contatori statistiche

Rosini: un\'unica lista per DC, Partito Socialista e Repubblicani europei è un grave errore

franco rosini 2' di lettura 19/12/2009 - \"Ritengo che l’ipotesi di alleanza in un\'unica lista (un solo simbolo con tre sottosimboli di partito), alle prossime regionali fra DC, Partito Socialista e Repubblicani europei sia un grave errore, per una ragione politica ed una elettorale\".

Politica: in riferimento agli ideali che danno corpo da sempre alla DC, vale a dire l’ispirazione cristiana e la dottrina sociale della Chiesa. Come può stare nello stesso simbolo, allora, la Democrazia Cristiana con due partiti che storicamente sono in contrasto al cristianesimo ed ai suoi valori fondamentali, e che affondano la loro cultura in un atteggiamento laicista (solo successivamente divenuto laico), mantenendo però le sue caratteristiche di fondamentale avversità al cristianesimo, manifestatesi pure di recente nell’opposizione sui cosiddetti \"principi non negoziabili\"? Quale sarebbe allora il senso della nostra presenza politica, che non sia la speranza di avere un posto in Consiglio regionale o qualche incarico ben pagato? A chi gioverebbe ed in che modo questo accordo, al punto di farci ignorare completamente i nostri ideali?



Dall’aspetto politico, consegue quello elettorale. Ciò che più ci danneggerebbe, nell’ipotesi di siffatta lista, è il fatto che gli elettori non la capirebbero, ne tantomeno la voterebbero! Come ho spiegato sopra, sarebbe un falso storico, una contraddizione ideologica, un obbrobrio incomprensibile al di fuori di logiche strumentali e personalistiche. Infatti, oltre alle preferenze che ogni candidato porterebbe, questa lista prenderebbe pochissimi voti di testa. Gli elettori puniscono severamente queste liste pasticciate che non rappresentano niente sul piano ideale. Tale linea elettorale era già stata sperimentata alle elezioni politiche del 2006, proprio con l’alleanza fra la Democrazia Cristiana (di Rotondi) ed il Partito Socialista, ed il risultato fu un vero disastro, forse uno dei peggiori nella storia delle elezioni: 0,7%! La conclusione è semplice: Rocchi e Sbarbati non possono stare con noi e noi non possiamo stare con loro.


da Franco Rosini
pres. prov. Democrazia Cristiana





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-12-2009 alle 18:33 sul giornale del 21 dicembre 2009 - 1470 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, democrazia cristiana, franco rosini