Mancini: \'Il centro sinistra non è solo per alcuni\'

roberto mancini 29/10/2009 - Abbiamo letto, increduli, la dichiarazione firmata PD, Verdi, Sinistra e Libertà, IDV, PDCI, Repubblicani Europei  in merito alla candidatura di Roberto Mancini a sindaco per il centrosinistra a Senigallia.

La dichiarazione offre lo spunto non solo ad una risposta ma anche ad alcune domande che poniamo ai firmatari della stessa. Il neonato comitato per Mancini sindaco è la risposta partecipata e organizzata da parte di alcuni cittadini che ritengono possibile far valere e promuovere un modo nuovo di fare politica e di pensare allo sviluppo di Senigallia, più attento alle esigenze dei cittadini, del territorio inteso come bene non riproducibile e per questo unico e prezioso e dell’intero comprensorio Misa e Nevola; tale iniziativa rappresenta, dunque, un tentativo “dal basso” di rispondere ad un malessere diffuso rispetto ad un governo della Città sempre più lontano dai cittadini ed arrogante.


Attorno al Comitato si è riunito un numero consistente di persone - molte delle quali sicuramente elettori dei partiti che compongono il centrosinistra, anche se tale definizione appare sempre più, nel tempo, a “geometria variabile” -, che provengono da esperienze politiche, professionali e umane differenti, ma che con Roberto Mancini hanno trovato un patrimonio di valori e di ideali comuni che speriamo possano essere apprezzati da gran parte dei cittadini che voteranno a marzo per dar vita al nuovo governo cittadino. Liquidare tali energie umane e di idee con frasi offensive e che rimandano ad una scelta identitaria che non è presente nel Comitato dà il senso del modo di considerare la politica e coloro che vi si avvicinano con il desiderio di portare il proprio contributo.


E’ un negare dignità a posizioni differenti da quelle che i firmatari del comunicato esprimono. Non comprendiamo, inoltre, se e da quando la dizione “centrosinistra” sia patrimonio esclusivo di qualcuno, se e da quando esista un marchio di fabbrica che qualcuno può usare qualcun altro no; forse il non partecipare alle cosiddette primarie di coalizione organizzate e dirette dal P.D.è un peccato originale che merita lo sberleffo per chi si dissocia da tale pratica? E’ possibile prevedere un percorso diverso di presentazione di una candidatura alla Città senza per questo compiere atti di lesa maestà? Pensiamo, viceversa, che questo modo di ragionare basato su una pretesa “autosufficienza” di certi partiti abbia prodotto guasti seri al centrosinistra ed al Paese.


Abbiamo letto di un desiderio di discontinuità con il passato da parte di alcuni esponenti della coalizione che andrà alle primarie nel mese di novembre; discontinuità vuol dire cambiare valori, scelte e metodi di fare politica. Auguriamo ai portatori di tali buoni propositi di riuscire nell’intento anche se ci pare assai complesso cambiare pagina rimanendo assieme a coloro che quella pagina l’hanno scritta e la rivendicano come esempio di buon governo.


dal Comitato per Roberto Mancini Sindaco




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2009 alle 14:59 sul giornale del 30 ottobre 2009 - 4163 letture

In questo articolo si parla di roberto mancini, politica, Comitato per Roberto Mancini Sindaco


Secondo me son le solite schermaglie da poco che si riscontrano in un modo vecchio di far politica!<br />
Certo che Mancini ha fatto il furbo perchè lui di centro non ha nulla...certo che il \"centrosinistra\" istituzionale è caduto nel tranello che ha valorizzato qualcosa che solo gli addetti ai lavori avevano notato!<br />
Certo le alzate di scudi in questi casi sono quasi tutte interessate e mi dispiace che l\'unica coalizione plurale di questa prossima competizione elettorale si perda dietro le solite chiacchiere di quelli come i rifondaroli che,avendo poco da dire su loro stessi, cercano di parlar male degli altri.<br />
Mancini ha tutto il diritto di dirsi di centrosinistra...anzi...continuasse pure!<br />

Commento modificato il 30 ottobre 2009

Roberto, che è uomo sempre attento alle parole che usa, sa che esiste una sostanziale differenza tra dichiararsi Candidato Sindaco <b>PER IL</b> centrosinistra e dichiararsi Candidato Sindaco <b>DI</b> centrosinistra...<br />
<br />
Come diceva Nanni Moretti in Palombella Rossa: <b><i>\'Ma come parli, come parli? le parole sono importanti, chi parla male pensa male!\'</i></b>...<br />
<br />
Roberto Ballerini

Roberto... sei persona intelligente! Non ti mettere a fare stupida retorica... <br />
<br />
\"Per\" il centrosinistra? Certo. L\'elettorato di centrosinistra può certamente ritrovarsi nel progetto - e anche del \"modo di fare politica\" - del \"gruppo Mancini\".<br />
<br />
\"Di\" centrosinistra? Certo. Lo sono i componenti del comitato. <br />
<br />
Gli avversari non si \"delegittimano\" con le illazioni (come avete fatta ad Ancona, rischiando querele). Si \"battono\" con i contenuti e le modalità di fare politica. Faticoso? Certo. E\' necessario collegare il cervello, non solo attivare le truppe. Ma la pagnotta dovrete pur guadagnarvela anche voi...!<br />

Soplitamente alcune definizioni vengono usate, magari in modo etimologicamente o linguisticamente sbagliato, per definire alcune cose o situazioni. Poi entrano nell\'uso comune così da circoscrivere e connotare quelle situazioni.<br />
Quindi quando si dice i partiti di centrosinistra uno ha subito inquadrato di cosa si sta parlando.<br />
Se ora io leggo \" Ferrero candidato di centrosinistra\" la prima cosa a cui penso è o che l\'articolista si sia sbagliato e che sia in atto una nuova scissione in RC. Poi andando a leggere scopro invece che Ferrando è candidato di una lista di sinistra ma cerca convergenze e voti anche nel centrosinistra. sono cose e concetti completamente differenti.<br />

Segue ( non riesco mai a far partire commenti più lunghi di 10 righe, sicuramente sono io l\'imbranato)<br />
Capisco che in campagna elettorale contino gli slogan e le presentazioni ( Berlusconi docet), come capisco che per far passare il proprio messaggio sia anche utile apparire sul mensile del centrodestra ( mi ha un po’ stupito vedere quel trio in fondo pagina nel numero di ottobre, è come se avessi visto un articolo di Ferrero sul giornale di Ghedini, sarà pure un’espressione di democrazia, ma un piccolo timore di essere strumentalizzato mi sarebbe venuto) ma non mi sognerei mai di dire che Paradisi è espressione di una lista di sinistra né che Rebecchini è di centrodestra, sono opportunità politiche che ognuno coglie nella misura in cui la sua coerenza glielo permette e chi legge si farà poi un’opinione.<br />
In conclusione vedo molto triste che si cerchino di mascherare le proprie origini per pura opportunità elettorale.<br />
Se poi veramente Mancini è diventato di centrosinistra ne sono ben contento, vuol dire che sarà più facile dialogare con Lui da parte di una coalizione che ancora ( a meno di un crollo elettorale) è ancora maggioritaria in città.<br />
Auguri a tutti per un buon risultato <br />

Caro mauri, i tuoi sofismi sono senza senso. Almeno per chi - come me - non ha alle spalle frequentazioni giovanili di cellule di partito. Ferrero non può scrivere sul giornale di Ghedini? Perché mai? Forse perché siamo ormai così mentalmente intruppati e \"tifosi\" a prescindere da scegliere comunque e sempre le etichette, piuttosto che i contenuti delle scatolette che compriamo al supermercato? Forse, sì. Almeno per chi è abituato a fare di tutta un erba un fascio e a farsi guidare dai pregiudizi piuttosto che dal proprio giudizio. Strumentalizzazione e non democrazia? Da cosa lo deduci? Gran parte dei sessanta e più componenti del Comitato per la Paci, esprimono democrazia o strumentalizzazione, magari famigliare? Come vedi, è questione di punti di vista...<br />
<br />
P.S. Preparati spiritualmente, mauri. Per quanto mi riguarda - non so gli altri - ci sarò pure nel numero di Logos di novembre. E, forse (se ho tempo di scrivere), pure nei successivi. In cambio di che? Mah... spero che alla fine dell\'avventura l\'avvocato Paradisi mi offra un caffé. Magari con brioche.

Che caduta di stile... <br />
Questo tuo commento è molto offensivo: invece di rispondere nei fatti, spari un giudizio diffamante sulla persona (Ma la pagnotta dovrete pur guadagnarvela anche voi...!).

Commento modificato il 30 ottobre 2009

Non voleva essere una offesa, Roberto. Se così è suonata (è un modo di dire romanesco), chiedo scusa. E\' una frase che uso spesso per me stessa: \"E ora ho da fare: vado a guadagnarmi la pagnotta!\" e in questio caso \"la pagnotta\" è una metafora per dire \"voti e consensi\". La frase, infatti, voleva solo sottolineare - e lo ri-sottolineo - uno stato di fatto: la politica che ormai ci ritroviamo è troppo fatta di comportamenti sclerotizzati e obsoleti (il richiamo alle truppe e alle appartenenze garantite dalle etichette), piuttosto che di maniche rimboccate per capire dove sono andati la società e i cittadini che si ritrovano genericamente nel \"centrosinistra\". Più sudore, insomma, e meno \"riunioni dopo cena\" che servono solo a cantarsela e suonarsela. E\' questo il mio invito. <br />
<br />
Ciao, <br />

Prof, capisco la sua delusione verso il tipo di politica che ha portato avanti il centro-sinistra in questi anni.<br />
Però, oggettivamente, sentire accostare la parola centrosinistra a Mancini può far confondere l\'elettore medio, perchè dopo legge scritto nel simbolo RifondazioneComunista, che di centrosinistra, sinceramente, ha ben poco.<br />
Anche se, secondo me, queste suddivisioni lasciano il tempo che trovano: abbiamo Tremonti, che dovrebbe essere un liberista e invece è favorevole al protezionismo e al posto fisso; dall\'altra parte abbiamo Bersani, che ha già fatto diverse liberalizzazioni quando era al governo...

Che strana idea della democrazia. <br />
Questa è tale solo se coincide con le proprie opinioni.<br />
Ovvero: se la pensi come me sei democratico, se no, non lo sei, ed esprimi \"sofismi senza senso\".<br />
Gli altri sono sempre strumentalizzati e stupidi.<br />
<br />
A senigallia ci sono 2850 stupidi in più: sono quelli che sono andati a votare per le primarie del PD, poveri scemi.<br />
Io spero che questa scemaggine sia contagiosa e che magari il 22 novembre aumentino gli stupidi.<br />
<br />
P.S. crede veramente che sia in apprensione se lei o Rebecchini scrivete sul mensile dell\'Avv. Paradisi? Tranquilii scrivetene pure due o tre o anche di più, anzi invitateci anche Mancini, vi auguro molti lettori.<br />
Se poi ci si guadagna un caffè un posto in lista o niente non è cosa che mi riguardi.

Ci tengo a sottolineare che benchè il comunicato di cui si parla appaia anche l\'idv io non l\'ho oltre che firmato nemmeno letto se non su vivere senigallia. Non so chi abbia firmato a mio nome, ma sicuramewnte è stato qualcuno che non ne aveva la facoltà.<br />
Laura Lavatori

Commento modificato il 30 ottobre 2009

Beh, mauri, <b>2mila 850 cittadini contro i 9mila 997 delle primarie 2007</b> non sono poi granché. Considerato anche il fatto che domenica scorsa sul carro delle primarie ci sono saliti tanti politici (e rispettivi parenti) di quei partiti che sperano in una nuova gioventù di posticini e assessorati, compresi quelli che - come te - nel 2007 le primarie le avevano schifate. Il mondo è bello perché è variato.(O a-variato?)

\"Che strana idea della democrazia. <br />
Questa è tale solo se coincide con le proprie opinioni.<br />
Ovvero: se la pensi come me sei democratico, se no, non lo sei\"<br />
Mauri vallo a spiegare a quelli del Pd...

la sa lunga

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Sono ugualmente contento di stare, anche se non ho votato, più vicino agli stupidi.<br />
Felice, stupido e contento. chi sta meglio di me?<br />

mauri, perché dai degli stupidi agli elettori che sono andati a votare alle primarie? E\' un lapsus freudiano?

In democrazia non dovrebbe essere stupefacente che sulla stampa di una certa tendenza compaiono articoli a firma di persone che la pensano in maniera opposta. Le idee si formano nel contraddittorio, semmai l\'anomalia è tutta italiana.Quello che conta è il rispetto delle idee reciproche.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Tanto è vero che sta raccogliendo le firme per presentarsi alle elezioni una lista civica apartitica a sostegno di Mancini.Non so se sono state già raccolte le firme sufficienti,ovviamente non ne posso nulla.Poi è un problema che non si sa come e dove firmare per poter far presentare una lista.Firmare per far presentare una lista alle elezioni non significa affatto automaticamente manifestare la propria adesione.Dispiace per questi commenti retroattivi,meglio che niente.Tanto qualcuno li leggerà.Spero solo che servano sufficientemente a far pensar5e e che non siano totalmente inutili,ma ,se pensassi questa ultima cosa,non li scriverei.

E già, Ulisse... Le idee che si formano nel contraddittorio (sacrosanto)... Il rispetto delle idee... Ma esiste ancora il rispetto delle idee altrui in questa classe politica che pretende di amministrarci a vita (la loro)?