Monsano: approvato il bilancio, aumenta solo la Tarsu

Comune Monsano 2' di lettura 25/04/2010 - Il Consiglio Comunale di Monsano ha approvato il Bilancio di Previsione 2010, che, recependo anche le indicazioni delle Organizzazioni sindacali, mantiene integra la sua spiccata caratterizzazione sociale, riuscendo a mantenere immutato l’elevato livello di servizi sociali offerti ai cittadini, con una attenzione sempre maggiore verso le sempre più numerose situazioni di disagio sociale ed economico che si manifestano nel territorio in questo periodo di forte crisi economica, assorbite e gestite puntualmente, ma con non poca fatica, dai Servizi Sociali del Comune e anche dal volontariato, la cui recente costituzione del gruppo locale della Caritas ne costituisce l’esempio più illuminante e concreto.

Servizi che a breve verranno trasferiti alla costituenda “ASP9 Azienda Servizi alla Persona” dell’Ambito 9. Si è dunque mantenuto anche per il 2010 un “Fondo Sociale” di € 10000, mantenendo la scelta dell'applicazione dell’esenzione dall’addizionale IRPEF per le “persone fisiche” con un reddito inferiore a € 10000.


Con le altre principali tariffe invariate, l'Amministrazione comunale si è trovata costretta ad operare un incremento del 20% della Tassa sui Rifiuti Solidi Urbani (TARSU), invariata dal 2005 che, con i suoi € 0,89/mq per le abitazioni, rimane la più bassa della Vallesina (media € 1,35/mq). Tale aumento è dovuto al forte incremento dei prezzi di conferimento dell’organico (+88%), del “verde” (+32%) e dell’indifferenziato, e “paga” paradossalmente una situazione locale che vede le tariffe di conferimento agli impianti di bacino tra le più basse d’Italia (i € 99/tonn dell’indifferenziato, il “grigio”, sono da confrontarsi con i circa € 150/tonn della media nazionale), e che, in un servizio “porta a porta” comunque impegnativo, ha bisogno di un tempo maggiore per arrivare a quel raggiungimento di risultati eccellenti anche per quanto riguarda il suo costo per il Comune e per le famiglie, le quali vedranno gli effetti positivi con il passaggio alla tariffa (“paghi quanto grigio produci”), bloccato finora dal legislatore e previsto per il 2012.


I risultati conseguiti finora, con Monsano unico Comune nella Vallesina ad avere attuato il “porta a porta” spinto, devono proseguire nel perseguimento di risultati sempre migliori, con l’Amministrazione comunale che, attraverso uno specifico Osservatorio che andrà a costituirsi, è volta verso l’obbiettivo “Strategia Rifiuti zero 2023”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-04-2010 alle 16:43 sul giornale del 26 aprile 2010 - 864 letture

In questo articolo si parla di politica, bilancio, monsano, Comune di Monsano, comune monsano