il Circolo Acli San Giuseppe organizza la festa pagana della Vecchia

jesi 10/03/2010 - Giovedì 11 marzo come tradizione vuole, il Circolo Acli San Giuseppe organizza la festa pagana: LA VECCHIA.

Un ringraziamento speciale a tutti gli sponsor per realizzare ogni anno questa festa di quartiere

Programma:

ore 17.30 partenza della Vecchia dal piazzale parrocchia S. Giuseppe per le vie principali del quartiere

ore 18.00 Momento di riflessione e animazioni dei bambini intorno alla vecchia, e accensione della vecchia


Allieterà la festa il gruppo Macinino Scacciapensieri con musiche popolari lupini e maritozzi per tutti i partecipanti ad offerta.


La Festa cittadina si svolgeva nel “ borgo Garibaldi” e consisteva in una processione laica con suonatori e ballerini, sui quali troneggiava, portata a mano la “VECCHIA” un grosso pupazzo dalle forme accentuate, vestito ovviamente da vecchia, con orecchini di salcicce e cotechini, collane di salami e di lupini e simili. Alla fine della giornata di festa la VECCHIA veniva prima spogliata del rivestimento che veniva mangiato e poi bruciata tra canti e danze popolari.


LA VECCHIA DE MEZZA QUARESIMA può forse essere considerata una reminiscenza pagana: la festa della stagione invernale che “cede” alla nuova stagione, o forse, addirittura un residuo di rivalsa degli uomini alla fine del periodo patriarcale. Perchè far rivivere la festa? E’ ferma convinzione delle ACLI di SAN GIUSEPPE e del COMITATO ORGANIZZATORE, che conoscere il passato, ricco di tradizioni e di semplicità, sia essenziale per comprendere meglio il presente. Il rogo della vecchia deve essere inteso come un segno di rinnovamento e di un impegno religioso per tutti i parrocchiani affinché i valori di solidarietà e di carità cristiana siano sempre più presenti nella nostra comunità. La memoria storica della nostra vita e quindi, non va perduta.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-03-2010 alle 16:07 sul giornale del 11 marzo 2010 - 1280 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, Acli San Giuseppe