Sadam, manifesto dei consiglieri comunali

consiglio comunale jesi 22/10/2009 - \"Questo Manifesto nasce da una necessità, avvertita da alcuni Consiglieri Comunali, di dare un segnale forte e bipartisan alla cittadinanza sul problema della riconversione SADAM che ingloba questioni enormi riguardanti la salute dei cittadini e l’occupazione dei lavoratori.

Problematiche molto importanti che, oltre la necessaria discussione all’interno di ogni singola forza politica, necessitano di una presa di responsabilità corale la più ampia possibile. È stato più volte ripetuto che la salute e l’occupazione non possono essere etichettate come problematiche di maggioranza o minoranza, di destra o sinistra, ma devono essere al centro dell’attività di ogni forza politica che intende dare risposte ai bisogni dei cittadini. Tutti siamo chiamati ad essere responsabili ed attenti, soprattutto lo sono gli Amministratori che devono per prima cosa rispondere ai bisogni della città e poi alle segreterie di partito. È seguendo questa logica che i Consiglieri che aderiscono a questo manifesto hanno voluto porre il loro nome a titolo personale, senza apporre a fianco la sigla politica, per sottolineare quanto detto sopra e per chiarire alla cittadinanza le motivazioni per il No a questa riconversione, un No motivato dal senso di responsabilità e non dall’appartenenza politica.



Il manifesto non è, come qualcuno ha cercato di strumentalizzare, un attacco alla Giunta o al Sindaco o a chissà chi altro,ma è l’elenco di una serie di domande importanti che non hanno avuto alcuna risposta esaustiva, troppe domande irrisolte che inducono fortissime preoccupazioni riguardo la riconversione e di conseguenza riguardo il futuro della città e della vallesina.. Non è possibile dare il via ad un processo del genere senza avere prima precise e garantite risposte alle domande elencate nel manifesto. Questo deve essere chiaro a tutti : è in ballo il senso che si vuole dare allo sviluppo di questa città e dell’ intera vallesina. Tutti siamo responsabili. Un’altra cosa deve essere chiara: Rifiutiamo con forza qualunque strumentalizzazione politica! A coloro che ci hanno accusato di fare inciuci rispondo che forse hanno già deciso di farlo loro l’inciucio: con la SADAM. A coloro che ci hanno accusato di complottare contro il Sindaco rispondo che rispetto a questa ristrettezza di idee e povertà di contenuti ben poco si può fare.


IL MANIFESTO È UN ATTO DI RESPONSABILITÀ E DI DEMOCRAZIA!


da Claudio Fratesi
Consigliere Comunale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-10-2009 alle 17:08 sul giornale del 23 ottobre 2009 - 927 letture

In questo articolo si parla di attualità, consiglio comunale jesi, Claudio Fratesi