Ostra: niente Adsl, il Comune si mobilita

alberto romagnoli 1' di lettura 30/04/2010 - L’assessore all’Innovazione Tecnologica Ing. Alberto Romagnoli interviene sulla questione dell'Adsl.


Da molti mesi lo scrivente, in qualità di Assessore all’Innovazione Tecnologica, riceve e ha ricevuto moltissime segnalazioni da parte di cittadini in merito al diniego da parte di Telecom Italia per l’attivazione di nuove linee ADSL nel territorio di Ostra capoluogo. Pensavo che la problematica fosse connessa ad aspetti tecnici contingenti e momentanei, che spesso evolvono e si risolvono.

Purtroppo la situazione, a distanza di mesi, è rimasta invariata: non è possibile avere l’attivazione di nuove linee ADSL ad Ostra capoluogo. In alcuni casi sono arrivate anche lettere ai cittadini che avevano fatto richiesta del servizio, dove Telecom Italia, oltre a comunicare, la non disponibilità del servizio ADSL, sulla centrale di Ostra, indica che non sono neppure previsti i tempi per renderlo disponibile. Le informazioni reperite telefonicamente hanno fornito risposte non precise sui tempi previsti per l’ampliamento. Auspichiamo che, di fronte alle sollecitazioni poste dai numerosi cittadini, dall’interessamento dell’Amministrazione Comunale, l’operatore telefonico possa quanto prima attivarsi al fine di ampliare la copertura dell’ADSL sul territorio del capoluogo del Centro Storico.

Al fine di fornire precise indicazioni all’operatore nazionale preghiamo tutti gli interessati di inviarci apposita comunicazione via mail all’indirizzo info@comune.ostra.an.it avendo come oggetto la dicitura “Richiesta ampliamento adsl”. L’Amministrazione Comunale provvederà ad informare la cittadinanza sullo sviluppo della vicenda.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-04-2010 alle 13:51 sul giornale del 03 maggio 2010 - 3400 letture

In questo articolo si parla di adsl, comune di ostra, politica, ostra, alberto romagnoli


Ero convinto che Ostra partecipasse al consorzio SIC1, che è nato proprio per risolvere molti di questi problemi.

Risolve 'na cippa...li ho contattati mesi fa perchè avevo un'esigenza. <br />
Ad una mia mail hanno risposto dopo 2-3 settimane dicendo che non c'era nulla da fare.<br />
<br />
Sti consorzi servono solo a magnà soldi pubblici e ad abbellì qualche (ex) amministratore.<br />
<br />
Penso che per gli ostrensi l'unica soluzione sia lo sciopero delle bollette.<br />
Con il ricatto si ottiene tutto.<br />

Io farei così: con l'appoggio del comune, inviterei tutta la cittadinanza a disdire in massa i contratti di rete fissa con l'operatore Telecom. Fatto questo, proporrei la riattivazione dei contratti solo nel caso in cui venga risolto il problema dell'ADSL...<br />
<br />
Mi sembra equo...

Il problema poi è la falsa liberalizzazione all'italiana.<br />
La rete è di telecom ed a nulla vale fare contratti con altre compagnie che, comunque, sono costrette a chiedere i permessi a telecom (che non glieli dà).<br />

SIC1 usa Ostra solo come ponte e al momento dell'installazione del ponte aveva messo a disposizione un numero limitato di contratti (mi pare una sessantina), mentre fino a poco prima della saturazione della centrale offriva una connessione scontata a 9€ tramite tiscali.<br />
Speriamo comunque che riescano a smuovere qualcosa.