IdV sulla nuova giunta: 'Perchè ai Verdi un altro assessorato?'

Enzo Monachesi 05/04/2010 - “Il diritto a chiedere un assessorato non deve basarsi solo sui numeri elettorali”. Si infittisce il dibattito politico sulla formazione della nuova giunta. Mentre il neo sindaco Maurizio Mangialardi si è preso qualche giorno di riflessione prima dell'annuncio della sua nuova squadra di governo, tra i partiti è già iniziato il giro di consultazioni che anticipa gli incontri tra le segreterie delle forze di coalizione che hanno sostenuto Mangialardi e il neo sindaco.

L'IdV, con il 4.9%, avrà di sicuro un assessorato entrando per la prima volta nella squadra di governo. E il candidato numero uno per ricoprire un assessorato è Enzo Monachesi, consigliere eletto dell'IdV. “Prima di fare valutazioni aspettiamo notizie ufficiali -premette Monachesi- non abbiamo ancora avuto contatti con il nuovo sindaco e quindi non possiamo dire nulla. E' chiaro che se Mangialardi volesse chiamarmi nella sua giunta ne sarei onorato e lusingato -afferma Monachesi- è chiaro però che bisognerà vedere se l'eventuale proposta di Mangialardi sarà consona alle aspettative dell'Idv in primis e mie in secundis. Sinceramente però se si dovesse cominciare a fare esclusivamente ragionamenti sui numeri scaturiti dalle urne mi sentirei a disagio”.


Il riferimento è alla proposta avanzata fra le righe dai Verdi in lista con la Città Futura che hanno messo avanti le mani per due assessorati, uno che vedrebbe la riconferma di Simone Ceresoni, e uno per la new entry rappresentata da Francesca Paci. “Perchè i Verdi dovrebbero avere due assessorati? In base a quale criterio? -si chiede Monachesi- stando ai dati elettorali (la Città Futura ha preso il 5%) anche l'Idv meriterebbe due assessorati ma non è questa la logica da usare. L'Idv ha permesso una chiusura di fine mandato della Angeloni con la conclusione di pratiche importanti. Come partito poi ci siamo esposti direttamente scegliendo di sostenere la candidatura e il programma di Mangialardi anche a scapito di una mini-scissione interna”.


Per l'idV insomma un assessorato andrebbe bene se il metro di giudizio sarà uguale per tutti. Tradotto. Se la Città Futura e Idv hanno preso grosso modo la stessa percentuale di voti, è giusto che entrambe le forze abbiano un egual numero di assessorati. A nulla servirebbe la delega di vice sindaco all'IdV (e nella fattispecie a Monachesi) contro il secondo assessorato ai Verdi. “Quella di vice sindaco è una delega che non esiste -commenta Monachesi- dico questo anche per smentire voci che da tempo dicono che io rincorrerei questa carica”. IdV che si dice contrario anche ad una giunta a sei, contro i sette attuali assessorati. Ipotesi suggerita dal Pd che piacerebbe a Mangialardi.


“Preferiremmo una giunta a sette -aggiunge il consigliere dell'Idv- con deleghe importanti che vanno a concentrarsi in un numero troppo ridotto di assessori. Al di là di questi discorsi, sono convinto che Mangialardi sarà in grado di elaborare la sintesi migliore sulla distribuzione delle deleghe. Il sindaco ha la necessità di creare una squadra non per accontentare i partiti ma per governare ed avere un gruppo di cui fidarsi. Serve gente competente. Io mi rimetto alle sue decisioni. L'importante è che ci sia equilibrio”.






Questo è un articolo pubblicato il 05-04-2010 alle 18:46 sul giornale del 06 aprile 2010 - 3244 letture

In questo articolo si parla di giulia mancinelli, politica, senigallia


Mherianino

Commento sconsigliato, leggilo comunque

...mi sfugge

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Per una volta tanto sono d'accordo con Monachesi. Oltretutto pare che la giunta <i>debba</i> essere a sei (vedi Finanziaria) e dunque Mangialardi è nella cacca. Contiamo: tre boss miracolati dall'Angeloni non se ne vogliono andare: Campanile, Volpini e Ceresoni. Monachesi, che confessa la mini-scissione dell'IDV "strumentale" all'occupazione di una poltrona, pure ci deve essere. E siamo a quattro. La Berardi, quella che ha usato le tre occasioni di incontro pubblico del Consiglio delle Donne per farsi campagna elettorale, aveva probabilmente già contrattato con Luana un posto in Giunta. E fanno cinque. La Paci, che ha rinunciato alle sue idee di rinnovamento, portando voti a Ridge-Mangialardi, scalpita per uno scranno. E fanno sei. Il PD resta con due soli assessori, tale e quale ai Verdi. Che poi, chi sono, i Verdi? Qual è il loro partito? Il Sel & Co., con Marco Giardini pure lui "venduto alla causa", immagino non starà zitto... Insomma, cominciano le danze e cominciano i casini. Come sempre. Come quando le competenze non contano niente, ma solo le poltrone sono l'obiettivo. <br />
<br />
Dio ci salvi da questa gente.

Off-topic

ancora discorri? Nun t'è bastate le legnate nei denti che hai preso? Nun è ora che gambi tono? Presuntuosa

Off-topic

Anche queste elezioni le hai perse, rassegnati, gli elettori hanno scelto la gente che tu detesti, stai calma, ti tocca mangiare bile soltanto per altri 5 anni, consolati scrivendo su Logos

Caro Monachesi, commento al solo fine di portare acqua fresca, se ci riesco, alla coalizione che ho sostenuto e di cui lei fa parte; mi interessa solo il livello politico /etico che anche lei dovrebbe contribuire a far crescere: ma oggi lei non mi sembra in sintonia con quello che i cittadini si aspettano dalla politica, con le sue contraddizioni palesi che leggo nel suo inopportuno intervento.- Se afferma che “Il diritto a chiedere un assessorato non deve basarsi solo sui numeri elettorali”, perché non si ferma lì? Perché entrare nel merito delle percentuali ? Perché raccontarci che vi sareste “ ……. esposti direttamente scegliendo di sostenere la candidatura e il programma di Mangialardi anche a scapito di una mini-scissione interna”; Se avete scelto perché poi recriminare o raccontarlo a tutti ? perché sottolineare ripetutamente che “ Se la Città Futura e Idv hanno preso grosso modo la stessa percentuale di voti, è giusto che entrambe le forze abbiano un egual numero di assessorati “; come è possibile che un giovane personaggio come lei che si è appena affacciato alla politica locale si esprima già come un “vecchio” ?? Perché, infine, non aspetta di parlare di queste questioni nelle sedi opportune ?<br />
P.S. non ho letto il commento di Mariangela Paradisi perchè non me la sento di arrabbiarmi ancora.-

A questa domanda proverei a rispondere così:<br />
forse perchè non hanno tradito mai, forse perchè ci hanno messo la faccia fin dall'inizio, forse perchè hanno condiviso, nel bene e nel male, le scelte delle passate amministrazioni. Forse perchè è ora che si torni a parlare di programmi, di politica e non solo di spartizioni.<br />
Ecco io direi che questi potrebbero essere dei buoni motivi.

L'importante è che non contino per alcuni mentre per altri, no.<br />
Come, peraltro, si evince benissimo dalla chiusa dell'intervento: "... L'importante è che ci sia equilibrio”.

Professoressa, al posto suo stare tranquilla. Non è certo che questa giunta duri cinque anni. Tra tre anni il novello sindaco potrebbe essere "spedito" al Parlamento e qualcun'altro - presumibilmente qualcun'altra (la stessa) tornare a gestire i frutti della demolizione "area Sacelit" avvenuta in un modo tale da gridare ancora vendetta. <br />

a Ulisse: chi ha scritto: "se hai il 5% come me, 2 assessori a te e due a me " ???? forse lo zelo dell'avvocato difensore non ha letto bene cosa ha scritto l'imputato che difende !!

Commento modificato il 06 aprile 2010

Maurizio, forse sarebbe meglio che cominciassi ad arrabbiarti per la magra figura che state facendo: quella di inciucisti antelitteram.

Maurizio, chi ha cominciato a parlare di saldi di fine stagione (quella democratica) sono stati i Verdi (ma de che, "Verdi"?), non Monachesi...

A Mariangela: rileggi meglio quello che ha scritto Primavera; inoltre: c'è chi ha credenziali e spessore politico per proporsi e chi dovrebbe limitarsi a fare altri mestieri. Attenzione che non parlo di Monachesi; parlo di tutti coloro che non sanno cosa significa la politica/ servizio e ragionano solo in termini di peso numerico.

Chi ce le avrebbe queste credenziali? Sono curiosa.<br />
Perché più ci penso, più non me ne viene in mente nessuno.<br />
<br />
P.S. Quello che è palese, Maurizio, è che Ceresoni, dopo tanta gavetta, rivendica a gran voce l'urbanistica, così può direttamente finire di massacrare la città. Francesca, dopo tanto penare, è anche lei in prima fila: risultato, sono in due a fare il gioco della poltrona. Se questa è la politica che piace a te, fai pure. Io continuo a chiamarmi fuori...

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Ceppo, a parte le idee politiche,calmati,non ti esprimi in modo civile,ed è gradito scrivere in italiano si quello che è comunque un giornale online.Per decenza personale.le elezioni le hai vinte,datti pace.

Io dico Francesca Paci tutta la vita.

Anche perché non dimentichiamoci che la sua famiglia qualcosa ha dimostrato a Senigallia,parlo della Paci,e non certo per la politica,fortunatamenbte,perchè è un campo di vocazione un po' marcio,degradante,purtroppo,purtroppo.Con eccezioni,ovviamente.Via i politicanti.Ognuno rappresenta se stesso,ma si sente che la Paci ha una caratura diversa e il perch<è lo sapete,chi vive veramente la vita cittadina,in silenzio o parlando,non importya.