contatori statistiche

1.400 interventi e l\'aiuto a L’Aquila:vigili del fuoco in festa per S.Barbara

vigili del fuoco 2' di lettura 03/12/2009 - Oltre 1.400 interventi nel 2009, il tempestivo sostegno alle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo e un’attività di vicinanza e tutela della cittadinanza che rende i vigili del fuoco uno dei corpi dello Stato più amati dalla gente. Oggi, anche al distaccamento Bruno Mancini di Jesi si festeggia la patrona Santa Barbara.

Vigili del fuoco in festa oggi, per la celebrazione della patrona Santa Barbara. Alla caserma “Bruno Mancini” di via Gallodoro, questa mattina alle 10,30 interverranno il vescovo Gerardo Rocconi, il sindaco Fabiano Belcecchi, le autorità civili e militari, le Associazioni combattentistiche e d’arma della città e i bambini delle scuole materne.

La ricorrenza della nostra patrona Santa Barbara - spiega il sostituto direttore antincendio capo del Comando provinciale di Ancona Angelo Molinari - è una tradizione che ci consente di riaffermare i valori umani e professionali che animano la nostra azione: solidarietà, altruismo, abnegazione, disponibilità. Il 2009 è stato un anno particolarmente impegnativo per i vigili del fuoco: dal sisma dell\'Abruzzo del 6 aprile, al disastro ferroviario di Viareggio, al nubifragio di Messina e la frana di Ischia. Per il sisma dell\'Abruzzo il corpo nazionale dei vigili del fuoco ha effettuato dal 6 aprile ad oggi quasi 200.000 interventi, ha salvato 103 persone, ha effettuato la messa in sicurezza e realizzato le opere provvisionali di edifici storici gravemente danneggiati dal sisma, di edifici civili, nonché provveduto al recupero di un grande numero di opere d\'arte”. Il capo reparto Serafino Mandolini è stato tra i primi a portare soccorso alle popolazioni terremotate sin dalle prime ore di lunedì 6 aprile. I nostri pompieri sono ancora impegnati in Abruzzo.

Quest\'anno i festeggiamenti assumono un significato particolare - continua Molinari - in quanto ricorre il 70esimo anniversario della fondazione del Corpo”. Nel corso della cerimonia saranno illustrati i risultati di un anno di attività del distaccamento jesino: sono saliti a 1.454 (un incremento del 6 % rispetto ai 1.372 dello scorso anno) gli interventi svolti nel 2009. Tra questi: 317 incendi, 107 soccorsi per incidenti stradali, 34 per fughe di gas, 51 per soccorsi a persone e 71 per dissesti e verifiche di stabilità che in alcuni casi hanno determinato lo sgombero degli occupanti. Oltre ai numeri degli interventi, la riflessione va anche alla carenza endemica delle unità, un problema cronico che mina da anni il corpo dei vigili del fuoco. “La carenza cronica di organico - conclude il funzionario del comando provinciale Angelo Molinari - ha portato alla riduzione del personale in servizio che da anni definisco essere al minimo “storico”, al di sotto del quale ritengo che la nostra attività non può essere chiamata “servizio al cittadino”. Continuiamo ad essere 29 unità contro le 37 previste”.








Questo è un articolo pubblicato il 03-12-2009 alle 22:47 sul giornale del 04 dicembre 2009 - 1779 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vigili del fuoco





logoEV
logoEV