x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Appello CNA: riportare i problemi reali al centro del dibatitto politico

2' di lettura
956
da CNA Jesi

Elisabetta Grilli

La Cna di Jesi segue con apprensione le vicissitudini amministrative che attraversano la città di Jesi da tempo e si chiede se i nostri politici ed amministratori siano consapevoli della fase critica che sta attraversando l’economia e l’occupazione di questo territorio.

Da troppo tempo il dibattito ruota su questioni tutte interne alla politica dove sembrano prevalere interessi personali e di visibilità politica indifferenti alle sorti di una città intera senza porre al centro dell’attenzione i problemi vitali ed importanti per la città, i cittadini e le attività produttive.

Finora la CNA, nel doveroso rispetto dei ruoli, ha preferito osservare in silenzio proprio perché la politica non è il nostro campo ma è ora che la politica si assuma le proprie responsabilità verso la città e le imprese che vedono nell’azione amministrativa il motore utile e necessario per lo sviluppo del territorio, ed auspica con forza che ci sia la capacità di trovare la sintesi programmatica per portare a compimento il mandato amministrativo. Il dibattito e la discussione sono le precondizioni necessarie all’esercizio democratico, ma queste devono sempre essere funzionali all’individuazione ed alla soluzione delle questioni che i cittadini e le imprese della città pongono agli amministratori.

Quando la discussione si prolunga con tempi biblici e su questioni distanti dalla vita reale la stessa diventa stucchevole rispetto agli interessi concreti. Il tessuto produttivo locale, gli artigiani, i commercianti che vivono questo momenti di grande difficoltà chiedono di uscire da questa fase di stallo amministrativo e pertanto invitano tutte le forze politiche a riportare al centro del dibattito politico la manutenzione e lo sviluppo della città e la crescita del tessuto produttivo.



Elisabetta Grilli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-06-2010 alle 16:00 sul giornale del 18 giugno 2010 - 956 letture