Asse sud: nessuna volontà di penalizzare le attività commerciale

lavori pubblici 31/03/2010 - La decisione di interdire il transito dei mezzi pesanti lungo via XXIV Maggio, nel tratto compreso tra la rotatoria all'incrocio con viale Trieste e la rotatoria all'incrocio con via Gallodoro nasce da una precisa richiesta del Consiglio comunale.

Il Consiglio nel giugno 2009 ha approvato praticamente all'unanimità (23 voti a favore, un astenuto e nessuno contrario) un documento con il quale impegna la Giunta affinché “venga impedito, tramite l’adozione di necessari provvedimenti sindacali, l’attraversamento della zona di via XXIV Maggio-Via Gallodoro ai mezzi pesanti che non devono effettuare carico e scarico in città con esclusione dei mezzi pesanti che debbono effettuare operazioni di rimessa, per manutenzione ordinaria e straordinaria dei mezzi”. Dunque nessuna volontà di penalizzare le attività commerciali ed artigianali qui presenti, piuttosto un intervento volto ad evitare che il semplice attraversamento della città da parte di mezzi pesanti avvenga in una strada che già soffre di forti criticità. D’altra parte, per questi mezzi, la superstrada rappresenta una valida alternativa.


A tal fine gli uffici hanno già provveduto a contattare le ditte di trasporto che gravitano nella zona per rappresentare la decisione di Giunta, ricordando loro che si tratta di un provvedimento temporaneo (3 mesi) al termine del quale verrà compiuta una serena verifica tra tutti i soggetti interessati.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2010 alle 16:09 sul giornale del 01 aprile 2010 - 1621 letture

In questo articolo si parla di lavori pubblici, attualità, jesi, Comune di Jesi, asse sud