San Paolo: presentato Candidato al Consiglio di Istituto

libro 21/10/2009 - Nella bella ma austera cornice di Palazzo Bassi, sabato scorso Ottobre piovono libri ha debuttato a San Paolo di Jesi, con l’incontro Parliamo di scuola e di educazione, nel corso del quale è stato presentato il libro Candidato al Consiglio d’istituto di Massimo Cortese.

Oltre all’emozionatissimo autore, sono intervenuti il sindaco Sandro Barcaglioni, la professoressa Mara Tirotta dell’Istituto Comprensivo Beniamino Gigli di Monteroberto, l’Assessore provinciale Gianni Fiorentini e l’Assessore regionale Fabio Badiali.


“E’ un libro poco spesso ma di grande spessore”: questa considerazione del sindaco Barcaglioni sintetizza, meglio di ogni altra, i giudizi benevoli che sono stati dati dai vari relatori che hanno letto il libro. Nel fare gli onori di casa, Barcaglioni ha fatto presente le difficoltà che in un piccolo Comune, come San Paolo di Jesi, incontra la scuola, soprattutto in conseguenza della esigua popolazione scolastica. Il sindaco si è poi soffermato sull’importanza delle iniziative di Ottobre piovono libri, mostrando la propria soddisfazione per il fatto che anche San Paolo è stata inserita nel circuito nazionale. Nel prendere la parola, Massimo Cortese ha rivelato un piccolo segreto: “ Quando ho iniziato a scrivere quello che è diventato Candidato al Consiglio d’ istituto, non pensavo neppure lontanamente che ne sarebbe scaturito un libro”.


L’autore ha poi letto le due recensioni pubbliche ricevute dal libro, e ha concluso dicendo: “ Non so come andrà a finire questa avventura, ma posso dire con assoluta serenità che ne è valsa la pena”. La professoressa Mara Tirotta si è detta colpita dal tono sobrio, ironico e schietto del libro e, nel fare una rapida analisi del testo, si è soffermata sul fenomeno del bullismo, che troppo spesso colpisce le persone, la cui unica colpa è quella di essere timide. Nel suo intervento, l’Assessore provinciale Gianni Fiorentini, dopo aver espresso la sua preoccupazione per le difficoltà incontrate dall’attuale sistema scolastico, specie in tema di risorse, ha detto che il merito del libro è quello di aver aperto uno stimolo ad una riflessione sulla scuola e sull’ educazione. Per Fiorentini, quando si parla di bullismo, bisogna sforzarsi di comprendere dove nasce il malessere responsabile di certi comportamenti. Prima delle conclusioni dell’Assessore regionale Badiali, Massimo Cortese ha letto una pagina commovente del testo, nel quale si passa in rassegna la figura dello zimbello, e cioè della vittima del bullismo, di cui troppo spesso non si parla, se non altra perché è lui stesso a provare vergogna a parlarne.


L’Assessore Badiali, che nel 1991 è stato presidente del Consiglio d’istituto a Castelplanio, si è soffermato sul ruolo educativo dei genitori, che talvolta non riescono ad avere un dialogo costruttivo con i loro figli. Se non si rispettano le regole della civile convivenza, è inevitabile – ha sostenuto Badiali – che il bullismo e le altre negatività prendano il sopravvento. Infine, l’Assessore regionale ha rinnovato l’appello alla lettura, cosa questa condivisa da tutti i relatori, e si è mostrato giustamente orgoglioso per il contributo dato dalla Regione ad Ottobre piovono libri. All’incontro non potevano mancare la televisione e la stampa, rappresentate da TV Centro Marche e da Voce della Vallesina. Era presente anche il signor Grilli della Libreria Cattolica di Jesi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-10-2009 alle 14:41 sul giornale del 22 ottobre 2009 - 1649 letture

In questo articolo si parla di cultura, libro, Massimo Cortese