IDV: sicurezza reale nel programma per la città

idv senigallia logo 30/11/-0001 - È tornato in questi giorni sui quotidiani il tema della sicurezza. Chi scrive ne sa qualcosa di cosa vuol dire essere delle forze dell’ordine e di dover garantire l’ordine pubblico. Ordine pubblico che vuol dire diritto di tutti e per tutti di sicurezza nel pieno rispetto della legalità e dei diritti.

Noi dell’Italia dei Valori Senigallia conosciamo i problemi più diffusi delle forze dell’ordine. I più diffusi sono carenza di organico, mancanza di fondi, mezzi e strumenti non adeguati. Abbiamo raccolto i sentimenti di malumore degli operatori di pubblica sicurezza, purtroppo dimenticati da questo governo che con le ronde (alle quali diciamo NO in maniera forte e chiara, perché la sicurezza è di competenza della Polizia di Stato e dei Carabinieri) ha preso in giro le forze dell’ordine, e con la legge finanziaria le ha beffate non prevedendo risorse aggiuntive per il contratto, come denunciato dai sindacati, per il riordino delle carriere e per la previdenza complementare, dopo aver tagliato con il decreto Brunetta 16 milioni di euro sul capitolo degli straordinari, il 50% delle disponibilità per l’ordine pubblico.

Noi dell’Italia dei Valori già a livello nazionale stiamo lottando contro questo mal governo, e infatti uno dei nostri impegni nel nostro programma di alternativa di governo è quello di Aumentare l’organico delle forze dell’ordine con un adeguamento salariale ed un razionale impiego delle stesse sul territorio. Programma che vi invitiamo a visionare sul sito del nostro presidente Antonio Di Pietro (antoniodipietro.it).

Anche nel programma della Regione Marche la nostra coalizione con Gian Mario Spacca presidente ha stanziato oltre 350 mila euro di interventi per Senigallia ed il suo territorio, per progetti di sicurezza e prevenzione.

Noi dell’Italia dei Valori Senigallia con la nostra Amministrazione Comunale abbiamo lavorato, poi, per ottenere i finanziamenti che ci sono stati assegnati per il progetto di videosorveglianza del quartiere della Cesanella “Vismara” presentato dal Consorzio Servizi Imprese Cesanella e dal Comune di Senigallia (200 mila euro di finanziamenti riconosciuti), e assicuriamo che progetti per la sicurezza e l’impegno per la tutela degli operatori della pubblica sicurezza saranno tra i punti principali del buon governo della città insieme a Maurizio Mangialardi sindaco.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 gennaio 2010 - 2149 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, italia dei valori, idv senigallia, stefano canti


Egr. Sig. Canti, mi rallegro con lei perchè finalmente qualcuno comincia a parlare del tema sicurezza nei termini corretti.Non ci piove sul fatto che il governo nazionale alle chiacchiere non faccia seguire i fatti, sottraendo risorse alle forze dell\'ordine il problema non migliora di sicuro. Però non posso essere d\'accordo con Lei sulle valutazioni circa la regione ed il comune di Senigallia. La regione, competente per la sicurezza, da anni ha in cantiere una legge di riforma della Polizia Locale, che non va avanti, perchè non vi è interesse acchè ciò accada. Dal basso, ed intendo con questo le amministrazioni locali, non è vi è sufficiente spinta. Per quanto riguarda le cifre assegnate al comune di Senigallia, mi dispiace ma non credo che siano reali, credo infatti che la quantità di soldi investiti nelle politiche per la sicurezza è talment escarsa da rasentare il ridicolo. regioni come la Lombardia, od il Veneto, investono nello stesso setore cifre almeno dieci volte maggiori. Per quanto riguarda il comune di Senigallia, mi permetta di sorridere, negli ultimi dieci anni gli investimenti sono stati pari a zero, sia in termini di organico che di mezzi ed attrezzature. E\' vergognoso che i locali della Polizia Locali siano tanto fatiscenti, non vi sia una centrale operativa degna del nome. Ci si riempie la bocca con le videocamere, ma mi dice Lei chi sta davanti ai monitor? in questo modo la video sorveglianza ha un effetto post che spesso serve a poco. Mi creda, non è così che si implementano le politiche per la sicurezza.Infine Le vorrei chiedere un dettaglio, è mai stata fatta a Senigallia una ricerca per determinare la percezione dela sicurezza, magari tra le fasce più deboli? Io credo di no. Saluti