Mangialardi sulla complanare: \'Basta col fumo negli occhi, serve il dialogo\'

maurizio mangialardi 30/10/2009 - “L\'Amministrazione non gioisce affatto delle sconfitte dei cittadini, tutt\'altro. Siamo amareggiati per chi ha strumentalizzato per mesi una vicenda seria, gettando fumo negli occhi alla gente”.

Sulle proteste del Comitato Versus Complanare e Non Solo l\'assessore all\'urbanistica Maurizio Mangialari non usa mezzi termini e punta i piedi. “Ci dispiace enormemente che situazioni delicate, come gli indennizzi e gli espropri, vengano strumentalizzate creando solo confusione fra i cittadini -afferma Mangialardi- da mesi il comitato va ripetendo che la complanare non si sarebbe fatta quando invece la realtà era ben diversa e per mesi hanno contraddetto i progetti e il cronoprogramma dell\'opera che l\'Amministrazione via via annunciava. Ora la verità è sotto gli occhi di tutti. La complanare è un\'opera strategica per il nostro territorio e questo è un punto fermo. I lavori sono già partiti e questo è sotto gli occhi di tutti”.


L\'ultimo attacco del comitato Versus Complana e Non solo è arrivato ieri dopo l\'annuncio del Comune che il Consiglio di Stato aveva respinto il ricorso, contro la sentenza del Tar, presentata dal comitato stesso che chiedeva la sospensione della complanare. “E\' grave che un ente pubblico gioisca per la sconfitta dei cittadini” -hanno lamentato gli avvocati del comitato di protesta Monia Mancini e Francesca Petruzzo. Ma lotta di alcuni residenti per cercare di bloccare la realizzazione delle tue bretelle complanari al tracciato autostradale dura da mesi e mesi. Oltre a respingere una infrastruttura ritenuta dannosa per l\'ambiente e che aumenterà l\'inquinamento acustico e atmosferico nelle frazioni attraversate dal tracciato, il Comitato Versus Complanare protesta anche per gli indennizzi applicati da Società Autostrade per gli espropri, ritenuti penalizzanti per i privati che si vedono espropriati pezzi di terreno. Per il comune invece l\'unica via possibile per ottenere risultati migliorativi con Società Autostrade è quella del confronto.


Per affrontare e cercare di risolvere i problemi non servono strumentalizzazioni ma dialogo -aggiunge Mangialardi- io continuo ad essere disponibile per risolvere problemi che riguardano piccoli aggiustamenti al tracciato ma non si accettano atteggiamenti che gettano fumo negli occhi ai cittadini fomentando il ricorso ai legali e provocando inutile spreco di denaro”. Giovedì il Comune ha incontrato i vertici di Società Autostrade chiedendo alcune modifiche al tracciato tra cui l\'eliminazione dei tiranti in via Po e l\'abbassamento della quota del livello stradale sempre nel tratto della galleria prevista nella via. “Tra due settimane avremo un nuovo incontro -annuncia l\'assessore all\'urbanistica- e avremo la risposta di Società Autostrade rispetto alle richieste da noi avanzate su istanza dei cittadini”.






Questo è un articolo pubblicato il 30-10-2009 alle 23:58 sul giornale del 31 ottobre 2009 - 5686 letture

In questo articolo si parla di maurizio mangialardi, giulia mancinelli, complanare, politica


Giacomo

Il dialogo doveva esserci fin dall\'inizio di questa vicenda e questo è proprio mancato.

Commento modificato il 31 ottobre 2009

Raccontando brevemente tutta la questione della complanare ad una persona fuori senigallia, alla fine se ne è uscito con la frase \"...ma perchè allora non si è prevista la copertura completa del tratto di autostrada e della bretella a fianco che passa vicino alle case e alla scuola di quel quartiere, come si è fatto in alcuni punti del Raccordo Anulare?\".<br />
Non ho saputo rispondergli ed al momento nemmeno contraddirlo.<br />
<br />
Una sola cosa vorrei cercare di capire (...vabbè, una delle tante): ma gli espropri sono davvero a quell\'importo troppo basso rispetto ai valori di mercato sia degli immobili che dei terreni?<br />
Insomma, chi ha ragione: il Comune, nella figura dell\'Assessore, che in questo comunicato non ne parla (probabilmente interveniva su un altro argomento, vale a dire lo stop o modifica del tracciato della bretella), oppure quei cittadini che si lamentano di importi troppo più bassi?

Ecco un intervento politico da manuale. Quel manuale in voga da quando la politica è diventata altro dall\'essere un \"servizio ai cittadini\" e che insegna che il potere si conquista e mantiene all\'infinito, di padre in figlio (politico), grazie all\'arroganza e alla supponenza. <br />
<br />
Un sgradevolissimo: \"Ghe pensi mi\" (a buoi scappati dalla stalla) che accomuna Mangialardi a Berlusconi, quello stesso Berlusconi preso a pretesto dagli ex-DS nostalgici delle cellule - senza idee e visioni collettive per il futuro di una città, e dunque schiavi del passato - come spauracchio per raccattare i voti di quel \"proletariato\" che loro per primi sfruttano... A Borgo Ribeca, per esempio, non mi pare ci abitino i ricchi o gli speculatori edilizi. E\' un caso? Io credo di no. <br />
<br />
Mangialardi, non hai proprio nessun pudore e rispetto per i cittadini!

Per affrontare e risolvere i problemi, caro assessore, forse bisognava evitare di dare la città in mano agli speculatori come lei ha fatto ed evitare uno sviluppo della città assurdo, rilasciando permessi di costruire a ridosso dell\'autostrada pochi anni fa.<br />
Voi e lei avete preso in giro i cittadini e gli fate pagare le conseguenze di una politica scellerata.<br />
Vergogna!

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Se qualcuno mistifica questi è l\'attuale amministrazione. Definire strategica una strada a due corsie, con più innesti a raso di qualsiasi altra strada di quartiere, è evidentemente di per se una presa in giro. La cosiddetta complanare è al momento una semplice strada di quartiere, dopo, quando Autostrade riterrà opportuno, se mai dovesse accadere, sarà la futura quarta corsia. Basta osservare il tracciato così come compare sul materiale arrivato a casa in questi giorni.<br />
Assessore Mangialardi, Lei pensa veramente che quei cittadini siano così tanto idioti da farsi manovrare, su argomenti per loro di così vitale importanza? Ma non sarà che Lei presume troppo e si crede onnipotente? Come per il piano Cervellati, scommettiamo che la costruzione dei bastioni di via Rodi significa in realtà ex Arena Italia. Secondo Lei chi sarà ad intervenire su quella area? Forse non se ne accorge, ma probabilmente è Lei ad essere usato da qualcun\'altro.<br />

Ho la netta impressione che il discorso complanare possa costare caro, in termini di voti, al centro sinistra senigalliese. <br />
<br />
Gradirei che il sig. Maurizio Mangialardi, che non conosco e non giudico, provasse per un attimo a mettersi nei panni di quei poveri sventurati che hanno fatto una marea di sacrifici per comperare una casa e adesso se la vedono espropriata, o diminuita tantissimo di valore per fare posto ad una strada inutile, fastidiosa, portatrice di smog e rumori e di nessun vantaggio.<br />
<br />
Mi auguro che il comitato non demorda.<br />
<br />
E mi permetto un consiglio: a ridosso delle elezioni provate a sdraiarvi tutti in terra per impedire il passaggio delle ruspe.<br />
<br />
Vediamo se chi emette adesso comunicati fumosi avrà il coraggio di far intervenire la forza pubblica sapendo che, magari, la domenica dopo si vota.<br />

fabio bucci

Se risulta vero il fatto, che per ben 5 volte il consiglio comunale di Senigallia a votato a favore<br />
e all\'unanimità il progetto della complanare la questione mi sembra semplice. Poi se la questione è, che i rimborsi delle aree espropriate sono troppo bassi, che la complanare non si deve fare perchè passa vicino a casa mia o perchè se il traffico passa in Via Leopardi e\' meglio per me che abito in Via Pò, allora viva il comitato.<br />
Io abito sulla Corinaldese, il traffico è triplicato, che faccio alle prossime elezioni provinciali, organizzo una cena in mezzo alla carreggiata?

Commento modificato il 31 ottobre 2009

Off-topic

Si contenga, mariorossi. Non è da lei. Con gli insulti personali non si arriva da nessuna parte.<br />
<br />
E poi, eviti la retorica del buon samaritano che ha a cuore chi abita sulla nazionale. Quei cittadini sono stati penalizzati dalla incompetenza amministrativa di decenni, e non è certo penalizzandone altri che qualcuno acquista il diritto di farsi bello dei risultati. E\' la solita solfa, mariorossi, sotto elezioni si risolvono - o meglio, si fa finta di risolvere - problemi contingenti e si aggravano quelli futuri.

cristiano assanti

A me sembra che la maggioranza dei senigalliesi sia favorevole alla complanare. Io abito sulla SS16 e, come altre migliaia di famiglie, ogni giorno devo veder transitare davanti casa camion e macchine. In tutti questi anni sono stato in silenzio come la maggior parte dei cittadini... ora che il vento sta cambiando perchè dovrei guardare con simpatia poche decine di persone che protestano in modo rumoroso per salvaguardare il loro piccolo orticello? Gli unici che, secondo me, hanno ragione di protestare sono quelle poche famiglie che hanno le finestre sopra la futura complanare, ma quelli che abitano in seconda e terza fila non hanno nessuna ragione. Questo sempre secondo la mia opinione e senza offendere nessuno, perchè mi pare che ci sia qualcuno un pò nervosetto.Saluti.

se lei pensa che la complanare ridurrà il traffico sulla nazionale si sbaglia di grosso.<br />
risponda a una domanda : quanti distributori di benzina ci sono sulla nazionale?

Commento modificato il 31 ottobre 2009

Non la maggioranza, sig. Assanti, ma tutti i senigalliesi e gli abitanti dell\'entroterra sono favorevoli a UNA complanare. Ma questa \"è\" una complanare? No, non lo è. E\' una ulteriore strada interquartieri come tante, a raso e con sette incroci in sette chilometri, strozzata tra case, garage, ospedale, duomo, scuole e case popolari(via capanna), che non dà nessuna garanzia di sveltire e attirare quel traffico che rende invivibili per altri cittadini, troppo a lungo penalizzati, il viale IV novembre e la nazionale. Non avrebbe risolto di più un casello tra Marzocca e Montemarciano? Ah, no... Marzocca, no. E\' una strada \"contrattata\" all\'ultimo minuto con la società Autostrade che trasformerà una strada di servizio in strada cittadina: due piccioni con una fava, insomma. <br />
<br />
E non si tratta del \"loro piccolo orticello\", come lei dice. Si tratta di terra pagata quattro soldi, quando poco più in là, magari proprio grazie alla \"complanare\", la speculazione edilizia probabilmente potrà fare i suoi affari (ma non ci sarebbe la \"perequazione\"? Perché il comune non l\'ha presa in considerazione?). Con nuovo traffico indotto, tra l\'altro. Si tratta di una casa inutilmente demolita, di tante altre case rese precarie nella loro stabilità, eccetera, eccetera. Il tutto per disegnare un percorso impossibile all\'interno di un quartiere sovracostruito, un percorso \"forzato\" dalla volontà politica di \"far finta di aver fatto\". Questa le sembra una conquista? Oppure le sembra un ulteriore scempio alla città che, tra l\'altro, allontanerà sempre di più i turisti \"veri\", quelli che portano benessere, e non solo i turisti \"modi e fuggi\" che oggi caratterizzano gli arrivi e presenze a Senigallia, attirati da manifestazioni chiassose che oggi possono esserci, domani, chissà?<br />
<br />
Non si risolve un male cronico, sig. Assanti, contagiando il malato con un male che certamente, magari tra 10 anni, si rivelerà peggiore. Ma intanto, che importa. Nessuno chiederà conto ai politici di oggi delle loro malefatte. Così come noi oggi non chiediamo conto agli amministratori che hanno avuto la scellerata idea di posizionare l\'autostrada e relativo casello dentro la città o la ferrovia in riva al mare.<br />
<br />
Cordialmente,

Caro Maurizio, grazie per questo intervento. Una preghiera, non dare importanza e non rispondere più alla prof. Paradisi, non le starebbe bene comunque niente

Bravo stopwar, hai detto bene.<br />
Faccio notare a Cristiano Assanti che chi come me abita vicino a strade ultra trafficate come l\'arceviese e l\'A14 già si è sorbito e continua a farlo, rumore e smog; non creda che chi protesta voglia difendere il proprio orticello, vuole difendere una qualità della vità che già fa schifo, proprio come la qualità della vita di chi come lei abita sulla SS16.<br />
Non è certo scaricando i problemi di qualcuno su altri che già hanno gli stessi problemi che si risolve qualcosa.<br />
L\'assessore Mangialardi e le amministrazioni di Senigallia nel tempo hanno portato a questa situazione e, cosa più triste e danno gravissimo, per fare i loro comodi politico-elettorali hanno non solo rovinato la città, ma rovinato la vita ai cittadini e ora addirittura mettono i cittadini l\'uno contro l\'altro.<br />
Una buona amministrazione dovrebbe cercare di unire la città, non fare ciò che questi signori hanno fatto.<br />
Conviene con me che se a Senigallia quel signore della foto qua sopra e i suoi amici di partito avessero preso scelte sagge, o quantomeno non indecenti, ora non ci sarebbe questa situazione assurda?<br />
QUANDO LA SMETTERANNO DI PENSARE AI COSTRUTTORI E INIZIERANNO A PENSARE AI CITTADINI?

Salve Brick, la Prof. Paradisi sta \"semplicemente\" manifestando il suo pensiero ... ... E\' ancora un diritto costituzionalmente garantito. Il suo commento è davvero \"misero\", mi creda. <br />

cristiano assanti

La vera questione è: o si realizza questa strada, che all\'amministrazione comunale non costa nulla, o non si realizzerà mai niente. Perchè sappiamo tutti che sarebbe meglio una circonvallazione più a monte ma sappiamo benissimo che non sarebbe realizzabile per mancanza di fondi. Allora se tra questa opera, magari non perfetta, e il nulla io scelgo la prima. Perchè poi non dovrei credere a quei tecnici che dicono che allieverà il traffico e renderà la qualità dell\'aria migliore e dovrei invece credere alle vostre tesi? Del resto non ho mai sentito soluzioni diverse, da parte vostra, se non quella di un nuovo casello o l\'esenzione del pedaggio nel tratto Marotta Marina di Montemarciano. Ma queste soluzoni,secondo me, non risolverebbero il problema traffico cittadino. Alla fine ognuno resterà con le proprie convinzioni!!! Saluti