Binci all'Udc: politicamente irresponsabile la richiesta di commissariamento

Partito Democratico 1' di lettura 23/04/2010 - "È ormai la quarta o la quinta volta in poche settimane che l'Udc suona la grancassa della richiesta di commissariamento per il Comune di Jesi".

È ormai una musica stancante, tra l'altro politicamente irresponsabile. Perché in un momento così drammatico per l'economia e per le famiglie solo una Amministrazione comunale nel pieno delle sue funzioni può garantire ed orientare al meglio l'erogazione di servizi e prestazioni ad un crescente numero di persone in difficoltà, oltre a programmare efficaci e puntuali interventi nel campo delle opere pubbliche, specialmente sul fronte delle manutenzioni. Aggiungo: è bene precisare una volta per tutte che l'ingresso dell'Udc in maggioranza non è mai stato chiesto da chicchessia.


L'Udc e il centrosinistra si sono presentati ai cittadini con due diversi programmi e due diversi candidati sindaci. I cittadini hanno premiato il nostro candidato sindaco ed il nostro programma. Il fatto che in Regione vi sia stato un accordo con l'Udc non significa affatto che a Jesi le cose debbano automaticamente cambiare. Il Pd continuerà pertanto responsabilmente a confrontarsi con gli alleati che sostengono il sindaco Fabiano Belcecchi per rilanciare l'azione amministrative in questa seconda parte di legislatura, senza andare a ricercare alleanze che non siano quelle scelte dagli elettori.


da Andrea Binci
consigliere comunale Pd





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2010 alle 15:01 sul giornale del 24 aprile 2010 - 635 letture

In questo articolo si parla di udc, politica, jesi, partito democratico, Andrea Binci





logoEV