Imbrattati i manifesti post-elettorali di Mangialardi

maurizio mangialardi 13/04/2010 - Alla vigilia della presentazione del nuovo esecutivo, intanto scritte provocatorie sono comparse ieri mattina sul manifesto elettorale con cui Mangialardi ringraziava gli elettori per il voto.

La scritta “Grazie a tutti!” è stata imbrattata e alterata con l'uso di una bomboletta spray. A fianco anche il simbolo di una falce e martello. Nel pomeriggio le scritte sono state coperte con della carta bianca.







Questo è un articolo pubblicato il 13-04-2010 alle 23:50 sul giornale del 14 aprile 2010 - 4938 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli


A questo punto, la domanda sorge spontanea (visto anche che il giornalista tace sul punto): cosa copre la striscia bianca ? !!! ?

suddito n.d.

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Ma questi manifesti a cosa servono? E' proprio necessario vedere il suo faccione appeso a tutti i muri di Senigallia? Forse che qualcuno ancora non sa come sono andate le elezioni? Oltre che spreco di denaro (considerati i numerosi problemi seri che ha la nostra città) lo trovo inoltre provocatorio nei confronti della maggior parte dei senigalliesi, ossia quelli che non l'anno votato. Senigallia e i suoi abitanti hanno bisogno di altro, non di queste autocelebrazioni. Alla faccia della sobrietà e del non voler mai andare sopra le righe!

.<br />
<br />
Nella mia buona fede li avevo visti come un impegno del neo-sindaco a rappresentare anche quella metà di Senigallia che non lo voleva (ricordiamoci che ha avuto il 50,7%).<br />
<br />
Speriamo sia così, attendiamolo alla prova dei fatti.<br />
<br />
.<br />

il PD ha soldi da buttare e la loro comunicazione assomiglia sempre più a "SorrisoDiCavallo - ReNano - Silviolo".<br />
<br />
Sai che notizia aver imbrattato un manifesto elettorale... Hanno fatto bene!<br />
<br />
In questa Italietta Moderna, dove il popolo è diventato mero strumento di notifica del voto, con voce in capitolo solo prima delle elezioni e dimenticato fino al turno successivo, è normale che qualcuno si sfoghi così. Anzi... E' ancora troppo poco... <br />

completamente d'accordo...i ringraziamenti vanno fatti migliorando la vita pubblica dei cittadini:con i soldi risparmiati dai cartelloni magari veniva fuori qualcosa per la città<br />
<br />
ps il mio discorso è valido sia per i cartelloni di sinistra sia di destra eh :)

Non so se ridere dei vostri commenti o inorridire per la vostra pochezza!<br />
Alla fine credo che riderò inorridito della pochezza dei vostri commenti.<br />
Spero che Mangialardi non si illuda di rappresentare anche certa gente

Barbara Ruberti

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Comunque,se la vita è sentirsi realizzati imbrattando un manifesto,tirando i sassi su una sede partitica,rompere i bicchieri in città,tirare i sampietrini sulle vetrine,allora c'è qualcosa di problematico nella coscienza di chi fa certe cose e dal più piccolo si passa al più grande.Io più che di sicurezza parlerei di moralizzazione coatta della società,coattiva.Ora arriverà una estate di risse ed ambulanze al lungomare,gente che ti guarda storto dicendo che tu li hai guardati,riupeto,dal più piccolo si poassa al più grande.Cimiteri di vetro in centro.A questo nessuno mai pensa'Queste persone non hanno altri intweressi?Perché la società rende possibile avere questi interessi,come andare in curva allo stadio in assetto e mentalità guerrafondaia.Sono molto per il modello tatcheriano di soluzione per contrastare l'ordine pubblico.Non capisco perché non poisso permettermi di fare una passeggiata,io e altri,perché qualcuno deve scaricarae i prpri complessi ,che ha semplicemente perché trae soddisfazione di vita dall'imbrattare,compiwere a<tti di minaccia,vandalismo.Là dove non arriva l'educazione civica deve arrivare la coercizione.Se ne fregano i politici dci questo?Perché tanti devono rimetterci per le intemperanze di pochi,perché nessuno dice nula forse,finché i problemi non li ha sotto casa.è questo il problema della società,è tutta basata sul particolarismo,sull'essere vittime e carnefici allo stesso tempo.Vittime quando non si può comandare,carnefici quando si comanda.Si deve amministrare,non comandare.Se il Partito Democratico mette manifesti di ringraziamento,mi pare un problema totalmente pretestuoso,come sempre.Non mi interessa che qualcuno mi comenti,mi interessa che qualcuno prenda provvedimenti.

asterix

Commento sconsigliato, leggilo comunque

@ Intruso:<br />
io rido inorridita del fatto che si sia scritto addirittura un articolo su un argomento così ridicolo!<br />
<br />
In Via Verdi c'è un manifesto dove sono stati anche dipinti dei baffi...vogliamo segnalare la notiziona anche al Corriere Adriatico?<br />
<br />
Spero che Mangialardi non si illuda di poter fare come vuole.

Il giornalista tace sulla scritta semplicemente perchè non è scrivibile. Non è una parola (sebbene sia entrata nel gergo comune) eticamente e giornalisticamente scrivibile. Almeno per questa testata.<br />
Giulia Mancinelli

Intruso comincia a ridere del tuo di commento e a inorridirti della tua di pochezza. Io sicuramente non mi sento rappresentato da questo sindaco, ma se tu lo sei sono problemi tuoi. In secondo luogo ognuno ha diritto ad esprimere liberamente la propria opinione anche se a te da fastidio, oppure è stato vietato anche questo? In questi interventi sono state scritte anche cose molto intelligenti, ma vista la tua risposta evidentemente non te ne sei accorto...

Il mio commento si è automozzato.Dai ,Odino,c'è di peggio che scrivere manifesti.Basta che siano di rinfraziamento e non intimidatori,da regime.Assomigliano un po',riprendono le grafiche di propagande di regimi di destra e sinistra..Io sono un integralista della sobrietà e del non voler mai andare sopra le righe.Si potevano fare ugualmente i manifesti,ma in modo diverso.Non capisco se il sindaco di tutti è un'apertura o un imperativo.Però alla società piaciono queste cose,che gli vuoi fare.Ha bisogno di essre rassicurata.Il regime lo abbiamo vuto fino a sessantadue anni fa.Dapprima eravamo spaesati,poi si sono entusiasmat6i,i nostri padri,era la popolazione che voleva Mussolini Duce,Mussolini voleva semplicemente prendere il potere.Non sto fqacendo paragoni.é una questione antropologica ,più che altro.Non so cosa dire.Non mi sembrano un buon inizio questi manifesti,ma ci si può soprassedere.Vediamo cosa arriva di concreto.La nuova amministrazione,proprio perché molto personalizzata,avrà un taglio politico diverso ,come la precedente aveva un taglio politico diverso rispetto a quella di Mariani.Io sono pr l'intraprendenza d'animo perchi è giovane.Son o assolutamente CONTRO la partitocrazia.Meglio un sindaco decisionista piuttosto che la partitocrazia che governa e sta cercando di prendre le redini di tuto la paretitocrazia.Basta che il sindaco non decida quelloi che decide Il PD,ma decida per conto suo.Non può nemmeno più essere sfiduciato.Qualche presupposto per un cambio di rotta (Non quello di Marcantoni),c'è.Poi la perfezione,nella vita,è un concetto inesistente,è un' astrazione.Io ripeto,rivedere da capo le piste ciclabili.

Lo sguardo sul manifesto non è troppo rassicurante.Un po' di umiltà ci fa bene a tutti,tutti.Molto al segretario Volpini farebbe bene.

Pienamente d'accordo con Odino e con Claudiabalena.<br />
Tra l'altro se ridi inorridito al massimo vuol dire che la tua risata è isterica; complimenti comunque per il concetto di democrazia che hai in mente.

@ Guernica<br />
anche il mio discorso è valido per sinistra e destra... il dissenso e la verità non ha bandiere.<br />

Pensate a viviSenigallia.Poteva stare a destra,s sinistra,da tutte le parti.Erano tutte persone trasversali.Qualcuno ha voluto che Vivisenigallia stesse a sinistra,anche fra l'opposizioine,magari,non guardate i politici in faccia,la come la vedete coi non c'è,è uno specchietto per le allodole,è tanto facile da capire..Così succede alivelo comunale,regionale,nazionale.Chi ancora non ha capito è un po' duro di testa.C' è qualcosa oltre alle facce che vedete,sopra.

...già intruso, fortunatamente Mangialardi rappresenta certa altra gente... quella che ride inorridita.

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA<br />
A me non da fastidio nulla...probabilmente a Voi da fastidio l'esito delle elezioni e questo la dice lunga sulla saggezza dei senigalliesi che non vi hanno dato in mano nulla.<br />
@odino<br />
I miei commenti hanno la stessa dignità dei tuoi in cui insulti il sindaco...è vero che i potenti hanno più diritto ad essere attaccati ma te esageri e manco paghi na tassa per essere così povero di argomenti

La falce ed il martello potevano anche lasciarle scoperte. In questo mondo di pazzi vi sono tanti altri simboli che, purtroppo, compaiono anche troppo spesso.<br />
A tutti quelli che criticano l'elezione di Mnagialrdi vorrei ricordare che è stata la "gabina elettorale" ad averne decretato il successo. E' stato eletto dal Popolo, come dice il cav. banana. Con la differenza che Mangialardi non ha impedito agli avversari di parlare, non li ha oscurati, come ha fatto il suddetto banana. Pertanto, volenti o nolenti, per 5 anni Mangialardi sarà il sindaco della città di Senigallia. Amen

Con tutte 'ste gigantografie pre e post elettorali mi sembra di vivere nella Cina di Mao. Dimostrano veramente di essere malati di narcisismo.

intruso<br />
invece di continuare a ridere comincia a imparare la differenza tra insulto e critica. Mi sembra che fai un po' di confusione al riguardo. Se ti riferisci al termine “faccione” che ho usato in precedenza, questo era legato solo alla dimensione del manifesto. Se voglio insultare qualcuno, sono abituato a farlo guardandolo negli occhi, non davanti ad un monitor. <br />
Ti faccio notare che in questo blog si sta commentando un fatto di cronaca.<br />
Tu invece, visto che ti piace stare sempre sopra le righe come piace al sindaco che tanto ami, non commenti la notizia ma critichi quello che hanno scritto altri lettori; mancando di rispetto a chi aveva espresso un’opinione, condivisibile o meno, usando termini del tipo “pochezza” e “certa gente”. Questi sì che li considero insulti. E ti rispondo di conseguenza.<br />
Io ho criticato, critico tuttora e probabilmente continuerò a criticare Mangialardi. E’ un personaggio pubblico e sa di essere sempre nell’occhio del ciclone. Mangialardi comunque se vuole rispondere alle critiche è capacissimo di farlo personalmente; non ha bisogno dell’assistente o del portaborse che lo faccia per lui.(a proposito tu quale sei dei due?)<br />
Quando in uno scritto si usano termini come “dignità” bisognerebbe poi avere la decenza di mettere la propria firma in fondo. E’ una questione di educazione, civiltà e di quella stessa dignità di cui si è appena scritto. Offendere nascondendosi dietro l’anonimato è invece l’esatto contrario.<br />
Infine, e qui voglio raggiungere il tuo livello riprendendo il riferimento alle tasse, se tu le dovessi pagare in proporzione alla “ricchezza” dei tuoi di argomenti, dormi pure sonni tranquilli: nessuno ti chiederà mai un euro!<br />
<br />
Luca Panico<br />