Nuove misure anticrisi dalla Provincia

16/10/2009 - La Provincia di Ancona, attenta al delicato momento di crisi, attua interventi di politica attiva del lavoro e di sostegno al reddito incentrati sugli individui.



Saranno integrate risorse nazionali e comunitarie, in particolare riferite al Fondo sociale europeo (Fse). L'importo ammonta a 25.420.222,95 euro.

"Ieri pomeriggio il consiglio provinciale ha approvato un piano anticrisi - ha affermato Patrizia Casagrande, presidente della Provincia di Ancona - forse il più importante della nostra legislatura. Crisi avvertita in tutta la sua ampiezza nella provincia di Ancona. Per questo la Provincia mette a disposizione le sue misure anticrisi. Nel panorama del nostro Paese c'è stato un grande coinvolgimento degli enti locali: Camera di Commercio, Regione, Provincia e numerosi comuni. L'elemento che ci sta aiutando di più è la coesione che va al di la delle appartenenze politiche, segno questo di intelligenza".

"A fine del secondo semestre 2009 - ha commentato Maurizio Quercetti, assessore al Sistema formativo e Politiche attive del lavoro della Provincia di Ancona - il numero dei disoccupati, rispetto allo stesso periodo del 2008, è di 500.000 in più. Purtroppo questo andamento non è in discesa ma è verso un aumento. Gli iscritti in stato di disoccupazione sono passati da 7664 del 2008, a 11096 dal 01/01/09 - 31/08/09. In questa situazione nuova per il nostro territorio abbiamo cercato di intervenire".

I destinatari di questo intervento sono i lavoratori sospesi, i lavoratori a rischio di espulsione dai processi produttivi, i lavoratori in costanza di rapporto di lavoro ed infine i lavoratori già espulsi dai processi produttivi. Le risorse Fse previste ammontano a 3.5 milioni di € a valere sui Piani del Lavoro e della Formazione 2007/08 e 2009. L'importo massimo del fabbisogno potenziale, previsto per la Provincia di Ancona, è stato stimato dalle linee guida regionali in circa € 17.500.000.

Gli interventi di politiche attive per i destinatari di ammortizzatori sociali in deroga riguarderanno: orientamento, formazione e altri strumenti di politiche attive del lavoro.

Dal primo ottobre sono state già assegnate già 120 borse lavoro. Circa altre 40 ne sono state messe a disposizione. Il bando per l'assegnazione scade il 30 ottobre.

Altro bando messo a disposizione sarà riguardante l'"Aiuto e sostegno alla creazione di nuove imprese" (a fondo perduto). Il bando scadrà a gennaio 2010. Grazie a questa iniziativa, in un momento di crisi sono nate 78 nuove imprese.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.provincia.ancona.it








Questo è un articolo pubblicato il 16-10-2009 alle 16:25 sul giornale del 17 ottobre 2009 - 1349 letture

In questo articolo si parla di politica, chiara bruglia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/JkF


la prima di queste iniziative anticrisi è la vacanza in israele?

Off-topic

Free willy, hai davvero dei pomeriggi molto lughi... per fortuna che ci sono i siti Vivere...