x

SEI IN > VIVERE JESI > CRONACA
articolo

Evade dai domiciliari, i parenti aggrediscono i carabinieri

1' di lettura
1099
di Francesca Morici
francesca@viveremarche.it

carabinieri jesi
I carabinieri di Jesi hanno arrestato tre cittadini stranieri per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali aggravate. Il fatto è accaduto negli alloggi popolari in via Severi.

In un appartamento abita una famiglia di origine tunisina e nell'abitazione sconta gli arresti domiciliari la figlia 21enne, arrestata per droga. La giovane era stata trovata in possesso di un grosso quantitativo di stupefacente in una città del nord Italia. La ragazza, evasa già varie volte dai domiciliari, non era presente in casa al momento di un controllo e per questo i miltari avevano avviato le ricerche.

I carabinieri sono tornati nell'appartamento per controllare se l'evasa fosse tornata a casa. Ma la madre della ragazza, A. M., 55enne, ha aggredito i militari impedendo loro di entrare aiutata dal figlio 23enne, M. M., e un suo amico, un marocchino di 19 anni, A. R. I tre hanno anche tentato di colpire i carabinieri con una sedia. I due giovani sono poi fuggiti da una finestra sul retro. Sul posto intanto sono intervenute altre pattuglie in aiuto dei colleghi. Sia la madre che i due ragazzi sono stati bloccati e condotti in caserma.

La ragazza è stato rintracciata nell'abitazione di un parente a Jesi in via Fausto Coppi. La madre e i due giovani sono stati giudicati con rito direttissimo e il giudice ha convalidato gli arresti solo dei due ragazzi rinviando tutti al processo per il mese di giugno. La 21enne invece è stata condotta nel carcere di Villa Fastigi di Pesaro.



carabinieri jesi

Questo è un articolo pubblicato il 15-05-2010 alle 18:59 sul giornale del 17 maggio 2010 - 1099 letture