x

SEI IN > VIVERE JESI > SPORT
comunicato stampa

Volley: a Corciano quarta vittoria per Moie

5' di lettura
1719
da Daniele Guerro

volley
Il cammino a ritroso dell´Edilizia Ceccacci inizia con l´incontro di Corciano (PG), di fronte la formazione della Gecom Security. Se nel match di andata a Moie la squadra umbra aveva pagato lo scotto del noviziato in serie B2, questa doveva essere la serata della riscossa e dei buoni intenti per una salvezza che non sembrava così lontana ed impossibile, specialmente dopo l´arrivo della giovane ma esperta Corinna Cruciani. 

Per questo le moiarole, ben istruite dal tecnico Mazzarini, si sono presentate in campo con la concentrazione e la determinazione dei tempi migliori. Moie, in verità, ha dovuto lottare solo nel primo set, prima di trovare quella tranquillità e quella serenità che rendono possibili anche le cose più difficili e permettono di esprimere un gioco arioso e vario, difficilmente contrastabile dalle avversarie. Corciano combatte ma perde malamente un primo set zeppo di errori, poi paga il tentativo di trovare una formazione in grado di competere con le più esperte e potenti marchigiane, ma forse peggiora ulteriormente le cose e rende più facile la strada alle ospiti. Comincia come peggio non potrebbe la squadra di casa, cinque errori consecutivi, tre in attacco e due in ricezione, a dimostrazione della voglia delle corcianesi di aggredire immediatamente le avversarie, ma anche delle difficoltà esplicite della squadra di mister Bovari, 0-5.


Moie, però, non è da meno, forse a Cesaroni e compagne non piacciono le strade troppo in discesa e restituiscono immediatamente il favore alle avversarie, con gli interessi. Parziale di 11 a 1 per le umbre, con cinque regali marchigiani e situazione completamente ribaltata, 11 a 6 interno. In realtà una motivazione tecnica c´è, sull´attacco a due Fabbretti trova difficoltà contro il muro alto avversario e Argentati, dopo un errore iniziale non forza le fast e permette alle locali dei facili contrattacchi. Sbloccata la situazione l´EdilCeccacci comincia ad imporre il suo gioco e ad approfittare degli errori altrui (13 in totale), il sorpasso avviene a quota 20, ma non sarà quello definitivo. Infatti le corcianesi recuperano e sorpassano a loro volta 23-21. E´ il momento dell´esperienza, della freddezza, della determinazione. Un attacco di Paola Cesaroni e due muri punto di Tatiana Pieri, conducono le moiarole a giocare la 1° palla set della partita sul punteggio di 23-24, annullata, però dalle umbre con un tocco di 2° della Cruciani. Si va ai vantaggi, Corbucci procura la palla buona per la Security 25-24, ma Moie ha in campo un talento vero, una Pieri in più, una di quelle giocatrici capaci di togliere la propria squadra dalle situazioni più complicate e difficili.


Ancora due muri vincenti e un attacco finale della centrale di Sassoferrato regalano alle biancorosse il primo combattutissimo set della serata per 27 a 25, un set targato Pieri. La delusione di Biscarini e compagne e al contrario l´entusiasmo delle marchigiane fanno subito la differenza all´inizio del 2° parziale, 4 a 8 al 1° time-out tecnico, quando Moie comincia a giocare come sa, scambi veloci e gioco corale che mettono in grande difficoltà la difesa umbra, la quale non riesce a trovare le giusta contromisure. Al secondo tempo tecnico le ragazze di Mazzarini sono avanti di 6 (10-16) e il distacco continuerà ad aumentare fino alla fine del set. Mister Bovari prova varie sostituzioni cercando di trovare in panchina la soluzione per cambiare l´inerzia della partita, ma ormai non c´è più storia, gli attacchi di capitan Cesaroni sono irresistibili e la difesa di Moie quasi insuperabile. Il destino per le padrone di casa è segnato, 18-25 il finale che porta l´EdilCeccacci a condurre per 2 a 0. Il gioco della squadra di Moie migliora ancora: il muro di Argentati e Pieri è spesso invalicabile, la ricezione del libero Mercanti perfetta (ottima la sua partita), la difesa di Spinsanti, Cesaroni e Zamuner attiva e precisa, la regia di Leo Amadio fantasiosa e smarcante, ma in più, adesso, ci sono gli attacchi indifendibili di Chiara Fabbretti a fare la differenza.


Il giovane martello di Moie trova ad ogni assalto la soluzione migliore per superare il muro e la difesa avversaria, a volte con la potenza, in altre con la precisione e infine con l´astuzia. Insomma, il gioco corale delle biancorosse provoca grandi difficoltà alla formazione umbra che solo una indomita Corbucci cerca di arginare. L´inedita soluzione di un estemporaneo ruolo di centrale per la Cruciani, provoca ulteriore disorientamento tra le file della Gecom Security che subisce per tutta la durata del set la netta superiorità delle ospiti, 3-8 e 7-16 il punteggio ai due tempi obbligatori. Si rilassano un po´, come da copione, le ragazze di Moie nel finale, permettendo alle locali di recuperare fino al 14-18, ma è sufficiente un pizzico di attenzione in più di Cesaroni e compagne per distanziare di nuovo e questa volta definitivamente, le padrone di casa. Il finale di 17-25 è eloquente e consegna la partita in mano ad una EdilCeccacci vogliosa di iniziare nel migliore dei modi il girone di ritorno e di consolidare il quarto posto in classifica generale. Corciano combatte alla pari di Moie esclusivamente nel primo set, dove solo una quantità enorme di errori, permette alla ospiti di portarsi in vantaggio. In seguito una strada tutta in discesa per l´EdilCeccacci che ha il merito di disputare una partita attenta e diligente, dimostrando così una netta superiorità in tutti i reparti.


16° Giornata - GECOM SECURITY CORCIANO - L´EDILIZIA CECCACCI MOIE 0 - 3
Parziali : 25-27 / 18-25 / 17-25
L´EDILIZIA CECCACCI MOIE : Argentati 12, Fabbretti 10, Zamuner 5, Pieri 12, Cesaroni 12, Amadio 2, Spinsanti, Campanile 1, Ceppi, Ribichini, lib. Mercanti. All. Mazzarini
GECOM SECURITY CORCIANO (PG): Scappini 2, Biscarini 11, Vipera 4, Corbucci 11, Toppetti 2, Boldrini 2, Zucchetti , Fabbri 2, De Luca 3, Cruciani C. 4, Cruciani V., Trentini, lib. Amador. All. Bovari


volley

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2010 alle 15:55 sul giornale del 22 gennaio 2010 - 1719 letture