Ceresoni: elaborare una proposta che tolga la terra da sotto i piedi alla Lega

simone ceresoni| 2' di lettura 20/10/2009 - \"In riferimento agli episodi avvenuti sabato scorso in piazza Garibaldi, desidero rendere noto che mi trovavo sul posto come rappresentante politico dei Verdi, partito al quale appartengo,e non come pubblico amministratore\".

Alcuni cittadini, allarmati per la piega che stava assumendo il contrasto nella piazza, mi hanno chiamato e chiesto di essere presente. Quando ho avuto davanti agli occhi la situazione mi sono reso conto che qualsiasi opera di mediazione sarebbe stata impossibile.



Il copione, infatti, era già scritto e l’epilogo ben chiaro: le forze di polizia non avrebbero tollerato alcuna azione al di fuori del contesto delle prescrizioni impartite dalla Questura nell’atto di autorizzazione della manifestazione, mentre al tempo stesso il Mezza Canaja – come dagli stessi rappresentanti preannunciato - non avrebbe rispettato le stesse prescrizioni. Ciò nonostante, ho deciso di rimanere sul posto come osservatore. Gli avvenimenti che sono seguiti non vanno “normalizzati”: non è normale uno scontro in piazza tra giovani aderenti ad un centro sociale e le forze dell’ordine. Tali accadimenti rappresentano senza dubbio un momento la cui particolare gravità non va sottovalutata, poiché il limite civile e democratico della espressione delle proprie idee non dovrebbe in alcun caso essere oltrepassato.



Le azioni politiche fatte di fisicità e aggressività del centro sociale non mi appartengono e non le condivido. Ma più in generale sono contrario alle azioni violente intraprese da chiunque, forze dell’ordine comprese. Dopo i fatti di sabato scorso vorrei allora trasmettere un richiamo a tutti i segretari dei partiti di centrosinistra della città: la proposta politica della Lega, fondata su egoismo, chiusura e paura del diverso, non può prendere campo a Senigallia! Per questo il centrosinistra deve assumersi il compito e la responsabilità di governare i processi attinenti la crisi economica in atto e l’integrazione sociale di ogni individuo, affinché vengano date in merito delle risposte politiche e amministrative credibili, fondate sui valori della legalità e dell’accoglienza.



Occorre lavorare sui temi della sicurezza e dell’intercultura per realizzare una società inclusiva e multietnica, considerando interlocutori di questa azione politica soprattutto le fasce sociali più deboli. Il centrosinistra deve dunque essere in grado di elaborare una proposta che tolga la terra da sotto i piedi alla Lega, che offra speranza a un progetto in cui a tutti siano garantite pari opportunità, evitando così che nei flussi migranti associati all’attuale crisi economica i cittadini vedano un pericolo per sé e per i propri legittimi bisogni, desideri e diritti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-10-2009 alle 17:34 sul giornale del 21 ottobre 2009 - 6928 letture

In questo articolo si parla di simone ceresoni, politica





logoEV