x

SEI IN > VIVERE JESI > SPETTACOLI
comunicato stampa

170 bambini e ragazzi mettono in scena Pergolesi a Jesi

3' di lettura
1064
dalla Fondazione Pergolesi Spontini
www.fondazionepergolesispontini.com

asilo La Giraffa
Dal 4 al 7 maggio al Teatro Studio Moriconi di Jesi, 170 bambini e ragazzi delle scuole di Jesi e Montecarotto metteranno in scena spettacoli ispirati a Giovanni Battista Pergolesi, in occasione delle Celebrazioni per i 300 anni della nascita del grande compositore. E’ la proposta della I edizione di “6+ IN LIRICA”, Rassegna di Teatro della Scuola.
La Fondazione Pergolesi Spontini presenta, dal 4 al 7 maggio 2010 al Teatro-Studio V. Moriconi di Jesi, la prima edizione della Rassegna di Teatro della Scuola “6+ in Lirica”, progetto educativo ideato da Silvano Sbarbati ed organizzato dalla Fondazione nel corso dell’anno scolastico 2009-2010 in occasione delle Celebrazioni per i 300 anni della nascita di Giovanni Battista Pergolesi. Ogni giorno, il pubblico potrà assistere gratuitamente agli spettacoli inseriti in cartellone, tutti realizzati dalle scuole. Sono invitati alle rappresentazioni anche gli studenti delle scuole dell’Infanzia, Primarie, Secondarie di I e di II grado.

Il progetto, proposto dalla Fondazione a tutte le scuole di ogni ordine e grado, ha invitato docenti e alunni ad un coinvolgimento attivo in un’azione di avvicinamento al linguaggio espressivo del teatro, favorendo al tempo stesso la conoscenza dell’Opera lirica e l’educazione all’ascolto. Le scuole si sono quindi messe all’opera... producendo un evento teatrale ed al tempo stesso occupandosi di opera lirica, in particolare del melodramma barocco di Giovanni Battista Pergolesi. Partendo dall’analisi del libretto e della musica dell’Adriano in Siria del compositore jesino, ogni scuola presenterà il proprio progetto didattico di libera rielaborazione dell’Opera mettendo in scena alcune brevi performance.

Martedì 4 maggio alle ore 10 andrà in scena “IL CASTELLO DELLA MUSICA”, con i bambini della SCUOLA DELL’INFANZIA “LA GIRAFFA” - I.C. FEDERICO II di JESI. I piccoli racconteranno la storia di “un re che voleva avere sempre nuovi castelli. Per questo era sempre in guerra! Era rimasto soltanto un castello: quello della musica!”. La fiaba termina con un lieto fine: il re e principessa della musica si sposano, e tutti gli abitanti dei castelli vengono liberati.

Nella serata di martedì, alle ore 21, appuntamento con “EMIRENA, BELLA SIRENA”: in scena gli studenti delle SCUOLE SECONDARIE DI 2° GRADO di Jesi: il Liceo Classico “V. Emanuele II” (Istituto Capofila), l’ITAS “G. GALILEI”, l’IPSIA “PIERALISI – SALVATI”, l’ITIS “G. MARCONI”, il LICEO SCIENTIFICO “LEONARDO DA VINCI”, l’ISTITUTO STATALE D’ARTE “E. MANNUCCI”. Lo spettacolo mescola recitazione, musica, danza, e rappresenta tre scene: una prima rappresenta i preparativi di nobili romani in partenza per la Siria dove andranno a portare omaggio al loro imperatore Adriano, una seconda mostra delle coppie di innamorati dell’antica Roma, la terza ripropone in chiave scanzonata la vicenda sentimentale di Adriano, Emirena e Sabina.

Mercoledì 5 maggio alle ore 10 replica lo spettacolo “IL CASTELLO DELLA MUSICA”, con un secondo gruppo di bambini della SCUOLA DELL’INFANZIA “LA GIRAFFA” - I.C. FEDERICO II di JESI.

Venerdì 7 maggio alle ore 10 ancora appuntamento con “IL CASTELLO DELLA MUSICA”, in questo caso con un terzo gruppo di bambini sempre della SCUOLA DELL’INFANZIA “LA GIRAFFA” - I.C. FEDERICO II di JESI.

A seguire, alle ore 11, saliranno sul palcoscenico del Teatro Studio Moriconi gli studenti della SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO “G. GALLI” di MONTECAROTTO - I.C. di ARCEVIA per lo spettacolo “PRIGIONIERI…”. Partendo dal contenuto di due arie dell’opera di Pergolesi (“Sprezza di furor del vento” e “Lieto così tal volta”), vengono disegnati i ritratti di alcuni prigionieri. Ognuno vive la prigionia in modo diverso, rassegnato o coraggioso, incapace di reagire o fermo nei suoi propositi.


asilo La Giraffa

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-05-2010 alle 15:58 sul giornale del 04 maggio 2010 - 1064 letture