Infortunio sul lavoro al cimitero, operaio in prognosi riservata

eliambulanza 21/10/2009 - Grave infortunio sul lavoro, ieri nel primissimo pomeriggio al vecchio cimitero comunale di Jesi. Un uomo, Angelo De Gubellis, 35 anni di Staffolo, titolare di una ditta edile che stava effettuando dei lavori di riqualificazione al tetto delle cappelline in una zona a rischio crollo, è precipitato da quattro metri di altezza.

De Gubellis stava sistemando la copertura delle cappelline funerarie nel Campo della chiesa del cimitero (dalla parte opposta al Famedio dei caduti), una zona da diverso tempo transennata e ritenuta pericolosa per via dei numerosi cedimenti strutturali e crolli verificatisi. Per cause ancora in corso di accertamento da parte degli ispettori del lavoro della Asur 5 di Jesi, il tetto ha ceduto e nel crollo, l’operaio è caduto nel vuoto.

Un volo di oltre quattro metri e precipitando a terra, ha battuto violentemente il capo. Ha riportato numerosi politraumi, fratture agli arti e un trauma cranico importante. Trasportato d’urgenza in eliambulanza al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette di Ancona, è stato sottoposto a tutti gli accertamenti del caso. Si trova ricoverato in prognosi riservata.






Questo è un articolo pubblicato il 21-10-2009 alle 23:00 sul giornale del 22 ottobre 2009 - 2387 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fabriano, eliambulanza, Talita Frezzi