x

SEI IN > VIVERE JESI > CRONACA
articolo

Controlli in Vallesina: tre arresti e sei denunce dei Carabinieri

2' di lettura
785

di Giulia Mancinelli
redazione@viveremarche.it


Nel quadro dei controlli del territorio disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Ancona, i Carabinieri della Compagnia di Jesi nel corso dello scorso fine settimana, hanno setacciato i paesi della Vallesina con l’impiego di uomini e mezzi che hanno eseguito una fitta rete di posti di controllo nelle principali arterie stradali e una meticolosa vigilanza nei centri abitati, nelle zone industriali e nelle periferie. I Comuni maggiormente interessati dal servizio sono stati Jesi , Monsano, Castelbellino, Monteroberto, Moie e Staffolo. Il bilancio è di tre arresti e sei denunce a piede libero.

A Jesi i Carabinieri del Radiomobile e della locale stazione hanno arrestato due uomini, sottoposti agli arresti domiciliari, trovati fuori delle proprie abitazioni. Si tratta di G.G., ventinovenne jesino, agli arresti domiciliari per il reato di furto. Il giovane è stato richiuso nel carcere di Montacuto. Analoga violazione è stata commessa da un cittadino del Senegal P.A., 20 anni, ai domiciliari per reati in materia di stupefacenti. Il giudice dopo aver convalidato l’arresto ha rimesso l'extracomunitario ai domiciliari in attesa del processo.

Sempre a Jesi i carabinieri hanno denunciato un trentenne del posto per detenzione di banconote false. Lo stesso, fermato per un normale controllo e sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di due banconote da 50 euro ciascuna false. Sono in corso accertamenti per verificare il canale di approvvigionamento e per appurare se lo stesso abbia spacciato banconote false in città. Le banconote sottoposte a una prima verifica appaiono molto simile a quelle originali, quindi capaci i trarre in inganno anche persone esperte.

A Staffolo i Carabinieri hanno rintracciato e arrestato un marocchino di 26 anni, già colpito da un decreto di espulsione. Il giovane è stato giudicato dal tribunale di Ancona che dopo la convalida dell’arresto ha differito la data del processo al prossimo giugno.


I militari del Nucleo Radiomobile e delle Stazioni di Staffolo e Moie hanno effettuati vasti controlli contro la guida in stato di ebbrezza e sotto l'influsso di sostanze stupefacenti. Durante i controlli sei conducenti sono stati trovati alla guida dei propri mezzi in stato di alterazione psico-fisica dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche. L’età è compresa tra i 20 e i 30 anni. Per loro è scattato il ritiro della patente e la segnalazione all’autorità giudiziaria per guida in stato di ebbrezza alcolica.


Questo è un articolo pubblicato il 16-05-2010 alle 16:01 sul giornale del 17 maggio 2010 - 785 letture