Volpini: \'Il vero centro sinistra unito marcia spedito verso le elezioni\'

Fabrizio Volpini 3' di lettura 08/12/2009 - “Il centro sinistra tira dritto compatto per la sua strada insieme al candidato a sindaco Maurizio Mangialardi”. La bagarre scoppiata un po\' ovunque, da destra a sinistra passando per il centro, in vista delle amministrative del marzo prossimo non tocca né scalfisce l\'unità del centro sinistra.

A sostenerlo è il segretario del Pd Fabrizio Volpini che replica agli attacchi di Primo Gazzetti, candidato dell\'omonima lista civica e dell\'Udc, ai moniti del vice coordinatore regionale del Pdl Carlo Ciccioli, che vorrebbe una maxi coalizione anti-Mangialardi, e agli annunci del neo nato movimento Alleanza per Senigallia che sostiene la candidatura di Roberto Mancini, di Rifondazione Comunista.


Che ci fosse un sentimento diffuso di ostilità verso il centro sinistra unito a Senigallia è cosa risaputa, soprattutto dopo il successo delle primarie di coalizione -osserva Volpini- a noi però né preoccupa né tanto meno ci interessa i tentativi maldestri di quanto cercano di mettersi di traverso o di ostacolare la vittoria del nostro candidato alle prossime elezioni. La grande coalizione anti-Mangialardi che vorrebbe Ciccioli, ad esempio, è solo un segno di disperazione del centro destra perchè è impensabile mettere insieme in unico schieramento personalità tanto diverse (Ciccioli chiama in causa Fabrizio Marcantoni, candidato del Coordinamento Civico e Pd, Primo Gazzetti, Massimo Marcellini, ex Pd, e Paolo Luzi Crivellini, segretario di Confersercenti ndr). Stare insieme per vincere e per poi non riuscire a governare la dice lunga”.


In quanto agli attacchi lanciati da Gazzetti, soprattutto contro la politica urbanistica e lo scarso coinvolgimento dei cittadini da parte dell\'Amministrazione attuale, il segretario del Pd tira dritto e ricorda che il centro sinistra sta “mettendo a punto il programma elettorale insieme ai partiti e a Mangialrdi con elementi innovatici che toccano urbanistica e servizi sociali”. Sul movimento politico Alleanza per Senigallia, costituitosi attorno ad un gruppo di ex Pd e Margherita come Francesco Stefanelli, ex assessore, Andrea Bacchiocchi, consigliere uscito dalla maggioranza, e Stefano Olivi, con la Margherita alle elezioni 2005, Volpini minimizza.


Non vedo un grande appeal attorno alla esigua schiera degli adepti di questo movimento -dice il segretario del Pd- se si rifanno all\'Alleanza per l\'Italia di Rutelli hanno sbagliato qualcosa perchè a livello nazionale il movimento protende verso il centro sinistra e non la sinistra massimalista (il riferimento è all\'appoggio dato a Roberto Mancini di Rifondazione Comunista ndr)”. Tra Prc e la maggioranza è querelle anche sulla terminologia a seguito della scelta di Mancini di candidarsi a “sindaco per il centro sinistra”. “In tutta Italia gli elettori di centro sinistra si riconoscono nella coalizione composta da Pd, Sinistra e Libertà, Socialisti, IdV e Repubblicani Europei -osserva Volpini- quella di Mancini è un\'operazione tattica servita per far accettare la sua candidatura anche alla componente cattolica che lo sostiene”.






Questo è un articolo pubblicato il 08-12-2009 alle 11:05 sul giornale del 09 dicembre 2009 - 4151 letture

In questo articolo si parla di fabrizio volpini, giulia mancinelli, elezioni, politica





logoEV