La Paci a Ciccioli: \'Io sto con il centro sinistra\'

Francesca Michela Paci 01/12/2009 - Leggo sulla stampa che l’On. Ciccioli ha reiterato il suo invito ai vari candidati a Sindaco, riconducibili all’area di centro destra e comunque alternativi all’attuale maggioranza, ad unire le proprie forze per formulare un’unica proposta politica ed un’unica candidatura che possa così risultare vincente nella prossima tornata elettorale di marzo 2010 sconfiggendo Maurizio Mangialardi, il candidato espresso dalla coalizione di centro sinistra.

Non entro nel merito dell’invito formulato da Ciccioli: ognuno è libero “in casa sua” di formulare tutte le proposte che ritiene più opportune e strategicamente vincenti. Mi permetto solo di rilevare una differenza qualitativa sostanziale nel metodo adottato, da centro destra e centro sinistra, per individuare il candidato a sindaco che meglio possa rappresentare le rispettive coalizioni.


Il centro sinistra ha scelto il metodo democratico e partecipativo delle primarie; il centro destra dopo essersi mosso in ordine sparso, fattosi consapevole dell’intrinseca debolezza dell’operazione messa in atto, tenta di ricompattarsi non attorno ad un progetto realmente condiviso ma nel suo essere “contro” e dunque nella prospettiva di “un grande ribaltone”. Quello che mi ha stupito nel comunicato dell’On. Ciccioli, e su cui non posso esimermi dall’intervenire è che mi abbia impropriamente accomunata, unitamente ai miei sostenitori, agli oppositori del “regime che impera a Senigallia”. Ho sempre ribadito in tutte le occasioni la mia adesione convinta ai valori e ai programmi del centro sinistra. La mia candidatura alle primarie non è mai stata una candidatura “contro”, ma una candidatura “per” un centro sinistra più forte, coeso e insieme plurale, orgoglioso del lavoro svolto ma pronto ad accogliere le nuove sfide del futuro.


Lo straordinario ed innovativo percorso delle primarie che i partiti della coalizione del centro sinistra hanno avuto il coraggio di realizzare si è fondato su un patto ben preciso: la condivisione di una comune piattaforma programmatica sottoscritta dai partiti e dai candidati. Quel patto è oggi più che mai valido. E’ perché credo nella bontà del programma che abbiamo condiviso che sono convinta che il centro sinistra vincerà le prossime elezioni e che Senigallia passerà dal buon governo di 10 anni di amministrazione Angeloni ad un altro ancora migliore.


da Francesca Michela Paci
candidata alle primarie




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2009 alle 13:51 sul giornale del 02 dicembre 2009 - 5356 letture

In questo articolo si parla di carlo ciccioli, politica, primarie, francesca michela paci


.<br />
<br />
Ovvio che la Paci non voglia andare con Ciccioli, ma da questo comunicato non si capisce proprio perché mai si sia candidata alle primarie contro Mangialardi, visto pare pensarla come lui e l\'Angeloni in tutto.<br />
<br />
.

Commento modificato il 01 dicembre 2009

Cara Francesca, continuare a confondere le idee agli elettori su cosa sono - meglio, dovrebbero essere - le Primarie non conduce di certo a un miglior senso civico e fiducia nella politica.<br />
<br />
Le Primarie <b>non sono</b> le prove generali delle elezioni politiche, come anche tu sembri credere visto questo tuo comunicato, bensì la delega data agli elettori <b>di un certo partito o coalizione, e solo a loro</b>, di scegliere il candidato sindaco tra quelli che si sono presentati, con l\'appoggio della coalizione e la votazione della relativa assemblea (Ti devo ricordare che a Marcellini e Sardella l\'appoggio è stato pubblicamente negato? Voi, dove eravate?). <br />
<br />
Che c\'azzecca allora rivendicare la superiorità di uno strumento - peraltro ampiamente spuntato nel caso delle primarie cui hai partecipato, poiché il risultato era stra-scontato - che non avrebbe senso usare nel caso delle altre liste? Neppure voi, tra l\'altro e che io sappia, avete discusso in una assemblea allargata i candidati di coalizione da presentare scelti, da un lato, dirigisticamente dal PD e, dall\'altro, dai dirigenti degli altri partiti. Mi sai dire dove lo vedi il processo democratico per cui la coalizione di cui fai parte avrebbe diritto a sentirsi \"superiore\"? Ma la \"nomination\" statunitense, fonte inconsapevole del bluff delle primarie nsotrane, hai presente cos\'è? Mi sai dire dov\'è la novità delle nostre primarie fasulle rispetto alle \"nomine\" dall\'alto cui siete ormai assuefatti?<br />
<br />
Cordialmente,

Cara Francesca, ho già detto la mia sullo straordinario ed innovativo metodo delle primarie, ma la cosa che più mi lascia perplessa (e che credo condividano tutti quelli che hanno scelto di votare alle primarie solo perchè c\'eri tu) è che al confronto pubblico con Mangialardi mi risulta che siano venute fuori qualche contraddizioni in merito al rispetto del programma che ne aveva il candidato vincente e che anche tu gli abbia fatto notare che c\'era un programma di coalizione e che in sostanza non poteva fare quello che voleva. Ora che ne pensi?<br />

Non riesco a capire, questo accanimento contro le primarie.<br />
Se per alcuni le primarie sono state un movimento di 3000 cretini che non capiscono neppure quando sono alti ( quelli votanti Mangialardi) e 1200 scemi di brutto perchè non hanno capito di essere usati per uno scopo diverso.<br />
Se a queste elezioni ci credono fermamente una Candidata, scema pure lei, perchè è stata usata ed ancora non se ne è accorta e un altro che si è autoconvinto di essere già sindaco, ma perchè accanirsi tanto. Lasciateli crogiolare nel loro brodo e vedrete che botta.<br />
Oppure queste primarie hanno smosso qualcosa, magari qualcuno ci ha creduto e qualcun altro ci sta credendo e magari è pure disposto a mobilitarsi per \'sti due che non hanno capito nulla?<br />
Il fatto è che non la contate giusta , chi voleva partecipare ha potuto partecipare, Sardella non lo ha fatto, affari suoi ha forse detto a qualcuno che gli è stato impedito? Non risulta.<br />
In quanto a Marcellini da ciò che si evince ( non da quello che dico io, ma da ciò che si è letto anche su queste pagine) ha provato in tutti i modi ad avere un posto assicurato non c\'è riuscito e dice che gli è stato impedito.<br />
Forse prendere atto di ciò che ci passa sotto gli occhi non sarebbe una cosa sbagliata. <br />
In quanto al rispetto del programma questo sicuramente ci sarà anche se con caratterizzazioni diverse e questo dipenderà esclusivamente dai rapporti di forza che ci saranno poi all\'interno della coalizione.<br />
Ma in fin dei conti che vi importa, ormai è sicuro no? Sono destinati a perdere.<br />

\"Lo straordinario ed innovativo percorso delle primarie che i partiti della coalizione del centro sinistra hanno avuto il coraggio di realizzare si è fondato su un patto ben preciso: la condivisione di una comune piattaforma programmatica sottoscritta dai partiti e dai candidati. Quel patto è oggi più che mai valido. E’ perché credo nella bontà del programma che abbiamo condiviso che sono convinta che il centro sinistra vincerà le prossime elezioni e che Senigallia passerà dal buon governo di 10 anni di amministrazione Angeloni ad un altro ancora migliore.\"<br />
<br />
Non credo ci voglia coraggio a realizzare le primarie, semplicemente uno sforzo organizzativo.<br />
Detto questo la piattaforma programmatica è ampiamente condivisibile soprattutto nella parte riguardante l\'Urbanistica.<br />
Peccato però che il Candidato Vincitore delle primarie non abbia dimostrato tutto questo amore focoso e passionale nei confronti della suddetta piattaforma.<br />
Il programma la cui gestazione è durata settimane di intenso lavoro finanche notturno (a detta di molti miei conoscenti che hanno partecipato alla stesura) è stato disconosciuto in due occasioni.<br />
La prima volta durante il faccia a faccia a San Rocco quando lo stesso Candidato Vincitore a tre metri da me, e quindi non per sentito dire, ha affermato che il Piano Strutturale Comunale e i susseguenti strumenti ad esso collegati siano strumenti non adatti ad una realtà come quella senigalliese che ha bisogno di interventi temepstivi.<br />
Tre minuti dopo la stessa Francesca Paci tra lo sbigottito e il contrariato ha replicato richiamando il Candidato Vincitore al rispetto del programma sottoscritto da tutte le forze della coalizione e dichiarandosi stupita per le prese di posizione del suo avversario.<br />
Chi c\'era non può averlo improvvisamente dimenticato dal momento che è stato il momento topico del faccia a faccia.<br />
La seconda volta, due giorni fa, nell\'intervista a Giulia Mancinelli, quando il Candidato Vincitore ha ribadito gli stessi concetti.<br />
Si andrà avanti a colpi di variante al vecchio piano regolatore, perchè per farne uno nuovo ci vuole troppo tempo.<br />
Quindi nessun PSC, nessun POC e nessun RUE come scritto nel programma.<br />
Certo che tutte queste sigle generano parecchia confusione. A noi. Non al Candidato Vincitore che sembra non abbia intenzione di farle sue.<br />
A commento dell\'articolo il consigliere verde Roberto Curzi concorda con il Candidato Vincitore, sul fatto che il PRG è uno strumento obsoleto, e afferma che il PSC (Piano Strutturale Comunale) è ben altro. Una nuova pianificazione. Ma il Candidato Vincitore non intende pianificare nulla, ma solo variare ciò che è stato pianificato in precendenza, con il vecchio Piano Regolatore.<br />
Roberto Curzi poi conclude il suo commento con queste parole:<br />
<br />
\"La mia impressione (oltre che il mio auspicio) è che la non chiarezza sia sugli strumenti, ergo si pensa di dire la stessa cosa e si dicono invece cose diverse, oppure si crede di dire cose diverse dicendo invece la stessa cosa.<br />
Diversamente si apre un evidente problema la cui soluzione non può che essere politica\"<br />
<br />
Possibile che dopo settimane di discussione sui programmi ai quali credo il Candidato Vincitore abbia partecipato (avrà partecipato?) non ci sia chiarezza sugli strumenti?<br />
Tra i due scenari descritti da Curzi, credo che il più realistico sia il primo (\"si pensa di dire la stessa cosa e si dicono invece cose diverse\").<br />
Se così fosse auspico una presa di posizione della parte del Centrosinistra che ha sostenuto Francesca Paci.<br />
In assenza di questa mi pentirei molto di aver sostenuto Francesca alle primarie, non tanto per lei che ritengo persona valida e preparata quanto per aver creduto nelle forze che la sostengono e per aver auspicato che una componente ambienatalista e non organica al PD più forte all\'interno della coalizione potesse bilanciare i rapporti di forza nella coalzione stessa.<br />
Nei cinque anni precedenti di scatti d\'orgoglio da parte dei Verdi ne ho visti pochi.<br />
Io spero che il nuovo ciclo che si aprirà a marzo ma che inizia già da ora determini un nuovo modo di essere NEL centrosinistra.<br />
Questa discussione è il primo banco di prova.<br />
Si faccia chiarezza, si capisca cosa intendeva il Candidato Vincitore e si PRENDA UNA POSIZIONE.<br />
Altrimenti siamo alle solite. Altrimenti siamo al Buon Governo dei dieci anni precedenti che per me, ma è una mia opinione non è stato poi così esaltante.

Dai tempo al tempo. <br />
Le primarie si sono svolte solo 10 giorni fa. Come si sa in qualsiasi competizione si va l\'un contro l\'altro armati ed ancora qualche munizione non sparata è rimasta in canna.<br />
Sono certo, conoscendola, che la serietà e la caparbietà di Francesca farà si che tutto ciò che auspichi si avvererà, anche perchè se così non fosse tutto ciò che è avvenuto sarebbe avvenuto invano. E sarebbe un\'enorme sciocchezza se non altro per il vincitore.<br />

Le primarie fatte in Italia sono solo una grossa presa in giro e non uno strumento democratico. Sia a livello nazionale che ai livelli più bassi il risultato è conosciuto già nel momento in cui vengono organizzate e soprattutto servono (almeno a livello nazionale) per rimpinguare le casse del partito. Spero vivamente che un giorno anche in Italia si possa parlare di Democrazia con la D maiuscola, fino ad oggi si è scritta con la P maiuscola (presa per i fondelli).

Non ho detto che si deve fare domani.<br />
Ma sicuramente si deve fare ben prima delle elezioni di Marzo.<br />
Altrimenti poi il POPOLO dimentica.....

Sottoscrivo Quilly parola per parola (tranne per il fatto che non ero presente al faccia a faccia, ma ho ascoltato la registrazione del dibattito presente su Popinga - http://scaloni.it/popinga/primarie-a-senigallia-il-confronto-mangialardi-paci/ - della cui disponibilità ringrazio i fratelli Scaloni: verba volant, MP3 manent...)<br />
<br />
Roberto Ballerini

Senza rientrare nel merito dello straodinario ed innovativo metodo \"democratico\" delle primarie ribadisco che la paci dovrebbe dire la sua sulle affermazioni del candidato vincente.<br />
Comunque Mauri è davvero molto confortante per lei credere sostenere ed evincere che chi se ne va è perchè chiede qualcosa, vero?

Non volevo andare a votare alle primarie, alcuni amici mi hanno comvinto a farlo, per sostenere la canidatura Paci. Sapevamo tutti che di fronte a Mangialardi avrebbe perso, cheil suo ruolo consisteva nel legittimare l\'altro concorrente vincente, ma almeno avesse perso con onore, dimostrando una certa forza. Ora, a \"primarie\" concluse, si delinea quelo che per alcuni era lo scenario scontato, Mangialardi a distanza di neanche una settimana dimostra di essere quello che si sapeva, il candidato di una parte del PD, quella vincente, legata al mondo degli affari.Ebbene, e mi rivolgo agli ascari del PD, voi veramente credete di essere così diversi dal centrodestra? pensate che la foglia di fico delle \"primarie\" riesca a coprire le vostre nudita? ma fate il piacere!!! Sappiate comunque che del mio voto, come di quelli dei miei amici e dei miei parenti ne farete volentieri a meno, perchè andranno all\'altro candidato del centrosinistra e cioè a Roberto Mancini.

Bah, diciamo che il duello Paci-Mangialardi non è stato proprio un Obama-Clinton, ma d\'altronde anche le primarie-fai-da-te nostrane non erano la stessa cosa.<br />
Nessuno ha risposto alla mia domanda: i 4.000 e rotti partecipanti erano tutti cittadini/elettori?<br />
Ma fa niente. Il programma era lo stesso \"prima\" ma ognuno -o almeno Maurizio- diceva che l\'avrebbe cambiato \"poi\" e quindi ora il perdente appoggerà il programma cambiato del vincente (che non conosceva prima e quindi potenzialmente non condiviso...insomma, una polpettone che non si vede capo e coda). Ma comunque il rito andava celebrato. Amen.<br />
Dicono in molti che M.M. sia un candidato debole, ma che per sua fortuna F.M. lo sia di più. Se sono capaci ne profitteranno P.G. e R.M. (e magari per questo altri scalpitano, più o meno convinti -a candidarsi- più o meno convincibili -a ritirarsi-).<br />
Avanti popolo.

Infatti Roberto, avevo dimenticato di ringrziare l\'amico Marco Scaloni per l\'ottimo podcast archiviato su Popinga disponibile per chiunque fosse interesato...

io sto con le civiche

Commento sconsigliato, leggilo comunque

1. non tutti i votanti alle primarie di coalizione potranno votare a marzo; erano ammessi minorenni e extracomunitari (ma la tua è una domanda retorica, visto che hai partecipato a qualche riunione...)<br />
<br />
2. l\'accordo prevede che il programma dei candidati non possa restringere ma solo allargare quello di coalizione; MM lo ha firmato; se lo sconfessa, se ne assume la responsabilità politica... (ma anche questo lo sai tu, come chiunque abbia partecipato ad almeno una riunione...)<br />
<br />
Roberto Ballerini

Ho solo dedotto da ciò che hanno scritto i suoi ex amici su queste pagine e che Lei non ha smentito. Pressapoco suonava così:<br />
<br />
\" Marcellini in un incontro a cui Lei era presente insieme a Favia e ad altri aveva chiesto rassicurazioni scritte per un posto nella futura amministrazione in questo modo sarebbe sceso in campo con l\'IDV, avuto un diniego è andato a trattare direttamente con Mangaialardi\"<br />
<br />
Questo hanno detto i suoi ex amici io ne ho solo preso atto.<br />
<br />
Se questo è il nuovo che avanza si sconforti pure ma io mi tengo il vecchio.<br />

versace dagoberto

Commento sconsigliato, leggilo comunque

versace ulisse

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Non è assolutamente vero e ho gia\' risposto, se poi non ama assimilare ciò che non collima con la sua presa di posizione senza se e senza ma è altro discorso. che tenesse il vecchio non ne avevo dubbi!