'adsl

adsl 3' di lettura 11/10/2009 - \"Guarda caso la banda larga arriverà a Belvedere Ostrense con il progetto della Regione Marche. Bene, noi ce lo aspettavamo perché diversamente non poteva essere, che l’attuale amministrazione comunale avrebbe ripiegato sul progetto della Regione Marche\".

Solo alcuni cittadini distratti e strumentalizzati negli ultimi anni dai componenti della attuale amministrazione comunale e dai partiti che l’hanno sostenuta potevano credere che la banda larga (ADSL) sarebbe arrivata a Belvedere Ostrense forse...con Babbo Natale. Era certo che dietro a tanto clamore non c’era un progetto serio e questo è stato confermato nella assemblea pubblica tenutasi in merito alla ADSL giovedì 24 settembre alla presenza della dirigente della Regione Marche dottoressa Maria Laura Maggiulli che cura il progetto del piano telematico regionale. Il Sindaco dopo un’ampia premessa, secondo il suo dire non politica, ma esattamente il contrario nel contenuto, ha detto che a seguito di una serie di valutazioni, dato che il loro progetto personale e quello della Regione Marche sarebbero stati operativi per gennaio 2010, hanno deciso di procedere con il progetto regionale che a parità di tempo di installazione avrebbe permesso di risparmiare 15.000,00 € dalle casse del Comune, a suo dire costo previsto per il progetto parallelo se eseguito dalla amministrazione comunale.




Da rimarcare inoltre, cosa che ovviamente il sindaco non ha detto, ma confermato nel corso della serata dalla dottoressa Maggiulli, che già l’amministrazione precedente aveva fortemente aderito a questo progetto fin dagli inizi del 2008 e che tutta una serie di contatti, comunicazioni e documenti erano già intercorsi tra gli uffici del Comune e gli ex amministratori comunali con la Regione Marche che avevano dato avvio al progetto effettivo che sarà realizzato. Altra smentita sui numeri, incomprensibile la cifra di 15.000,00 € considerata dal Sindaco se fosse stato realizzato il loro ipotetico progetto; una sottostima spropositata se solamente il costo della centrale necessaria per Belvedere, come comunicato dalla dottoressa Maggiulli nel corso della serata, si aggira sui 50.000,00 €, se poi si considera tutto il lavoro per eseguire la linea che deve andare dal centro di San Marcello fino al locale Telecom sito in via Brutti Igino a Belvedere Ostrense (circa 4 km) si può intuire subito che siamo molto ma molto lontani dai 15.000,00 € considerati dall’attuale amministrazione comunale. E’ evidente che dietro a tanto clamore non vi è stato mai un progetto serio perché basterebbe fare quattro conti della serva, così come di solito si suol dire, senza voler rubare il mestiere a nessuno se si considera: progettazione tecnica, escavazioni, linea su pali, cablaggi, costi centralina, installazioni varie, collaudi, iva, ecc. anche i più profani dedurrebbero che stiamo parlando di costi che superano i 100.000,00 € e che certamente il Comune non avrebbe potuto sostenere.




In sostanza tanto clamore solo per accaparrarsi consensi elettorali soprattutto come è accaduto nella schiera dei giovani plagiati da slogan elettorali certamente efficaci ma non veritieri. I numeri ed i fatti stanno a dimostrare che per fortuna qualcuno a suo tempo (2006) fece la scelta sensata di aderire alla SIC 1 con il solo costo una tantum di 1.000,00 € per il Comune e che ha permesso e tuttora permette di navigare in internet con un sistema piuttosto veloce ed economico coprendo ad oggi il 70 % del territorio comunale di Belvedere con linea Wireless. Se poi a fine marzo 2010, data indicata per l’operatività della linea ADSL verso gli utenti, si potrà avere anche un’alternativa migliore per i cittadini, ben venga, ma ognuno si prenda con umiltà e dignità i meriti che gli competono.


da Sauro Petrini
Capogruppo Belvedere Solidarietà e Democrazia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-10-2009 alle 17:15 sul giornale del 12 ottobre 2009 - 1371 letture

In questo articolo si parla di politica, belvedere ostrense, sauro petrini





logoEV