Volpini: appello al voto per le primarie di coalizione

Fabrizio Volpini 17/11/2009 - Credo che le iniziative di questo periodo dimostrino innanzitutto una cosa: che il Partito Democratico è una forza viva e vitale e profondamente radicata in città.

Siamo un partito aperto alle innovazioni, a cominciare da quelle elezioni primarie in programma il prossimo 22 novembre alle quali abbiamo sempre creduto come strumento per scegliere la classe di governo e che rappresenta un metodo lontano anni luce dalle regole imperanti nello schieramento di centro destra dove è sempre uno, e soltanto uno, a decidere. La stessa composizione della nostra coalizione in città conferma la tradizione di Senigallia come laboratorio politico, con tutte le forze politiche e i partiti che hanno scelto con decisione di far parte dello schieramento di centro sinistra,con la sola eccezione di Rifondazione Comunista che si è ormai da tempo autoesclusa.


Abbiamo messo a punto una proposta programmatica che si innesta su un’esperienza decennale di buon governo portato avanti dalla Giunta Angeloni, periodo nel quale Senigallia è riuscita a compiere fondamentali passi in avanti. A partire da questa esperienza il nostro programma si pone nuovi obiettivi, calibrati sulle esigenze ed aspettative della Senigallia del futuro. Al fondamentale appuntamento delle primarie di domenica prossima il PD si presenta unito attorno alla candidatura di Maurizio Mangialardi. La forte coesione e condivisione di questa candidatura è confermata dalla grande partecipazione che si è registrata nei giorni scorsi in occasione delle assemblee svoltesi nei 4 circoli cittadini. Una forte unità resa possibile anche dal passo indietro compiuto da coloro che, pur avendo titolo a candidarsi, hanno scelto di non farlo proprio per favorire uno scenario il più condiviso possibile.


Per questo è importante domenica 22 novembre sostenere con il proprio voto Maurizio Mangialardi, sapendo che si tratta di una tappa fondamentale di un percorso che non si esaurisce però domenica, ma che vivrà la sua fase decisiva alle elezioni amministrative del marzo prossimo quando il candidato del centro sinistra vittorioso alle primarie sarà chiamato a battersi contro una destra che a Senigallia in particolare si è distinta in questi anni per arroganza, populismo e povertà di contenuti e proposte politiche.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2009 alle 20:46 sul giornale del 18 novembre 2009 - 5570 letture

In questo articolo si parla di fabrizio volpini, politica, partito democratico, primarie


<i>\"A partire da questa esperienza il nostro programma si pone nuovi obiettivi, calibrati sulle esigenze ed aspettative della Senigallia del futuro\"</i>. <br />
<br />
Volpini, ce lo fai leggere pure a noi, \'sto programma? Così, magari, i cittadini che andranno alle primarie, al di là di quelli che ci devono andare per precise direttive di partito, sapranno perché e per chi...

Il programma della coalizione si può trovare qui:<br />
http://francescamichelapaci.blogspot.com/2009/10/linee-programmatiche-della-coalizione.html<br />
<br />
e anche qui (par condicio):<br />
http://www.mauriziomangialardi.com/?page_id=19<br />
<br />
11 punti di Francesca Paci:<br />
http://francescamichelapaci.blogspot.com/2009/10/i-miei-11-punti-qualificanti.html<br />
<br />
invece Maurizio Mangialardi:<br />
http://www.dondeleo.com/images/products/3301674651563-orecchio_per_agopuntura_sinistra.jpg

Che Mangialardi vinca alle primari non c\'è alcun dubbio visto che sono state fatte ad \"pesonam\", ma far credere al popolino altre cose non rappresenta il massimo della disponibilità all\'ascolto. Solo nei prossimi anni e per i non ottusi si avra chiara l\'alleanza costruita quando ci saranno incarichi ai vari personaggi politici locali.

Qualcosa non mi quadra. Specialmente rispetto ai comunicati di Fabrizio di uno o due mesi fa, in cui difendeva di fronte agli interventi a gamba tesa della Sig.ra Amati la legittimità delle primarie di coalizione.<br />
Ma se coalizione significa insieme di partiti con uno scopo comune, e quindi i candidati diventano persone non più riconoscibili in un solo schieramento ma in tutta la coalizione, che senso ha ribadire oggi che \"il PD è unito intorno alla candidatura Mangialardi\" ( cosa per altro non vera viste alcune prese di posizione di iscritti al PD e neppure di secondo piano).<br />
Ma se tutto si riduce a contarci che bisogno c\'era di mettere in piedi tutto questo ambaradan.<br />
Sappiamo bene quali sono i rapporti nella coalizione il PD ( se non perde ancora voti)è intorno all\'80% e gli altri intorno al 20%.<br />
Ma attenzione perchè questo ragionamento porta a delle conseguenze e cioè che se Mangialardi scende, nel confronto con la Paci, sotto l\'80 o anche il 70% questa è una sconfitta politica e non una vittoria per lui e per il PD.<br />
Quindi credo sia più opportuno recuperare lo spirito di coalizione ognuno voti chi meglio crede senza spingere a cooptazioni per spirito di partito.<br />
Magari ne guadagnerà tutta la politica cittadina.<br />
Auguri ai contendenti.<br />

Sottoscrivo il commento di Mauri. Acuta la riflessione sulle percentuali, anche se in casa PD pensano che pure un 60% per Mangialardi e 40% per Francesca Paci sarebbe dignitoso. <br />
<br />
Ora la parola è ai cittadini di Senigallia, che possono, se vogliono, cambiare davvero ... <br />

Commento modificato il 18 novembre 2009

Questo comunicato del Sig. Volpini non riesco a comprenderlo. Se domenica prossima ci sono le Primarie del Pd ed i candidati sono 2, come fa a proporre solo Mangialardi? Ma un segretario di partito non dovrebbe solo spingere i propri iscritti e simpatizzanti ad andare a votare? Poi saranno questi a decidere per dare il loro consenso a questo o quel candidato. Se dipendesse da me inviterei tutta Senigallia a votare per la Paci, destra compresa, così ci liberiamo una volta per tutte dell\'Angeloni-ter

....chi si loda si sbroda...<br />
Vediamo alle elezioni se il PD è così forte e radicato... sento odore di sorprese...

Bravo Leotex. Non capisco perche\' come segretario riconosce un solo candidato (si chiamano primarie e non plebisciti).... Ma questo conferma il fatto che Volpini e\' un buon medico, ma la politica non sa proprio farla e capirla e per questo scrive e supporta una persona dalle cosi\' dubbie capacita\'... Comunque se e\' vero che a destra c\'e\' una persona che decide per tutte, nel PD di Senigallia cio\' che viene portato avanti e\' solo populismo! <br />

ma che discorso è? Volpini è il segretario di tutta la coalizione di centro sinistra o solo del PD? Mi pare normale che tiri l\'acqua al suo mulino...

le primarie di domenica sono del centro sinistra e non del solo PD. La candidata Paci è la rappresentante di Verdi, Comunisti Italiani, Sinistra & Liberta\' e parte del PD stesso.<br />
Volpini tira acqua al suo mulino, logicamente, ma sa benissimo che la vittoria di Mangialardi non è affatto scontata e che le percentuali possono essere molto influenti sul dopo elezioni.<br />
Tante care cose a tutti!<br />
Nathan Never

Il discorso di Volpini non fa una grinza. Mangialardi doveva essere il candidato del centrosinistra alle prossime amministrative, e così sarà.Il malinteso con la Silvana Amati è stato chiarito, Mangialardi non doveva avere rivali veri, perchè in quel caso il rischio di ripetere l\'esperienza di Monterado, (alle primarie ha vinto il candidato fuori dalla sponsorizzazione angeloni/rodano). Ora la Paci, pur con tutta la simpatia, non potrà impensierire il James Dean dei manifesti, attaccati dappertutto, (a proposito ma quanto accidenti ha speso in manifesti?) quindi James sarà il trionfatore. L\'importante però sarà il risultato delle elezioni di marzo, quelle vere, quando dovrà essere rimandato a casa. Se vogliamo davvero il bene di questa città, sennò ciccia, accontentiamoci di una inaugurazione, un pò di pesce gratis, due castagne con il brulè e vai con Dio.

Moogli se si vuole cambiare davvero in questa benedetta città bisogna non votare nè per l\'uno ne per l\'altra!<br />
Basta! 50 anni di governo della stessa parte, 10 anni di Mangialardi e i risultati schifosi li vediamo tutti.<br />
Che altro deve succede per cambiare? Quello che è successo a Falconara? Tranquilli, visti i 2,5 milioni di euro (che aumentano nel tempo visti gli interessi) bruciati da Mangialardi se vince siamo sulla buona strada.<br />
Dobbiamo arrivare a questo?<br />

60-40 sarebbe una tranvata! Ma la Amati troverebbe ugualmente il modo per dire che ha stravinto...