x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Maiolati: torna a rivivere il 'violone', in programma laboratori per la sua valorizzazione

2' di lettura
1904
dal Comune di Maiolati Spontini
www.comune.maiolatispontini.an.it

Bilancio molto positivo della manifestazione “Gli Archi della tradizione”, l’evento organizzato nello scorso fine settimana dall’associazione “L’albero del maggio” e dall’Amministrazione comunale.

L’edizione primaverile de “La Marca Eurofolk”, l’incontro internazionale di musica e danza popolare, ha avuto come momento clou la presentazione del violone, uno strumento della tradizione marchigiana in “pericolo di estinzione” oggetto di uno specifico progetto di recupero. Un gruppo di appassionati e un liutaio, Giuseppe Quagliano, hanno lavorato insieme per ricostruirlo ed il primo esemplare è stato consegnato, in comodato gratuito, al gruppo Cantamaggio di Fabriano, con una cerimonia alla biblioteca “La Fornace”. Ma non solo. Sono stati programmati una serie di laboratori, che prenderanno il via nelle prossime settimane, per apprendere le tecniche di realizzazione di uno strumento davvero straordinario. La rassegna “Gli Archi della tradizione” è stata una vera e propria festa in onore del violone. Il gruppo catalano Bruel è stato protagonista della giornata di sabato con i corsi di danza tradizionale e il concerto serale nella piazza di Moie, che ha visto subito coinvolte nei balli quasi tutte le persone presenti, trasportate dal ritmo del violino, della chitarra e dei canti.

Domenica si è svolto il momento più importante: l’incontro-tavola rotonda sullo strumento che l’associazione “L’albero del maggio” sta cercando di difendere dall’estinzione con il suo progetto di ricostruzione e di rivitalizzazione. Il violone, ricostruito dal liutaio Quagliano secondo il modello artigianale tradizionale, è stato consegnato al gruppo fabrianese, riprendendo così il suo posto consueto lasciato vuoto dalla morte dell’ultimo costruttore. Sono stati poi presentati i laboratori di ricostruzione del violone a basso costo, rivolti a tutti quanti vogliano imparare di nuovo un sapere che era destinato alla scomparsa (per informazioni si può telefonare al numero 3485166845).

“Lavorando con gli anziani costruttori, i suonatori e i cantori – spiegano i responsabili dell’associazione – abbiamo legato chi ha iniziato la ricerca sulla tradizione musicale delle Marche e chi sta ripercorrendo adesso quelle strade con la stessa passione e rispetto”. L’assessore alla Cultura Sandro Grizi sottolinea come il progetto “non sia un’operazione nostalgica quanto di recupero, sia fisico che culturale, di uno strumento tradizionale che torna a vivere, riscuotendo l’interesse di molti giovani”. La Marca Eurofolk tornerà di nuovo, stavolta a Maiolati Spontini, dal 1° al 4 luglio. Il festival vanta il sostegno della provincia di Ancona, di CoHabitat e della Sogenus.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2010 alle 17:29 sul giornale del 13 maggio 2010 - 1904 letture