Schianto contro un camion della spazzatura, grave un centauro

ambulamza 1' di lettura 01/06/2010 -

E' stato trasportato in eliambulanza all'ospedale di Torrette il centauro rimasto ferito nell'incidente che si è verificato martedì mattina lungo la provinciale di Sant'Angelo.



Erano circa le 7 di mattina quando Massimo Riminucci, 46 anni, percorreva in sella alla sua moto la provinciale che da Sant'Angelo scende verso via Capanna. All'altezza del Finis Africae però il centauro è stato travolto da un camion che stava eseguendo la raccolta dei rifiuti. Nell'impatto Riminucci è stato sbalzato violentemente a terra strisciando sull'asfalto e finendo incastrato, come la sua moto, sotto al mezzo.

Sul posto è intervenuta l'ambulanza del 118 che, constatata la gravità delle condizioni dell'uomo, ha chiesto l'intervento dell'eliambulanza. Il centauro si trova ora ricoverato a Torrette in prognosi riservata. La dinamica dell'incidente è al vaglio dei Carabinieri di Senigallia ma secondo una prima ricostruzione sembrerebbe che Riminucci si sia trovato improvvisamente il camion di fronte. Da verificare ancora la velocità con cui viaggiava il centauro anche se non è escluso che il camion si sia immesso sulla carreggiata senza accorgersi dell'arrivo della moto.






Questo è un articolo pubblicato il 01-06-2010 alle 18:06 sul giornale del 03 giugno 2010 - 5413 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, ambulanza


Sono un motociclista e devo ammettere che a volte in moto si corre troppo. Comunque voglio dire anche che ultimamente, con la raccolta differenziata e quindi con più mezzi raccoglitori in circolazione, ho notato che spesso questi eseguono manovre senza rispettare minimamente gli altri utenti della strada, immettendosi senza dare la precedenza, senza usare le freccie, spostandosi nel senso di marcia opposto a quello consentito e viaggiando molto spesso a delle velocità spropositate, specialmente nel tragitto verso le discariche.<br />
In bocca al lupo al signor Riminucci.

Commento modificato il 02 giugno 2010

La Provinciale di S.Angelo, che in realtà ricade sotto la responsabilità del Comune, è una strada pericolosa, lo andiamo dicendo da anni e come al solito commentando...finchè non ci scappa il morto...dimenticando che anche quello ci è già scappato. Questa strada è ormai diventata praticamente una via urbana, per la densità abitativa e per il traffico. La velocità tuttavia è sproporzionata e rcenti insediamenti, come quelli del palazzo sede della palestra Club 2000 e altri uffici, hanno reso più pericolosa la circolazione. Ma questa strada è pericolosa anche nell'attraversamento del paese di S. Angelo, dove i limiti di velocità non vengono osservati, dove non si sono fatti mai interventi per migliorare le condizioni del traffico. Idem e ancora peggio a Borgo Marzi, la strada che attraversa il paese, su cui affacciano scuola elementare, giardini pubblici, asilo infantile, centro sociale, chiesa parrocchiale e abitazioni. Il traffico corre a velocità pericolosa. Sarebbe non solo opportuno ma necessario, e ogni ritardo colpevolmente omissivo, che il Comune intervenisse, almeno posizionando strumenti quali dissuasori o limitatori di velocità nei punti più sensibili.

Non so quali siano gli strumenti che l'amministrazione possa installare e che servano a limitare la irresponsabilità di molti automobilisti o motociclisti, ma posso dare la mia testimonianza.<br />
Percorro quella strada quattro volte, se non sei, volte al giorno tutti i giorni.<br />
C'è un limite di velocita di 70 Km. all'ora nel tratto tra la vecchia messersì e Sant'amgelo e di 50 Km nel centro abitato.<br />
E' una bella strada panoramica e ben asfaltata .Ebbene su quella strada si corre. Spesso vengo sorpassato anche quando sono sopra i 70 Km orari e spessissimo molti motociclisti vengono giù o vanno su a velocità da circuito da corsa, se volete, ormai dopo anni di percorrenza, potrei descrivervi i veicoli e magari anche i proprietari.<br />
Addirittura c'è un abitante del Borgo dei Tizi che attraversa spesso la strada non in mezzo alla curva, ma subito dopo, tanto che spesso mi è capitato di trovarmelo davanti all'improvviso.<br />
Ora se questi comportamenti sono responsabilità dell'amministrazione e non dei singoli non lo so.<br />
Ma questo è quello che vedo ogni giorno che la percorro. <br />
Poi purtroppo gli incedenti capitano anche quando ti sembra di essere prudente, se poi si evitassimo gli eccessi ne potrebbe accadere qualcuno in meno.

gino benedetti

Purtroppo la via Provinciale di S.Angelo è molto pericolosa, nel punto dove è successo l'incidente, è la seconda volta in pochi giorni, con la palestra, che ha molte auto in ingresso e in uscita, consiglio di mettere delle barriere per la limitazione della velocità, prima che accadano altri incidenti.

c'è chi corre troppo ma ci sono anche i mezzi della manutencoop che fanno proprio come gli pare, e non solo su questa strada, anche in città: non mettono la freccia quando devono accostare, a volte neanche si accostano e rimangono fermi sulla carreggiata, ad alcuni mezzi non funzionano nemmeno le luci di stop.

Che si mettano degli autovelox fissi che scoraggiano le corse e fanno cassa per l'amministrazione. Confidando che poi gli automobilisti non protestino. O no?

la provinciale è una strada pericolosissima e trafficatissima: io ci abito e traversarla con bimbi è un'impresa sempre difficile.<br />
<br />
non parliamo poi dei sabato sera: lì assistiamo a dei veri "warm up"...<br />
<br />
il comune rimbalza le proprie responsabilità da decenni, tanto che sa provate a chiedere qualcosa, vi rispondono con la famosa frase: "la strada è provinciale", ergo non possono fare nulla...<br />
<br />
oramai non ci aspettiamo più nulla da nessuno: di morti ne abbiamo visti tanti e purtroppo non possiamo sapere se ce ne saranno degli altri. la gente corre, la strada invita a correre... a volte sentiamo dei veri boati quando si lanciano giù da Sant'Angelo. arrivano in prossimità delle nostre case a velocità pazzesche. non parliamo poi delle moto...

mauri giurerebbe di vedere la madonna se servisse a difendere l'amministrazione. Mauri mauri...togliamo i semafori, gli stop, anche i guard rail...cosa può fare una povera amministrazione se i suoi sciagurati cittadini non rispettano le norme (a parte piazzare un sutovelox)? Hai letto i commenti? te l'hanno detto tutti che quella strada è pericolosa, pare che tu stesso l'abbia percepito. anch'io la faccio, anzi la faccio da 45 anni, avendo fatto le elementari a S.Angelo e tenendo famiglia in borgo marzi. Correre è responsabilità dei singoli, non fare nulla per scoraggiare i corsaioli è colpa del Comune, fattene una ragione. Lo ripeto, il prossimo morto sarà un concorso di colpa tra il responsabile e chi non ha fatto nulla per ridurre i rischi.




logoEV