Calcio: nessun ex calciatore vuol 'comprare' la Vigor

3' di lettura 03/06/2010 -

Anche con riferimento a quanto recentemente comparso sugli organi di informazione preme puntualizzare che la attività della Vigor Senigallia continua con la assoluta normalità tipica di questa fase della stagione.



Il Consiglio Direttivo conferma i suoi componenti, registra l’ingresso di altri nuovi dirigenti e sta programmando il futuro con particolare attenzione al potenziamento della struttura operativa ed al rinnovamento e adeguamento dell’impostazione tecnica affinché le strategie societarie (valorizzazione dei giovani, potenziamento delle varie squadre in primis la formazione maggiore, ecc.) siano realmente perseguibili. Il settore giovanile, ancora in attività, organizza e partecipa a tornei vari nella regione. E’ stata firmata la convenzione per la gestione degli impianti sportivi e l’attività è, conseguentemente, già partita. Sono in fase di definizione alcune iniziative per migliorare la conoscenza ed il rapporto della società con il contesto territoriale e per la celebrazione del novantesimo di vita della società. La Vigor continua ad essere una Associazione Sportiva che, in quanto tale, non ha una proprietà che può essere ceduta dagli attuali dirigenti a qualcun altro.

E’ chiaro quindi che non può essere avviata e sviluppata nessuna trattativa di cessione. Non può esserci un venditore e, conseguentemente, un compratore né possono essere pretesi e pagati prezzi. Possono invece realizzarsi forme di sostituzione e/o integrazione degli attuali dirigenti con altri che fossero interessati alle sorti della Vigor. E’ quindi da escludere che ci sia stata una “trattativa” con una cordata di ex calciatori della Vigor per il subentro di questi nella gestione societaria non solo perché non c’è nulla da trattare ma soprattutto perché non ci sono stati incontri tra la società e questo gruppo. E’ invece avvenuto che il Presidente Mandolini, venuto a conoscenza di questo interesse, ha subito contattato Stefano Goldoni (il capitano di tante battaglie e che sembrava essere componente del gruppo degli ex) e con lui ed un suo amico si è tenuto un incontro presso la sede sociale. Nell'occasione il Presidente Mandolini ha illustrato l’impostazione della attività, le articolazioni operative e strutturali, i programmi futuri della società e quanto altro utile ad assumere eventuali decisioni.

Non è stata fatta (è il caso di ripetere) alcuna trattativa e ci si è lasciati con il proposito, che all’interno del gruppo, Goldoni avrebbe verificato le intenzioni e le possibilità di un ingresso in aggiunta o in sostituzione degli attuali dirigenti con la disponibilità dichiarata dal Presidente di verificare qualsiasi soluzione. Dopo pochi giorni Goldoni, come da impegni, ha correttamente informato telefonicamente che per ora non si sarebbe proceduto al alcuna iniziativa. Il Presidente e Goldoni si sono lasciati con il proposito di mantenere un contatto per verificare la futura possibilità di riprendere il discorso. La Vigor, come sempre ripetuto, auspica e rimane disponibile ad accogliere il contributo di chiunque intenda impegnarsi con tempo, idee e risorse economiche per lo sviluppo ed il potenziamento societario.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-06-2010 alle 17:13 sul giornale del 04 giugno 2010 - 2042 letture

In questo articolo si parla di sport, senigallia, calcio, vigor senigallia, U.S. Vigor Senigallia a.s.d, stefano goldoni


La Vigor continua ad essere una Associazione Sportiva che, in quanto tale, non ha una proprietà che può essere ceduta dagli attuali dirigenti a qualcun altro ...<br />
<br />
La forma è quella, ma basta che si dimette il consiglio direttivo e il nuovo viene formato dai nuovi soci (dopo aver pagato i vecchi soci) e il gioco è fatto ...

Per gestire una squadra di calcio servono soldi, a volte tanti.<br />
Il resto, conta ben poco...




logoEV